Utente
Dott.ri buongiorno. La situazione è particolare e inizio subito a descriverla. Partiamo con il dire che a fasi alterne ho sofferto di questo fastidio (se non erro era forse da 1 anno che non mi succedeva). La sensazione di dover espellere feci anche se di fatto quando vado al bagno non faccio nulla.

Tutto è iniziato con il mese di gennaio. Per motivi personali ho vissuto una situazione di forte stress (il mio cagnolino non stava bene) e da li sono iniziati i problemi digestivi. Poi è arrivata una cura di antibiotico (post-dentista) a dare il colpo di grazia. Da li ho iniziato una cura di Debrum per alcuni giorni poi smessa quando i sintomi si sono calmati. Poi sempre sotto stress e concedendomi qualche alimento non proprio salutare per l'intestino (caffè, cioccolata ecc) è tornato il fastidio. Questa sensazione è più marcata quando sto seduto. Mentre da sdraiato il fastidio è minore o assente.

Le feci sono morbide, di colore normale e come grandezza direi come un tubetto di dentifricio (quello classico che abbiamo tutti in casa). Nella parte finale tendano ad essere strette rispetto alla parte iniziale. Quando escono sento un certo calore che poi scompare quasi subito nel giro di qualche minuto. Emetto inoltre molta aria. Non sono presenti dolori di nessun genere a parte rumori interni. Niente diarrea, niente stipsi. Ogni tanto in base a quello che mangio mi capita che la pancia si gonfi come un palloncino e da li mi prende una incredibile stanchezza.

Due anni fa ho fatto una gastroscopia con esito: ernia iatale non complicata. Esami del sangue a settembre ed erano ottimi. Dimenticavo che secondo il mio Dott.re è un problema di colon irritabile. Io però non riesco a stare tranquillo. Mai fatta la colonscopia. Niente perdita di peso, di appetito o strani sintomi di altro genere. In passato però ho sofferto di emorroidi esterne.

Potrebbe essere qualcosa di grave come un tumore? Oppure è riconducibile all'ansia? Magari una visita da un proctologo potrebbe sedare la mia preoccupazione?

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La diagnosi di sindrome del colon irritabile è condivisibile, anche la sintomatologia rettale ed i frequenti stimoli infruttuosi alla defecazione possono essere ricondotti a tale sindrome.
Una visita proctologia ed una proctoscopia saranno utili per una diretta conferma, per rassicurarla, ma anche valutare eventuali problemi emorroidari.
Ci tenga informati.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dott.re La ringrazio per la celere risposta. Da ieri sera ho iniziato nuovamente a prendere il debrum e devo dire che a seguito della prima somministrazione il fastidio si è ridotto di molto.
Domani pomeriggio andrò dal Dottore per chiedere la visita proctologica.

Volevo chiederLe stasera ho evacuato feci di colore misto. Metà marrone e metà color senape. Sempre morbide e compatte. E' sempre riconducibile al colon irritabile? Nel primo post mi sono dimenticato di dirLe che a febbraio 2014 ho fatto un ecografica completa all'addome ed era tutto ok a parte un piccolo angioma che seguo da anni. Appena trovo il documento Le riporto il testo completo.

Grazie.


Cordiali saluti,

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il colore delle feci, di solito marrone, può variare in relazione agli alimenti assunti , ma anche alla velocità del transito intestinale, come spesso accade nei pazienti "colitici"
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente
Dott.re buonasera, scrivo per aggiornarLa sulla situazione. Nella settimana entrante avrò finalmente la visita dal proctologo. I sintomi con l'assunzione del debrum vanno a migliorare. Ho notato inoltre che ad una alimentazione con maggior fibra corrisponde un riacutizzarsi dei sintomi.

Oggi, per esempio, ho fatto colazione con latte, crusca e un cucchiaio di farina di semi di lino. E' tutto il giorno che ho questo continuo stimolo a defecare e sono già stato in bagno più volte. Alcune volte solo aria mentre altre volte vere e proprie feci. Ho la netta sensazione che l'intestino giri a mille.

Anche quando mangio piccante il giorno dopo si presenta il problema.

Diciamo che in questo periodo le prime feci (al mattino) sono comunque sempre a salsiccia mentre nel corso della giornata tendono ad essere di minor quantità e a volte sfatte, senza una forma.

Come sempre:
1) Sono assenti dolori anali e crampi addominali
2) Il gonfiore è diminuito. Questo è successo da quando assumo 1 compressa di pariet (20) ogni mattina. Forse è un caso ma ho notato questo fatto.
3) Niente diarrea o stipsi
4) Niente sangue visibile nelle feci
5) Niente perdita di peso
6) Ottimo appetito
7) Colore delle feci sempre uniforme
8) Un pò di calore anale dopo la defecazione che scompare nel giro di un minuto (oggi di più ma credo che sia collegabile al pranzo piccante di ieri)
9) Meteorismo
10) Rumori intestinali

In pratica nelle ultime due settimane ho avuto una diminuzione dei sintomi (mai completa remissione) ma ho visto che il giorno dopo ad una cena/pranzo un pò piccante o ricco di spezie si traduce il giorno dopo con un aumento di questo stimolo defecatorio.

Cercando di documentarmi ho letto che si parla di tenesmo anale quando si è in presenza anche di dolore. Cosa che invece io non ho assolutamente. Cosa può essere? Un ultima cosa. Non so se può essere utile però oggi in special modo questa sensazione si fa più marcata quando sono disteso nel letto rispetto a quando sono seduto. Strano perchè prima era il contrario (ripeto però che solo oggi ho notato questa differenza).

Dopo la visita proctologica Le scrivo.

Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Per il momento, il tutto, può essere ancora riconducibile ad una sindrome dell'intestino irritabile.
A risentirci dopo la visita.
Saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente
Gentile Dott.re oggi ho fatto la visita dalla proctologa. Dopo avermi ascoltato siamo passati alla visita. Prima quella con il dito e in seconda battuta mi ha inserito una sorta di tubo cilindrico di circa 10 cm. Mi ha detto che non sono presenti problemi di nessun genere. Dall'esame ha recuperato un pò di feci e mi ha chiesto se in genere sono di quella consistenza. Le ho risposto di si e mi ha detto che probabilmente consumo troppa fibra. Per il resto niente sangue, emorroidi o altro. Mi ha così dato il numero di un gastrenterologo che contatterò domani.

Ho un dubbio però che mi è sorto qualche minuto fa. Non avrei dovuto eseguire una pulizia per permettere una migliore visione del tratto finale dell'intestino?

Detto questo comunque sono molto più tranquillo. Domani chiamerò l'altro specialista per un appuntamento.

Grazie per la disponibilità.

[#7]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Bene! Quindi confermato quando avevamo sospettato già dalla replica #1.
Con il proctoscopio non è possibile esplorare o vedere oltre la sua lunghezza..
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#8] dopo  
Utente
Gentile Dott.re il 10 febbraio ho fatto delle analisi. Ecco il risultato

http://digidownload.libero.it/Nicola.Ranno/fil1

http://digidownload.libero.it/Nicola.Ranno/fil2

http://digidownload.libero.it/Nicola.Ranno/fil3

Il valore MCH è più basso rispetto alla normalità. Ho letto su internet che può essere causa di perdita di sangue. Le mie paure sul tumore all'interno sono ritornate.

Mi dica sinceramente se mi devo adoperare d'urgenza o aspettare la visita del 3 di aprile.

Grazie.

Cordiali saluti.

[#9]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si tranquillizzi ed attenda il 3 aprile.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#10] dopo  
Utente
Dott.re La ringrazio per la risposta celere. Mi sembra di capire che il valore anche se inferiore non è sinonimo di allarme. Per attimo mi sono seriamente preoccupato. Comunque sono giorni che stavo un pochino meglio. Tranne oggi però che ho avuto di nuovo una ricaduta. Purtroppo ieri sera sono andato a mangiare fuori. Una pizza e di dolce il tiramisù. Oggi è tutto il giorno che ho la pancia sottosopra. Ho avuto una scarica di feci molli ma in seguito mi sono sentito un pò meglio.

Ho sbagliato ma visto che stavo benino da un pò pensavo che potevo fare uno strappo ma evidentemente mi sbagliavo. Erano giorni che le feci erano formate a salsiccia e pensavo insomma che stavo meglio!

Volevo chiederLe. Se fosse un intolleranza che tipo di esami devo fare per scoprilo?

Come sempre sono assenti dolori, diarrea liquida, presenza di sangue, muco o perdita di peso.
Solo rumori, tantissima flatulenza e meteorismo.

Ancora grazie.

Cordiali saluti.

[#11]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Probabilmente sindrome dell'intestino irritabile.
Sarà chi la visiterà ad indicarle, se necessario, un percorso diagnostico e terapeutico da seguire.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#12] dopo  
Utente
Gentile Dott.re D'Oriano. La ringrazio per le risposte. Da ieri sto seguendo un regime alimentare ristretto che mi permetta di arrivare alla visita del tre di aprile senza troppi problemi.

A colazione latte di riso con fette biscottate e un pò di miele oppure the deteinato con fette biscottate
(in alternativa mangio biscotti senza glutine)
A pranzo riso in bianco con olio
A merenda un frutto (in genere la banana)
A cena pesce/carne con carote lessate

A fine dei pasti principali bevo una tisana digerente di finocchio e zenzero.

Stamattina dopo la colazione ho avuto una piccola colica e poi una scarica di feci molli e dall'odore acido (ho visto pezzi di carote della cena della sera prima). In questo caso però non ho avuto bruciori rispetto alle scariche del giorno prima (ieri). E' anche vero che ieri arrivavo dalla cena della sera prima con la pizza e il tiramisù.

Comunque ho ritirato anche le analisi delle urine e sono tutte ok. Nessun valore fuori dalla norma.

Volevo chiederLe:

1) Prima del tre di aprile sarebbe utile fare un esame chimico-fisico delle feci? Giusto per non arrivare li a mani vuote. In un certo senso mi porto avanti con il lavoro.

2) Per la dieta invece che tipo di fibra alimentare posso utilizzare nel mio caso? La crusca ad esempio vedo che mi da fastidio e mi irrita non poco. Però non posso mangiare solo riso, patate e carote. Altrimenti poi passo al problema opposto ovvero che non vado più in bagno.

Ancora grazie per il supporto.

Cordiali saluti.