Utente 452XXX
Gentili dottori,
vorrei esporre brevemente alcuni miei sintomi per poter avere un'idea del problema che mi affligge, essendo in attesa della visita con lo specialista. Sono una ragazza di 25 anni, dopo la consueta igiene intima ho riscontrato una sorta di piccolo rigonfiamento in una delle pieghe che caratterizzano l'orifizio anale, controllando in maniera un pò più invasiva ho potuto notare con l'ausilio di uno specchio una massa situata lateralmente all'interno dell'ano (nella zona più in prossimità dell'apertura). Come sintomi riscontro da qualche mese un dolore al coccige che si presenta in seguito al mantenimento della posizione seduta per un pò di tempo prolungato, inoltre a volte ho del prurito nella zona interessata, ma non sempre. Vorrei aggiungere che da circa 10 anni assumo la pillola anticoncezionale Yasmin per un problema di ovaio micropolicistico( alternata a periodi di sospensione) e che il fastidio nella zona ano-coccige-natiche si presenta più insistente in prossimità del presentarsi del ciclo mestruale. A volte in periodi molto stressanti soffro di colon irritabile, episodi che mi portano ad evacuare almeno due volte al giorno con feci molle, per il resto del tempo ho un'attività intestinale molto regolare, mai sofferto di stipsi. Mentre attendo l'appuntamento con lo specialista, vorrei avere un parere, che possa essere qualcosa di brutto quella massa? Sono un pò preoccupata, anche se il mio medico di base mi ha parlato dell'ipotesi di emorroidi interne, considerando anche che ho nella mia famiglia un caso di tale patologia. Vi ringrazio per un'eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Anche a me sembra possa trattarsi di emorroidi. Va visitata ovviamente, prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 452XXX

Gentile Dottore,
la ringrazio molto per la risposta, temevo potessero essere sintomi legati a qualcosa di preoccupante, anche se in realtà non ho mai avuto perdite ematiche che potessero essere campanello d'allarme per una patologia più seria. Affronterò con più tranquillità la visita specialistica.


Cordiali saluti.