Utente 444XXX
Salve dottori,
vi scrivo perchè vorrei un consulto circa la situazione di mio papà di anni 73.Dopo una protesi al ginocchio sinistro, e successiva ischemia causata dall'intervento, analisi effettuate in ospedale hanno rilevato un psa alto e consigliavano visita urologica. L'urologo dopo aver visto il psa 37.7 ha dato una cura con un integratore naturale nutriprost one.Dopo un controllo, il psa è sceso sui 30.Per poi aumentare, quindi ha consigliato una prima biopsia. Successiva cura naturale ma psa è salito, quindi ha consigliato una biopsia prostatica fusion. Per voi con un psa così elevato, è stata corretta una terapia con integratore naturale? Non sarebbe stato meglio effettuare subito una biopsia prostatica fusion? Mio padre ha fiducia in quest'urologo, io ho un pò persa. Per questo chiedo a voi un consulto.Notizie cliniche: Attualmente il psa è a 41,76ng/ml. Area sospetta alla rm prads 5 anteriore destra, pregressa biopsia con riscontro di HGPIN. La biopsia ha rilevato un adenocarcinoma acinare invasivo gleason 4+3 score 7 grado 3 coinvolgente 80% del campione a e 10% campione c. b-d-e-f lembi agobioptici di tessuto prostatico con focolare atrofia e lieve flogosi cronica stronale periotricolare. Non evidenzia di focolai displatici/neoplastici. g) pin-hg: minimi focolai.Non evidenzia di neoplasia invasiva. L'urologo in considerazione dell'elevato psa ci ha consigliato: scientigrafia ossea e Tac addoino pelvica con mdc per prendere le definitive decisioni terapeutiche (terapia chirurgica,radioterapia o terapia ormonale).Ho già fissato appuntamenti per esami.Scintigrafia al 12 aprile e tac 30maggio. Io e mia mamma siamo preoccupate, vorrei sapere da voi considerata età e problemi avuti da mio papa' per ischemia, ora prende aspirina. come si potrebbe agire, nella speranza che gli esami prescritti siano negativi. E nel caso positivi, si potrebbe curare. Voi vedreste un operazione chirurgica? io ho paura della nestesia alla sua età e con ciò avuto.Con terapia ormonale e radioterapia potrebbe sconfiggere il tumore? con quali prospettive di vita?In attesa di vostra risposta, in modo da tranquillizzarci un pò, vi ringrazio e invio distinti saluti.Silvia

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il vostro urologo di riferimento ha avuto bunon fiuto ad approfondire ulteriormente gli accertamenti dopo la prima serie di biopsie con esito dubbio (HGPIN, ovvero neoplasia intra-epiteliale, che tumore ancora non è, ma certamente in grado di rialzare il PSA). I valori elevati e comunque in aumento hanno spinto ad ultilizzare la modalità diagnostica più moderna. Nel frattempo, non era di fatto indispensabile alcuna terapia, l'integratore vine spesso prescritto solo a fini psicologici affiché il paziente si senta "curato". Prima di porre delle indicazioni ragionate è importante disporre degli esuti degli accertamenti in corso. In linea di massima, per un soggetto oltre i 70 anni in condizioni fisiche non buone, l'indicazione alla chirurgia perde di valore, mentre ne guadagna la radioterapia assocata alla ormonoterapia (quantomento nel primo periodo). Non vi è urgenza assoluta, ma comunque sarebbe il caso di completare gli accertamenti con una certa sollecitudine.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 444XXX

Grazie Dr.Piana,<br />
È stato molto gentile.Mi ha rassicurata sul procedere del suo collega.Cosa intende dire con ormonoterapia e radioterapia almeno nel primo periodo? Dopo si può far altro?Ritiene che possa sconfiggere il tumore così? Sto cercando d'anticipare la tac. Abbiamo paura che la situazione peggiori e vorremmo sapere subito esito esami.Può assumere la cardiaspirina prima degli esami?Aggiornero' Sugli esiti, un parere in più su come intervenire mi rassicura.S.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In genere si sovrappone la ormonoterapia alla radioterapia e si continua con la prima ancora per qualche tempo. Dopo circa un anno se i risultati sono soddisfacenti si interrompe tutto.
Può certamente proseguire la terapia anti-aggregante con aspirina.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 444XXX

La ringrazio molto di tutto dottore. Soprattutto per la velocità nel rispondermi.Le farò sapere appena ho i risultati degli esami.

[#5] dopo  
Utente 444XXX

Salve Dr Piana e dottori,
Ho avuto il risultato della scintigrafia. Esame effettuato per stadiazione carcinoma prostatico mediante metodica whole body dopo infusione di radiofarmaco osteotropo HDP. L'esame non rileva anomalie d'accumulo scheletrico del radiofarmaco osteotropo da riferirsi a secondarismi ossei, si segnalano minime anomalie d'accumulo entità non diagnostica e maggiormente compatibili con fenomeni artrodegenerativi nei seguenti distretti: tratto cervicale inferiore, tratto dorsale medio ed articolazione costovertebrale destra del VII arco, tarso destro. PTG sinistra nella norma con minima iperattività osteoblastica a sede condiloide femorale laterale. Restante scheletro regolare in toto.C'è da preoccuparsi per i fenomeni artrodegenerativi? In attesa di leggerla la ringrazio.S.

[#6] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Carissimo,
L'esame scintigrafico risulta negativo in senso oncologico. Le sedi segnalate sono descritte come verosimili zone di artropatia compatibile con l'età. A questo punto si affidi sereno ad uno specialista in radioterapia oncologica per il trattamento radioterapico curativo associato alla terapia ormonale di lunga durata.
La radioterapia moderna(ad intensità modulata e possiblilmente a guida di immagine) le garantirà i massimi risultati disponibili in termini di risposta biochimica (impatto sul PSA) è una ottima tollerabilità in merito alla possibilità di minimizzare gli effetti collaterali urinari ed intestinali.

Cordialmente,
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#7] dopo  
Utente 444XXX

Gentilissimo Dr. Filippo Alongi,
La ringrazio molto della sua risposta, è stato preciso e dettagliato. L'urologo a mio papà, ha prescritto anche una tac addome completo con mdc, (che eseguirà il 22 aprile) prima di vedere come procedere. Mi auguro che l' esito sia negativo. C'è possibilità che lo sia di più, considerata la scintigrafia negativa? Crede che con la moderna radioterapia, associata a terapia ormonale possa guarire? o tenere sotto controllo psa e tumore? anche con questi trattamenti potrebbe avere problemi urinari e intestinali? più o meno che durata avrà la radioterapia e ormonoterapia? Scusi le tante domande, ma sono una figlia preoccupata ed in ansia, considerato l' ischemia avuta da mio papà, in seguito la protesi al ginocchio.Le comunicherò il risultato della tac, in modo da sapere cosa ne pensa.Grazie mille.S.

[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
cara lettrice "figlia preoccupata"
di un tumore prostatico non si può "guarire" se non con la chirurgia. la radioterapia e la terapia medica ormonale non eliminano la neoplasia prostatica ma possono consentire al paziente di vivere abbastanza serenamente.
nel caso di suo padre non vedrei altra soluzione terapeutica di quella già anticipata dagli altri colleghi. terapia medica e radioterapia.
Ad un paziente, con analoghe caratteristiche, che si rivolgesse alla mia attenzione consiglierei di non fare altri accertamenti e rivolgersi al più vicino centro di radioterapia
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#9] dopo  
Utente 444XXX

Grazie dr. Pozza,
Non ritiene necessaria, quindi la tac addome con mdc, che mi ha prescritto urologo che ha in cura mio papà? Ho esame prenotato per il 22 aprile.Grazie ad un urgenza, altrimenti avredi dovuto attendere il 30 maggio. Il risultato non pregiudica il metodo di radioterapia? S.

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E' molto probabile che i radioterapisti abbiano bisogno della TAC per pianificare il loro modello di irradiazione, ma essendo giustamente molto esigenti, potrebbero non accontentarsi di un esame che non li soddisfa pienamente. Per evitare inutili ripetizioni, forse sarebbe il caso di prendere contatto con i radioterapisti prima di eseguire la TAC,
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 444XXX

Gentili Dottori,
Questo è il risultato della tac.esame TV eseguito nelle scansioni di base e DOP somministrazione eV di mdc in fase arteriosa e parenchimografica.Notizie cliniche:neoplasia della prostata.Torace:non s'apprezzano lesioni pleuroparenchinmali con caratteristiche d'attività.Alcuni linfonodi oli-mediastinici, io maggiore di 9mm diametro assiale in sede ilare destra e di 6mm d.assiale in loggia di Battery.Non versamento libero pluero-pericardico.Grossolana ernia transhiatale.Addome:nn s'apprezzano alterazioni tdm focali a fegato,pancreas,milza,(2milze di 12mm) surreni e reni (riduzione dello spessore midollare con formazioni cistiche paraplegiche).Lieve dilatazione uretere destro, in sede lrevescicale, calibro max pari 7mm e pareti lievemente ispessite ed iperemiche.Colecisti distesa,alitaisica, nn dilatazione delle vbi ne della vbp.Vescica distesa a parti regolari priva di contenuto patologico aggettante endoluminale.Prostata disomogenea. Alcuni linfonodi a morfologia tondeggiante dm max pari 6x5mm sede presacrale.nn versamento libero addomino-pelvico.Osso:in presenza di diffuse alterazioni degenerativo-artrosiche s'apprezza focale area osteoaddensante a carico del soma di l1 a livello della limitante inferiore di 4mm di diametro max di verosimile significato degenerativo.Mi consigliate di fare anche visita oncologica?In attesa di vostra risposta vi ringrazio saluti.S.

[#12] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Sottolineo che la visione del DR. POZZA è assolutamente fuori dalle linee guida nazionali ed internazionali e alquanto "desueta" oltre che insolita per un contesto come questo, dal carattere multidisciplinare.
La radio-ormonoterapia ha lo stesso tasso di guarigione della prostatectomia in tutti gli stadi. Questa non è la mia opinione ma è sancito dalle più importanti società uro-oncologiche italiane (AIOM, AIRO, SIURO, SIU) oltre che internazionali (NCCN; ECCO; ESMO; ASCO; ASTRO).

In merito alla TC sopra, bisognerebbe vedere anche le immagini, sebbene il referto sembra sconfessare altre sedi di malattia.
si riferisca a chi la segue.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#13] dopo  
Utente 444XXX

Buogiorno Pr. Alongi,
Grazie della bella notizia (guarigione anche con radio-ormoniterapia).Considerata la situazione di mio papà(ischemia post intervento protesi ginocchio e precedenti interventi calcoli,ect)anni 74. Lei consiglierebbe cura radio-ormonoterapia o prenderebbe in considerazione anche una prostatectomia robotica? Le chiedo questo, per avere un opinione in più, oltre quella dell'urologo che ha in cura mio papà, con cui valutero' la situazione giovedì.In attesa di sua risposta la ringrazio. Saluti. S.

[#14] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
A 74 anni, anche se portati bene, la prima scelta, dovrebbe essere quella NON invasiva della radioterapia co-adiuvata dal trattamento ormonale.Si risparmia i rischi e le problematiche post-operatorie a parità (lo sottolineo nuovamente) di risultati.

Le aggiungo che la radioterapia moderna, che per i miei pazienti è sempre lo standard, costituita dall'uso di tecniche ad intensità modulata e guidata dalle immagini(IMRT/IGRT), è ottimamente tollerata. Oltretutto è prevista a parità di efficacia e di effetti collaterali la possibilità di ridurre il numero di sedute (IPOFRAZIONAMENTO) e quindi ridurre le problematiche logistiche delle diverse settimane di trattamento che spesso vengono dimezzate(da 40 a 20 sedute circa).

Cordialmente,
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#15] dopo  
Utente 444XXX

Gentilissimo Professore,
La ringrazio moltissimo per la disponibilità e velocità nel rispondermi. E'stato molto chiaro, preciso e dettagliato. L'aggiornerò sullo sviluppo della situazione.Saluti.S.

[#16] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La " focale area osteoaddensante a carico del soma di L1 a livello della limitante inferiore di 4mm di diametro max di verosimile significato degenerativo" è un po' in contrasto con il precedente esito negativo della scintigrafia, comunque questo è scarsamente influente essendo giustamente avviati ad un approccio combinato radioterapico ed ormonale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#17] dopo  
Utente 444XXX

Egr. Dr. Piana e Prof.Alongi,
ci tenevo ad informarvi che sono in attesa di chiamata dal medico radioterapista. Mi è già stato prescritto ormonoterapia con bicalutamide, che inizierò domattina. Volevo chiedere che controindicazioni posso avere da questo farmaco? e dalla radioterapia? Problemi quali bruciori, infiammazioni o incontinenza? Nell'attesa della tel ho anche fissato, come suggerito, un appuntamento preventivo con un'oncologa con cui ho appuntamento il 10 c.m. Pensate che l' oncologa possa essere aiuto nella terapia insieme al radioterapista? cordialmente vi ringrazio e rimango in attesa di vostre info.S.

[#18] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In questa fase la consulenza oncologica medica è da considerarsi opzionale, poiché la terapia viene in genere gestita brillantemente anche solo dal radioterapista.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing