Utente 504XXX
Egregi dottori,
dalla fine dell'estate, avverto una leggera infiammazione rettale che, talvolta, sfociano in qualche macchiettina di sangue, appena visibile.

Il mio medico curante, facendo riferimento alla presenza di ragadi anali con qualche taglietto visibile, mi prescrive: daflon 500 (2 cp al dì mattina e sera) + connettivina crema (due applicazioni al dì, mattina e sera) senza apprezzabili risultati (all'inizio era passato tutto, tanto che avevo interrotto il trattamento) ma poi mi è ritornato e il medico, a questo punto, mi manda dal proctologo.
Con i tempi biblici del SSNN, la visita mi è stata prenotata per il 5 febbraio 2020.
Ora, premetto che non ho alcun problema nel defecare, persiste, talvolta, qualche macchiettina di sangue ma non è mai presente dolore, nè alcuna modifica intestinale.
Tuttavia, queste ragadi non sembrano passare (sento un leggero bruciore locale dovuto all'infiammo).
Devo preoccuparmi?
Ho letto che, raramente, può insorgere un tumore al colon retto o un infezione HIV (non faccio uso di sostanze e non ho mai avuto rapporti sessuali anali) ma che, di solito, dovrebbe passare tutto il 4 settimane e di mesi ne sono passati quattro...
Considerati la situazione, dovrei anticipare la visita proctologica e farla a pagamento in quanto urgente o posso star relativamente tranquillo e aspettare l'inizio di febbraio?

Grazie per aver letto.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Che dirle?
Dalla descrizione della sintomatologia non sembrerebbe una ragade, potrebbero essere delle piccole fissurazioni della mucosa che riveste le emorroidi?
È necessaria una visita, non urgente, ma febbraio è una data troppo lontana.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com