Utente 268XXX
Buongiorno dottori,
vi scrivo per un problema che mi sono accorto di avere ieri, si tratta di una "pallina" dura (che toccandola si muove) situata sull'ano, nella "parete" dell'ano. Toccando questa pallina, o durante la defecazione, avverto dolore.

In settembre ho dovuto prendere antibiotici per sconfiggere l'helicobacter pylori e queste medicine mi hanno creato diarrea. Da lì ho cominciato ad avere dolori durante la defecazione, prurito e ogni tanto un po' di sanguinamento (che vedevo sulla carta, ma non nelle feci). Il mio medico, pensando a delle emorroidi interne, mi ha prescritto delle supposte per 10 giorni ed è migliorato, anche se non del tutto. Allora mi ha prescritto per una seconda volta 10 giorni di supposte e sembrava essere andato tutto a posto, solo che ieri (a due-tre settimane di distanza dalla fine del secondo trattamento con supposte), subito dopo la defecazione, ho avvertito dolore. Non c'ho pensato molto ed oggi ho sentito questa palla dura.

So che una diagnosi via web è difficile, ma di cosa potrebbe trattarsi? Eventualmente, come si tratterà questo sintomo (con medicinali, operazioni,...)?

Preciso che sono un paziente molto ipocondriaco e ansioso, infatti la prima cosa che mi viene in mente è subito il tumore e la morte...vorrei avere una prima "rassicurazione" da parte vostra e nel frattempo mi metterò in contatto anche con il mio medico.

Ringraziandovi anticipatamente, porgo cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile utente
Dalla descrizione sembra che siamo in presenza di una congestione di un plesso emorroidario con una probabile trombosi.
Utile una vista diretta per una conferma della diagnosi e per una programmazione terapeutica.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 268XXX

Egregio Dottor D'Oriano,
la ringrazio per la sua veloce risposta.

Nel frattempo ho sentito al telefono il mio medico e mi ha consigliato di applicare una pomata e vedere se migliora in una settimana, in caso contrario dovrò svolgere una visita specialistica.

Ancora grazie, buon lavoro.

[#3] dopo  
Utente 268XXX

Egregio Dottor D'oriano,
una piccola precisazione che mi sono dimenticato di chiedere sia a lei che al mio medico. Io fumo, poco, molto poco (1-2 sigarette al giorno), questo può essere correlato all'emorroide/trombosi? Può aggravare la situazione?

Questa patologia (trombosi/emorroide) è grave? Se si aggrava cosa può succedere? Mi dispiace tutte queste domande, ma come detto sono un po' tanto ansioso.

Grazie, cordiali saluti

[#4]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Tale consumo è ininfluente.
Attualmente la trombosi è solo una ipotesi che deve essere confermata con una visita diretta.
Si tratta della formazione di un coagulo all'interno di un vaso del plesso emorroidario, complicanza che spesso si verifica in pazienti che soffrono di problemi emorroidari.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#5] dopo  
Utente 268XXX

La ringrazio per la sua risposta.

Certamente è ancora da confermare, essendo io molto ansioso, volevo avere una rassicurazione. Anche perché ho letto su internet delle complicanze della trombosi (embolia, ictus, infarto,...) e sono andato un po' in panico. Dunque anche fumando, bevendo alcool o mangiando alcuni alimenti (sempre moderatamente) non dovrebbero presentarsi complicazioni cosi gravi?

Cordiali saluti

[#6]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non sono patologie legate alla trombosi emorroidaria, ma in questo momento deve assolutamente evitare alcool, insaccati, cibi piccanti, formaggi stagionati, cioccolata etc.etc.
Questi alimenti sono da evitare in presenza di una patologia emorroidaria in "fase acuta"... trombosi o meno.
Auguri.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#7] dopo  
Utente 268XXX

Egregio Dr. D'Oriano,
la ringrazio per la sua risposta e per la rassicurazione.

Gli alimenti citati potrebbero causare gravi conseguenze o rallentare la guarigione? Cordiali saluti

[#8]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Potrebbero sostenere la congestione, ridurre i tempi di guarigione e favorire ulteriori complicanze( comprese trombosi a carico dello stesso plesso o di altri plessi emorroidari)
Auguri
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#9] dopo  
Utente 268XXX

La ringrazio Dottore per tutte le sue risposte.

Colgo l'occasione per augurarle un felice Natale.

Cordiali saluti