Utente 544XXX
Buongiorno, vorrei un vostro parere. Dopo una visita proctologica mi sono state riscontrate emorroidi di III grado. Mi è stato poi consigliato dal chirurgo che mi ha visitato un nuovo e veloce (mi hanno parlato di una ventina di minuti) intervento mini invasivo con anestesia locale, la "termo emorroidopessi" che grazie all'uso del calore dovrebbe ridurre o far scomparire il problema in maniera indolore anche nel post operatorio, e con scarse possibilità di recidive.
Potete darmi informazioni su questo intervento, chiarendomi meglio in cosa consiste? Grazie!

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La termo emorroidopessi consiste nel creare una ustione sulla parete rettale tale da determinare una retrazione della parete rettale stessa con risalita e fissazione(emorroidopessi)nel canale anale del tessuto emorroidario.
Tale tecnica, nelle linee guida delle più autorevoli società di colonproctologica, non è indicata per prolassi emorroidari di III grado, ma per prolasso di I/II grado resistenti alla terapia medica.
In questi casi le percentuali di recidiva del prolasso si aggirano sul 25%.
Eseguo tale tecnica è confermo la rapidità di esecuzione e la scarsa sintomatologia dolorosa nel post operatorio, ma non condivido l' uso nei prolassi emorroidari di III grado per il sicuro residuo di malattia emorroidaria è recidiva del prolasso.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 544XXX

Innanzitutto dottore la ringrazio per la rapidità del risposta. Quindi se ho ben capito, mi è stato consigliato un intervento non idoneo. Vorrei capire meglio, ma sarebbe la fotocoagulazione ad infrarossi?
Che complicanze può dare, eventualmente, questo intervento? Mi sono state prospettate rare e comunque non importanti. E' stato riscontrato anche un polipo sentinella ipertrofico per una ragade anale ora guarita. Nell'occasione del primo intervento emorroidario (che mi è stato prospettato solo in anestesia locale), converrebbe rimuoverlo, e nel caso, sarebbe doloroso sia durante che nel post?
Ho infatti notato che tende a fuoriuscire nell'evacuazione, ma non posso capire se sia sintomatico o se i fastidi che provo sia dovuti solo alle emorroidi.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non idoneo in relazione al grado emorroidario che ci ha riferito(III grado)!
Oggi su usa il raggio laser per creare la retrazione cicatriziale che determina la risalita del tessuto emorroidario.
Una papilla anale ipertrofia, che impegna il canale anale fino a fuoriuscire dall'ano, va asportata!
Prego
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 544XXX

Ok, chiarissimo. Un'ultima domanda, questo tipo di intervento prevede anche la chiusura con il laser delle arterie che irrorano le emorroidi, andando a bloccare la loro irrorazione, oppure si basa solo sulla retrazione cicatriziale dovuta all'ustione?
Ho sentito parlare dell'intervento HeLP e vorrei capire se la termo emorroidopessi è lo stesso intervento.
Grazie ancora dottore, saluti.

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si! Il tentativo è quello, di "chiudere le arterie che irrorano le emorroidi",
cosa che avviene inizialmente, ma ben presto l'irrorazione riprende attraverso circoli collaterali.
La sclerosi da ustione,sulla parete rettale, invece è definitiva e questo raggrinzimento che tira su il tessuto emorroidario.
Questo intervento e queste ustioni possono essere eseguite con raggio infrarossi o con raggio laser, si chiama HeLP quando si usa il raggio laser.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente 544XXX

Un'altra cosa dottore, che avevo dimenticato di chiedere. Questo tipo di intervento ed il suo postoperatorio, può correre il pericolo di risvegliare la ragade?
E più in generale, a che tipo di inconvenienti andrò incontro nei giorni successivi? Sanguinamenti, evacuazioni dolorose? Ho provato a leggere in rete ed ho trovato esperienze diversissime.
Mi ero dimenticato di dirle che è stato anche riscontrato alla visita anche un ipertono dello sfintere abbastanza accentuato.
Grazie ancora.

[#7]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si è possibile.
Ha letto bene.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com