Utente
Buongiorno,
sono una ragazza di 34 anni. Ho sempre sofferto di problemi legati ad andare in bagno "troppo". I periodi di stress o emozioni troppo "forti" mi creano involontariamente agitazione e quindi tendo ad avere spesso episodi di diarrea. Negli ultimi 2 anni le cose sembravano andare meglio facendo anche delle cure periodiche con dei buoni probiotici ma ora è da circa 6/7 mesi che ho spesso dolori al fianco sinistro alto. Cioè, se mi schiaccio la zona inguinale e la pancia vicino all'ombelico non ho dolore ma se vado a far leva sotto l'ultima costola, quasi anche un po' dietro la schiena, avverto dolore. E' un dolore simile ad un grosso livido ed è sempre accompagnato da gonfiore addominale e a volte appunto anche da diarrea che curo prendendo imodium e qualche fermento lattico. Solo che dopo qualche giorno/settimana si ripresenta. Il dotto che mi ha visitata mi ha sempre detto che non è niente, che soffro di infiammazioni al colon probabilmente e così non mi ha mai fatto fare ulteriori esami. Dopo mie insistenze, mi ha fatto fare gli esami del sangue di routine che sono nella norma tranne un valore S- AST (GOT) a 73. Così mi ha prescritto un'ecografia al'addome completo e anse intestinali che dovrò fare prossimamente.
Questa mattina però mi sono svegliata con un attacco di colite molto forte, ho provato a prendere 2 pastiglie di buscopan che mi hanno leggermente calmato il problema. Sono andata in bagno 4 volte "normalmente", solo l'ultima volta con feci sciolte, senza sangue ma continuo dolore alla pancia da piegarmi in due. Ho preso quindi ancora due pastiglie di buscopan e una di imodium. Il dolore al fianco in realtà oggi non è particolarmente forte ma gli attacchi alla pancia si e inoltre mi sento parecchio senza forze.
Sono molto preoccupata ed è per questo che vi scrivo. Potrebbe secondo trattarsi di qualcosa di "serio"? Mi consigliate se fare qualche esame in pi' o visita ulteriore? E anche quel valore così alto degli esami del sangue è da ritenersi preoccupante? Grazie dell'aiuto.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Sembrerebbe trattarsi di colon irritabile.Eventuali accertamenti sono pero' indicati per escludere altre diagnosi,su indicazione del medico che la segue.Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente è possibile che il suo problema sia ascrivibile ad una colite per la quale lo specialista che più può esserle di aiuto è il gastroenterologo, il quale dopo averla visitata potrà richiederle degli accertamenti mirati. le GOT lievemente alterate non necessariamente sottendono una patologia associata al suo disturbo.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#3] dopo  
Utente
Vi ringrazio per avermi risposto in modo così rapido. Provvederò a fare anche una visita gastroenterologica. Le GOT capisco che non è detto che siano associate al mio distubo ma in generale cosa significa averle più alte del normale? In internet ne leggo di ogni e non riesco a capire bene....Il dolore che avverto nella parte del fianco alta a sinistra potrebbe trattarsi del colon, è in quel punto?
Ora dovrei fare l'ecografia dell'addone completo e studio anse intestinali che mi ha prescritto il medico, anche se i tempi di attesa sono lunghissimi....

[#4]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
le Got riguardano più propriamente la funzionalità epatica, ma una lieve alterazione isolata come la sua non rappresenta sempre una patologia.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#5] dopo  
Utente
La cosa che mi spaventa di più è questo dolore al fianco sinistro parte alta....Oggi alla fine h preso appunto l'imodium e non sono più dovuta andare ad evacuare ma il dolore al fiancoo, anche se non forte, è comunque presente e in più mi sento parecchio scombussolata.