Utente
Ho sofferto per lungo tempo di ragadi ed emorroidi, anche se erano piuttosto episodi sporadici, magari intensi per 1-2 settimane un paio di volte all'anno. Ero anche andato da un proctologo anni fa e mi aveva consigliato una cura con dilatatore anale, che pur non essendo piacevole aveva funzionato per un periodo abbasatanza lungo.

Poi a causa della mia vita quasi sempre all'estero per lavoro, e questi episodi che venivano a tempi brevi ed alterni, non ho mai seriamente avuto il tempo di recarmi da un proctologo. Ora mi sono stabilito in un posto fisso (ma all'estero) e per circa due mesi ho continuato ad avere male e piccoli sanguinamente dopo la defecazione.

Ho quindi finalmente deciso di andare da un proctologo che mi ha diagnosticato come principale causa del dolore un "anal fissure" (penso sia il corrispettivo della ragade) e mi suggerito l'operazione chirurgica. Il tutto e' andato bene, ha effettuato il taglio per ridurre tensione del muscolo dovuta alla "fissure" e poi anche tolto le emorroidi. Intervento e' avvenuto lunedi e tutto e' andato bene, volendo potevo essere dimesso martedi', ma ho preferito attendere fino a mercoledi'. Per mia fortuna il dolore non e' stato molto, ho preso analgesici solo i primi giorni e anche l'evacuazione e' sempre stata facile e con poco sangue.

Questo almeno fino a ieri sera, quando circa mezz'ora dopo un evacuazione un poco piu' dolorosa, e' uscito all'improvviso (e senza che avessi il tempo di accorgermene) molto sangue (in parte raggrumato, penso dopo che era stato nel colon per mezz'ora circa). Ovviamente allarmato ho contattato il proctologo che mi ha in cura, il quale dopo il disappunto iniziale (gli rompevo alle ore 20 del venerdi' sera) mi ha detto di andare nel suo studio.

Li ha constatato la perdita -nel frattempo dopo la prima, ne era seguita una seconda di piu' lieve entita'- e mi ha risucchiato il sangue. Ha anche applicato un liquido per fermare emorragia, anche se tra il dolore per il tutto e la concitazione non so bene cosa stesse facendo (visto che comunque mi ha chesto di non voltarmi, e di stre tranquillo). Dopo la prima applicazione ha aspettato circa 20 minuti per un secondo controllo, ulteriore risucchio di sangue e iniezione di liquido. Altri venti minuti e tutto pareva andare per il meglio, anche se quando sono andato nel bagno ho perso ancora un po' di sangue e parte del liquido che mi aveva messo. Ho detto questo al dottore, ma mi ha detto che adesso gli pareva tutto ok,

Mi ha rassicurato, dicendomi che questo tipo di emorragie possono capitare fino a due settimane o piu' dopo l'intervento ed erano dovute all'intervento sulle emorroidi.

Oggi va meglio, non ho piu' avuto perdite consistenti di sangue, ma durante l'evacuazione ho notato di aver espulso ancora del sangue raggrumato. Inoltre ho qualche lieve sanguinamento alcune volte. Anche se mi pare oggi vada meglio, mi chiedevo se ci sono consigli sulla condotta da tenere, se avvisare comunque il dottore anche per sanguinamenti minori, o se questi sono abbastanza normali. Inoltre vorrei sapere se e' meglio avere riposo assoluto senza muoversi molto dal letto, o se piccole camminate anche in casa sono ok.

Ringrazio in anticipo!

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
L'emorragia post operatoria, precoce o tardiva, negli interventi per prolasso emorroidario, sia eseguiti con la tecnica di Longo che con altre tecniche di emorroidectomia,è un' evenienza ,fortunatamente non molto fequente, ma possibile. Raccomandiamo sempre al paziente,che operato in regime di one day surgery,ritorna a casa il giorno dopo l'intervento di valutare con attenzione le perdite ematiche spontanee o all'evacuazione. Poche gocce di sangue rosso vivo rappresentano la normalità dopo un intervento di emorroidectomia,lo sono meno in una prolassectomia ed emorroidopessi sec Longo,dove la sutura non dovrebbe sanguinare.Il sanguinamento anorettale è molto insidioso,in molti casi si rende manifesto solo dopo aver riempito l'ampolla rettale e gran parte del colon,creando un quadro di grave anemia.Questo per raccomandarle di tenere sempre informato il suo curante di eventuali sanguinamenti anche "minori".Nel suo caso le consiglio riposo a letto non assoluto.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la tempestiva e esauriente risposta. Ora pare andare meglio, sabato e in parte domenica l'evacuazione era ancora caratterizzata da feci scure, mi pare principalmente per la presenza di sangue vecchio, ma ieri e oggi le feci sono molto piu' normali e senza sangue.

Vi sono ancora piccoli sanguinamenti (poche goccie), ho sentito il dottore ma mi ha detto che e' normale.

Per quanto riguarda l'evacuazione cerco di non sforzare in modo assoluto, ma semplicemente andare quando sento la necessita'. Pero' mi e' capitato che cosi' facendo, ho dovuto per esempio evacuare due-tre volte nell'arco di un'ora per scaricarmi ed eliminare completamente lo stimolo.

Cerco anche di seguire una dieta ricca di fibre, verdure e legumi. Il dottore mi ha anche detto che e' molto meglio la verdura piuttosto che la frutta (forse perche' quest'ultima fermenta maggiormente?).

Ancora domenica, avevo un po' di giramenti di testa alzandomi dal letto specialmente (bassa pressione?) se velocemente per andare in bagno. Inoltre svegliandomi mi sentivo le mani molto deboli. Ora va meglio. Mi chiedevo se sarebbe utile integrare la dieta con dei fermenti lattici per regolarizzare l'intestino e magari degli integratori viste le perdite di sangue nei giorni scorsi?

Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile utente
La sua sintomatologia potrebbe essere legata all'anemia che si è instaurata con l'emorragia. Sarebbe opportuno, eseguire un emocromo di controllo ed una sideremia, prima di procedere ad una reintegrazione di ferro e vitamine del gruppo B.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com