Utente
Salve a tutti, vorrei chiedere un parere su di un problema che ho da qualche mese: Presento di seguito la successione degli eventi:
-Evidenza di sangue rosso vivo nelle feci, nessun dolore. Mi rivolgo a medico curante che, senza visita, mi prescrive 20 giorni di EMORTROFINEPLUS dicendomi che si trattava quasi senza dubbio di emorroidi interne. Il sanguinamento non si ripresenta più già dalla defecazione del giorno successivo, per qualche giorno non riesco ad andare in bagno con regolarità, ma dopo una settimana tutto torna nella norma.

-Dopo un mese si ripresenta il sangue rosso vivo nelle feci, nessun dolore. Il medico curante mi prescrive una visita proctologica con anuscopia dalla quale emerge:

"ER: mucosa rettale soffice e regolare per il tratto esplorabile, non sangue.
ANUSCOPIA: evidenza di stato congestizio moderato a carico del plesso emorroidario posteriore dx con mucosa iperemica."

Il proctologo aggiunge che non è necessario alcun approfondimento, mi consiglia di mangiare molta verdura per tenere le feci morbide, controllare la dieta e prescrive EMORTROFINEPLUS per altri 15/20 giorni. Ancora una volta il sanguinamento non si ripresenta più già dal giorno successivo e dopo pochi giorni riprendo la mia naturale regolarità.

-Dopo un mese si ripresenta, ancora una volta, il sangue rosso vivo nelle feci, questa volta con leggero bruciore anale. Mi rivolgo al medico curante che mi ri-prescrive EMORTROFINEPLUS (questa volta per 2mesi) e richiede le analisi del sangue e delle urine che risultano totalmente nella norma, eccezzion fatta per una leggerissima abbondanza di linfociti (4.66 anzichè 4.50), che il medico imputa ad una lieve influenza virale. Questa volta il sanguinamento non smette subito, ma si ripresenta anche nelle successive 3/4 defecazioni quotidiane dei giorni successivi, sempre accompagnato da leggero bruciore anale.

Ad oggi è una settimana che non vi è più evidenza di sangue rosso vivo nelle feci, tuttavia non ho ripreso la mia naturale regolarità intestinale: le feci risultano sempre "acquose", non proprio diarroiche, ma neppure compatte, spesso si alternano tratti quasi solo soldi e tratti quasi solo liquidi. Vado però di corpo con la stessa frequenza di sempre: al mattino e solo una volta al giorno, prima dell' evacuazione avverto qualche leggero dolore intestinale.
Vorrei sapere se, a vostro avviso,
1_è necessario effettuare qualche accertamento: potrebbe quel sangue essere legato a questa "irregolarità" ?
2_è stato giusto non effettuare controlli più specifici?
3_come dovrei comportarmi qualora questa irregolarità intestinale dovesse procedere? Meglio una visita presso un gastrointerologo o ancora una volta presso un proctologo?
4_consigli di diverso tipo?
Ringrazio di cuore.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Farei una colonscopia e delle legature elastiche. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Salve, la ringrazio per la cortese risposta.
Potrebbe gentilmente chiarire perché eseguirebbe anche la Colonscopia?

Vorrei conoscere anche il suo parere circa l'irregolarità intestinale di cui parlavo sopra: anomala oppure sintomo coerente con le emorroidi?

Ringrazio ancora.

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Per escludere cause coliche di sanguinamento.
No, l'irregolarita' intestinale non ha rapporto con la malattia emorroidaria. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
Ringrazio e le pongo allora l'ultima domanda: a cosa potrebbe allora essere dovuta questa irregolarità? Alle altre cause coliche possibili?

[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Colon irritabile ad esempio
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it