Utente 339XXX
Sono estremamente spaventato,
vado a spiegare immediatamente la mia situazione.
Ad agosto, soffro di dolori al fianco sinistro con febbre e difficoltà a defecare. Mi vengono fatte analisi e radiografie e mi viene diagnosticata una gastroenterite.
A gennaio, il 2 gennaio, in partenza, sforzandomi nell'andare in bagno, usci prima una macchiolina di sangue e poi delle feci striate di sangue vivo.
Mi sono recato dal medico che ha sospettato emorroidi di lieve entità, mi ha dato da prendere emortrofine e non ricordo quale altra pomata anale.
Le mie feci sono regolari, a volte morbide, bevo più di due litri di acqua al giorno e mangio cibi ricchi di fibre.
Ieri mattina ho avuto una scarica di cacca non formata, non diarroica.
Successivamente ho accusato un dolore sul fianco sinistro... un dolore che se steso o a seguito di ampio respiro diventa abbastanza rilevante.
Sentendomi come bloccato, ho provato a stimolarmi con il dito.
Lo stesso è uscito striato di sangue.
Ho richiamato il medico e mi ha detto di star tranquillo, perchè si tratta di emorroidi.
Qualche minuto fa, tuttavia, tornando a stimolarmi... avendo passato una notte completamente insonne, notavo che sui pezzettini di feci ( non sono riuscito ad avere nemmeno una minimamente completa defecazione) vi era muco misto a tracce ematiche.
Domattina chiamerò il medico di base, anche perché non sono in condizione di recarmi a lavoro, ma ho davvero bisogno di aiuto.
Aiutatemi a capire quello che sta succedendo e se c'è davvero da pensare al peggio.
Grazie!

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Il suo curante l'ha visitata?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 339XXX

No, purtroppo il medico riceve di pomeriggio. Adesso si è aggiunto qualche decimo di febbre.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Difficile che una gastroenterite dia stipsi.
Considerato il fatto che il problema dura da tempo penserei al colon irritabile.
Naturalmente è importantissima la visita diretta del medico,
inoltre le consiglierei di ... evitare manovre incongrue!
(<<ho provato a stimolarmi con il dito>>)
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 339XXX

Il medico non ha espresso alcun parere.
Nel referto ha scritto febbricola + dolore addominale localizzato fossa iliaca.
Mi ha semplicemente rimandato al Pronto Soccorso, dove mi recherò domani.
E la paura e l'ansia crescono

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
... capisco ... è così ... se si viene inviati in PS!

Consideri di recarsi da un bravo specialista che sappia darle ... più sicurezza!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente 339XXX

Le preoccupazioni aumentano.
Mattinata in pronto soccorso, si evidenzia una possibile infezione.
Le ecografie addome completo mostrano colon discendente con pareti lievemente ispessite (5 mm) con maggior evidenza a livello della giunzione colon sigma (8mm)
Già prenotata colonscopia.

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
L'ecografia è solo interlocutoria,
è non offre precisi spunti di riflessione,
rinnovo l'invito a farsi seguire da uno specialista.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it