Utente 513XXX
Buongiorno,
A seguito di diarrea e sanguinamento per clamidia, ho effettuato un controllo presso un proctologo. Dalla visita il medico ha riscontrato congestione emorroidale nelle sedi tipiche e anche lesioni condilomatosi.
Mi ha prescritto per un mese
-proctonorm compresse 2 al dì per 10 gg e poi 1 al dì per un mese
-psyllogel una bustina die per un mese e poco più
- condilyne 1 applicazione die per 10 giorni.
Io ho applicato condilyne esternamente intorno all'ano, ma,sinceramente, un po' alla cieca visto che il dottore mi aveva detto chei condilomi erano internamente, quindi non sapevo benissimo in che punto applicarlo considerato che l'uso è solo esterno.
Dopo le prime applicazioni, il 3 o 4 giorno mi è iniziato un forte bruciore e, non vi ho dato peso visto che mi era stato detto, solo che,negli ultimi giorni, visto che ormai è dal 29 che ho finito di applicare condyline, c'è un punto in particolare proprio vicino all'ano che mi brucia e tira tantissimo. Se lo tocco sembra una pieghettina piccola. Ma mi brucia e mi fa malissimo se la tocco o se dilato i glutei sedendomi sul wc.
Cosa devo pensare? Devo aspettare che passi perché è un effetto del condilyne o quel rigonfiamento può essere altro?
Il punto è che prima dell'applicazione di condilyne non avvertivo alcun dolore né sinceramente mi ero accorto se avessi o meno questo piccolo rigonfiamento che però è davvero minimo, cioè io lo noto toccandolo solo perché è il punto che mi brucia.
Devo andare subito da un dermatologo? O prenotare un'altra visita dal proctologo? Perché la visita col proctologo dovrei rifarla almeno tra un mese. Ma così non resisto. Sto applicando proctolyn pomata ma forse non serve a nulla.
Grazie mille.

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Consiglierei di parlarne con il proctologo che la segue per valutare se i condilomi sono ancora presenti. In tal caso sarà opportuno considerare la bonifica chirurgica.
Dr. Roberto Rossi