Utente
Salve, ho 77 anni e nel 2014 sono stato operato di cistectomia radicale con successiva radioterapia che mi ha provocato trementi quotidiani bruciori al retto. Adesso sono in fase di castrazione chimica e il PSA è sempre quasi zero. Il mio grosso problema però non è il tumore (che è sotto controllo) ma la defecazione. Infatti non riesco ad evacuare regolarmente, specie dopo la radioterapia. Su richiesta del mio proctologo ho fatto defecografia,tempi di transito intestinale e TAC total body. Dalla defecografia risulta che ho: ipotonia sfinteriale, ipocinesia rettale, dissinergia del pubo-rettale e prolasso mucoso (ma non ne specifica il grado). Dopo l'operazione ho fatto vari cicli di byofeedback ed elettrostimolazioni che non sono serviti a nulla. Vivo tra lassativi, stipsi cronica,defecazione frammentata (fino a 10 volte al giorno) spesso diarrea se sbaglio nei lassativi o nella dieta, fortissimo tenesmo,forti bruciori (specie se vado diarroico) e confesso che non so più come gestirmi. Il mio attuale proctologo mi suggerisce di operarmi e di risolvermil il problema al 30-40%. Sinceramente non so cosa fare, ho paura dell'intervento che è irreversibile e con ansia aspetto un vostro consiglio. Grazie.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
I cicli di biofeedback e l' elettrostimolazioni hanno migliorato la dissinergia? Ha eseguito una defecografia ed una manometria di controllo? Questo serve a capire quanto è da imputare alla dissinergia e quanto al prolasso.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Egr. Dott. D'Oriano,
le ho già scritto che ho di recente fatto la defecografia ed anche la manometria. I cicli di biofeediback e le elettrostimolazioni non hanno sortito alcun effetto, eppure ne ho fatti 3 in 3 luoghi diversi. Ho letto in qualche posto che per chi ha fatto la radioterapia (come me) non hanno alcun effetto positivo.Grazie comunque per la sollecita risposta e spero che mi risponda ancora. Distinti saluti.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Chiedevo se avesse eseguito dopo il biofeedback e l'elettrostimolazione una defecografia di controllo ed una manometria ano-rttale.
Questo sarebbe utile per chiarire quanto dei suoi disturbi siano da imputare al cattivo funzionamento dei muscoli e quanto al prolasso.
Nel caso predomini il prolasso la chirurgia è indicata.
Se lo desidera ci tenga informati.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente
Egr. dott. D'Oriano,
il mio attuale proctologo mi ha suggerito di farmi operare da lui di resezione rettale per prolasso mucoso occulto con suturatrice circolare ad alto volume. Ma un altro proctologo mi ha informato di non fare tale tipo di intervento che è irreversibile ed ha complicanze e mi ha scritto di fare una prolassectomia manuale. Ma in cosa consiste? Il suddetto proctologo è fuori sede e dovrei affrontare un viaggio. Ecco perchè, prima di partire visto che per telefono è irraggiungibile,vorrei sapere da Lei in cosa consiste questa prolassectomia manuale. Internet non mi aiuta. Grazie per la risposta. Attendo con ansia.Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Lei non ha ancora risposto alla mia precedente domanda e quindi non posso dirle se nel suo caso è indicato o meno l'intervento chirurgico di cui parliamo.
Ormai da tempo esistono strumenti dedicati(suturatrici circolari semicircolari e ad alto volume) per eseguire, in maniera regolata, precisa e sicura, le resezioni del prolasso rettale, ma ancora c'è chi vorrebbe spacciare per sicura la resezione eseguita manualmente. Questa non solo è più difficile da realizzare ma crea all'interno del retto un cilindro di parete rettale plicata che rende rigido il retto che può interferire con l'evacuazione, ancora c'è da aggiungere che le complicanze sono simili. Solo chi non è competente può farsi trarre in inganno, la verità è che "ognuno tira l'acqua al suo mulino" specialmente quando questi interventi vengono eseguiti nelle strutture private a pagamento.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente
Egr. Dott. D'Oriano,
Le ho già detto più volte che ho fatto sia biofeedback che elettrostimolazione (senza alcun risultato), defecografia e manometria.. A quale sua precedente domanda dovrei rispondere? Ciò che più mi tormentano sono: defecazione frammentata,continuo stimolo all'evacuazione e tenesmo. Sempre piccole difficili evacuazioni aiutandomi con lassativi vari. La defecazione frammentata è indice di prolasso? Le credo quando mi sconsiglia una prolassectomia manuale. Quindi non mi resta che una prolassectomia con suturatrice circolare? Se per Lei è l'unica soluzione, la farò perchè mi fido dei suoi pareri. La ringrazio per la risposta e invio cordiali saluti.

[#7]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Lei ha una ostruita defecazione e la defecografia ha evidenziato una dissinergia del pubo-rettale e un prolasso mucoso.
Entrambi possono essere responsabili di ostruita defecazione, ma anche la sola dissinergia; la defecografia di controllo e la manometria, dopo il biofeedback e l'elettrostimolazione, ci avrebbero permesso di valutare se era ancora presente la dissinergia del pubo rettale, perché è su questa che il Bio. e la Elettro. agiscono e ci avrebbero permesso di sapere se ancora entrambi o il solo prolasso erano i responsabili.
Lei corre il rischio, se è presente ancora la dissinergia, di non risolvere con la resezione del prolasso.
In quanto la dissinergia residua potrà dare gli stessi disturbi di ostruita defecazione, al momento presenti.
Spero di aver chiarito il perché della mia domanda.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com