Utente 400XXX
Buongiorno

ho fatto da poco una colonscopia a seguito di tracce di sangue occulto nelle feci e per una leggera anemia, con anche conta dei globuli bianchi sotto il valore minimo.
L'esito riporta:

A livello del retto e del sigma si reperta sospetta malattia infiammatoria cronica intestinale compatibile con RCU di grado 2 (attivita' moderata): marcato eritema, perdita del pattern vascolare, friabilita', erosioni. Si procede a campionamento bioptico. Tutti i restanti tratti colici esplorati appaiono regolari.
Conclusioni: quadro endoscopico come da proctosigmoidite ulcerosa stadio 2 (attivita' moderata). In attesa dell'esame istologico si conosiglia:
Mesalazina cp 800mg 1cp x 3/die + Asacol 1 supp/die + Topster 1 supp/die.

Ho 29 anni e, fino a due settimane fa, non ho avuto particolari sintomi gastrointestinali, a parte frequente meteorismo e borborigmi. Nelle ultime due settimane invece ho avuto crampi addominali prima con feci liquide poi con 5-10 giorni di stitichezza.

La diagnosi e' preoccupante? E' una malattia che puo' regredire o si puo' solo controllarla con i medicinali? Mi spaventa in particolare quando nel referto si parla di attivita' moderato, marcato eritema, perdita del pattern ecc. Mi devo aspettare un peggioramento dei sintomi col tempo o la terapia medica (che iniziero' domani) e' efficace?
E' necessario modificare lo stile di vita per quanto riguarda la dieta e l'attivita' sportiva, che pratico frequentemente?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Si tranquillizzi. Si tratta di una RCU limitata al retto per cui la terapia portarà ad un rapido miglioramento. Non trascuri la sua attività sportiva che le darà solo benefici... Dieta normale senza eccedere in alimenti irritanti ed alcolici.


Auguroni


Felice Cosentino

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 400XXX

Gentile Dott. Cosentino

la ringrazio per la risposta. Sono un po' in ansia perche' il medico che ha eseguito la colonscopia mi ha detto di stare a riposo per circa un mese e di evitare viaggi durante questo periodo (viaggio spesso per lavoro), ma dall'esito o dai sintomi attuali non ho avuto la sensazione che sia una malattia in fase acuta o pericolosa...

Riguardo alla biopsia, e' una pratica standard eseguirla in questi casi o puo' evidenziare qualcosa di non ancora diagnosticato?

Mi devo aspettare di seguire la terapia farmacologica a tempo indeterminato ed eseguire colonscopie di controllo ad intervalli regolari?

Inoltre, prima dell'esame stavo assumendo integratori di ferro per l'anemia. E' opportuno riprenderli o possono dare fastidi intestinali? O seguendo la terapia prescritta l'assimilazione di ferro dovrebbe tornare nella norma con la sola alimentazione?

Grazie.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Mi sembra un'esagerazione l'indicazione del medico.
La biopsia viene sempre eseguita per la conferma della malattia e non per altro.
Solitamente la terapia é a lungo termine.
Può assumere gli integratori di ferro.

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 400XXX

La ringrazio di nuovo per la risposta.

Con questo tipo di malattia, e' un sintomo comune soffrire di stitichezza, e non diarrea, come mi sta succedendo da circa 2 settimane? C'e' un rimedio consigliato?

Riguardo a successive colonscopie di controllo ogni quanto e' opportuno farle?

[#5] dopo  
Utente 400XXX

Gentile Dott. Cosentino

avrei anche un'altra domanda. Ora l'infiammazione rilevata e' nel retto e nel sigma, puo' diffondersi negli altri tratti del colon anche seguendo le cure con mesalazina?
Ci sono altre complicanze extra intestinali che possono comparire e che sarebbe bene monitorate gia' da ora?

Grazie.

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Evidentemente la stitichezza è data dalla terapia. Potrebbe assumere una bustina di polietilenglicole....
La malattia potrebbe anche stendersi al resto del colon per cui va monitora endoscopicamente, per tale motivo (e per gli altri quesiti) deve avere un gastroentrologo di riferimento.


Cordialmente

Felice Cosentino - Milano
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it