Utente 146XXX
Salve,
Da qualche anno sono affetto da infezione hpv nel canale anale. A distanza di 1 anno dall'ultimo intervento di rimozione dei condilomi nel canale anale non ho avuto altre recidive anche se persiste l'infrazione da hpv anche con ceppi ad alto rischio. Da qualche mese ho un problema al retto, una "cisti" o qualcosa di simile che i medici non sanno bene cosa sia (ho fatto diverse rettoscopie, anoscopie è una ecografia transanale) se non che è sotto la mucosa del retto ed è purulenta. Il colonproctologo che mi sta seguendo per questo problema suppone sia dovuta la "cisti" (o quel che è) ad un processo infiammatorio, dice che non è necessario un intervento chirurgico di rimozione e voleva prescrivermi una crema al cortisone da mettere nel retto ma gli ho fatto presente che una volta un dermatologo mi sconsiglio di usare creme al cortisone perché questo peggiorerebbe l'infezione hpv è così ha optato per supposte asacol 1 g x 15 gg. Il problema è che tale "cisti" non è né scomparsa né diminuita di dimensioni. È corretto che il cortisone è sconsigliato e controindicato nel caso di infezione da hpv e che potrebbe peggiorarla?
Grazie mille, cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, quando si decide una terapia che provoca degli effetti collaterali come il cortisone, bisogna scegliere sempre, con il proprio specialista, il minore dei mali, quindi si affidi ad un proctologo esperto e segua le sue indicazioni con serenità.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza