Utente 169XXX

Buongiorno,
verso l'inizio di luglio 2016 ho cominciato ad avvertire dei fastidi all'ano.. non propriamente dolore, era un fastidio che non riuscivo a specificare. Ho sofferto in passato di emorroidi e sapevo riconoscerne i sintomi, che non erano quelli che presentavo. A novembre ho effettutato una visita proctologica che ha diagnosticato ''minima anite, trombi emorroidari in fase di risoluzione'', mi è stata data una cura con supposte e detto di non preoccuparmi. Da allora i sintomi sono peggiorati, è sopraggiunto il bruciore, il prurito, la sensazione di calore, in più ho cominciato ad avere frequentissimi episodi di diarrea. Ho effettuato un'altra visita da un secondo proctologo che scrisse ''mucosa nei limiti'' e poco altro di rilevante, dandomi un blando lenitivo e dicendomi ''non pensarci''. Ora che sono passati ulteriori mesi la situazione è molto peggiorata.. Il fastidio iniziale è presente costantemente, in più sopraggiungono a momenti il bruciore, il dolore, il tutto peggiorato dalle scariche di feci molli o liquide.
Mettendo insieme i pezzi del puzzle, ho pensato ad un rapporto sessuale non protetto, di tipo anale, avuto nel mese di giugno. I primi fastidi sono sopraggiunti dopo poche settimane. E' possibile che io abbia riscontrato una malattia sessualmente trasmissibile e che questa mi stia causando tutto ciò? Ho pensato in particolare a gonorrea (o clamidia). Ho chiesto al mio ginecologo delle indicazioni per un tampone rettale, ma lui mi ha risposto ''sarebbe inutile, il retto è troppo pieno di batteri per avere risultati chiari''. Ovviamente ignorerò questo stupido commento e proverò a chiedere una prescrizione per un tampone al mio medico di famiglia.
Quello che vorrei chiedere è: può la sintomatologia rispecchiare una gonorrea? E soprattutto, considerato che è passato un anno, se risultassi positiva potrei avere avuto ormai conseguenze croniche e non curabili? (immagino rettocolite ulcerosa o peggio)
Grazie dell'eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
A distanza non possiamo esserle di aiuto, la sintomatologia riferita non è specifica ed è comune a diverse patologie ano rettali.
La diagnosi di gonorrea si effettua mediante esame microscopico o colturale delle secrezioni provenienti dall'ano- retto raccolte con un tampone.
Se lo desidera ci tenga informati.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 169XXX

Grazie mille, come già detto sono intenzionata ad eseguire il tampone per accertarmi della mia situazione. Chiedevo soltanto se, in caso di positività, ho da temere per danni cronici, visto che ultimamente sembra il problema si sia esteso anche all'intestino.. E anche se, a distanza di così tanto tempo, il batterio sia ancora riscontrabile con certezza attraverso un semplice tampone o se in qualche modo possa risultare ''latente'' e quindi difficilmente individuabile.
Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Se non trattata può essere responsabile a livello rettale di lesioni ulcerate ed emorragiche con secrezioni mucopurulente, a livello sistemico, molto raramente, si può manifestare con lesioni cutanee, febbre, dolori articolari.
Esistono delle forme asintomatiche ma il gonococco è sempre presente e può essere identificato mediante test di amplificazione dell’acido nucleico (NAAT), test più sensibili rispetto agli esami colturali.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 169XXX

Grazie della risposta. Dovrei andare a giorni a fare il tampone, ma questo mese la pillola contraccettiva mi sta dando spotting abbastanza pesante. Il tampone può essere falsato da questo? Sì, è un tampone rettale, ma è un po' come avere il ciclo, quindi i fluidi tendono a spostarsi anche in zona anale. Devo fare anche la calprotectina.. Anche in questo caso lo spotting può comprommetere l'esame? Grazie.

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
A distanza non consigliamo esami! Lei ci ha chiesto delucidazioni sulla gonorrea e su che tipo di esami si effettuano, ma non le abbiamo detto che sono necessari nel suo caso.
La necessità o meno di indagini in tale direzione, o altre indagini per altra patologia, devono scaturire da una visita colonproctologica con proctoscopia.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente 169XXX

Salve nuovamente,
ho eseguito oggi una visita proctologica (la terza) che non ha diagnosticato niente di importante, soltanto emorroidi di primo grado. Non mi è stato consigliato di fare il tampone perché non sembrano esserci segni di infezione. Nonostante questo tutti i miei sintomi permangono (fastidio, bruciore, dolore all'evacuazione). Il medico ha detto che è come se i miei sintomi non rispettassero il quadro clinico, che pare abbastanza regolare. dall'anoscopia la mucosa anale risulta rosea e non ci sono alterazioni. Per fugare ogni dubbio mi è stata prescritta una rettoscopia (che potrò effettuare solo a luglio) per scongiurare che il ''danno'' sia più in alto rispetto al canale anale.. Nel frattempo mi sono state prescritte supposte di Asacol due volte al giorno. A quanto ho letto dal bugiardino, questo farmaco è indicato unicamente nei casi di colite ulcerosa. Se il mio quadro clinico sembra non presentare nemmeno una proctite (a detta di chi mi ha visitato) e sicuramente non ho al momento una diagnosi di malattia infiammatoria cronica, secondo lei può essere una terapia indicata anche nel mio caso? Ho paura di peggiorare i sintomi.
Grazie.