Utente 522XXX
Buongiorno, sono un rafazzo di 28 anni, sportivo, che per la seconda volta ha un piccolo problema di emorroidi che presumo siano di 2 grado.
da circa 3 settimane ho un piccolo nodino, morbido al tatto, non doloroso alla palpazione, di diametro circa 1cm che scende (o meglio è in prossimità dell'ano) subito dopo la defecazione e rientra se leggermente spinto o comunque nell'arco della giornata.
non mi dà molto fastidio, (avrò avuto dei leggeri bruciori 3 giorni su 20), non sanguina.
Defeco regolarmente ogni giorni, non provo dolore durante la defecazione ma mi accorgo che fuoriesce poichè lo sento nel successivo lavaggio.
ho usato un blister di venorouton e uso prep.h in locale, ma non noto miglioramenti.
Secondo voi devo andare dal medico?
ringrazio.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La terapia medica serve a risolvere, ma non sempre, la sintomatologia emorroidaria(congestione, trombosi, sanguinamento, bruciore, prurito,etc.), ma non il prolasso del tessuto emorroidario.
L' emorroidi, che danno fastidio e non migliorano con la terapia medica, potranno essere asportate, se proprio necessario, o riposizionare in sede, come spesso è possibile, solo chirurgicamente
Utile una visita per una corretta valutazione del suo prolasso e per indicarle l' opportuno percorso terapeutico.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 522XXX

ringrazio.
Onestamente non pensavo che per una cosa così "blanda" fosse gia preventivabile un intevento chirurgico.
Ad ogni modo ne parlero quanto prima con il mio medico.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Indipendentemente(cosa così "blanda") dal grado di prolasso emorroidario, l'opportunità o meno di intervenire chirurgicamente, in assenza di un risposta farmacologica, nasce dall'intensità della sintomatologia,dalla frequenza con la quale si manifesta e da come questa interferisce con la qualità di vita.
Queste saranno le cose da valutare insieme al proctologo in corso della visita.
Se lo desidera ci tenga informati.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 522XXX

ringrazio lo farò