Utente 764XXX
Salve, sono reduce da una seduta di crioterapia per asportazione di un condiloma, singolo, alla base del pene. Attualmente non sembra cambiato nulla, la lesione è sempre lì ma suppongo che nelle prossime ore vada in necrosi, giusto? Bene, volevo chiedere per quanto tempo devo astenermi dai rapporti sessuali; so che dopo la crioterapia il condiloma non è più contagioso e quindi il partner è al sicuro, però temo che la soluzione di continuo causata dalla crio possa esporre me ad ulteriori infezioni. Preciso che ho sempre rapporti protetti da preservativo, e quindi volevo sapere quanto devo astenermi considerato però che mi proteggo sempre (infatti sono rimasto piuttosto interdetto da questa infezione, deduco che il preservativo aiuti ma non azzeri il rischio in caso di HPV). Ne approfitto per chiedere se la probabilità di autocontagio anche in altre zone (ad esempio la zona perianale o l'interno delle cosce a causa dell'igiene intima) sia molto alta, e quanto devo preoccuparmi per l'associazione tra HPV e carcinomi. Grazie in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
ma chi le ha detto che il condiloma non è più contagioso dopo crioterapia??????
Chiunque lo abbia fatto ha detto una solenne sciocchezza.
Rapporti protetti, sempre e per tutta la durata del rapporto! Anche alla scomparsa dei sintomi ( delle lesioni cioè) rapporti protetti! Controlli periodici nei due partner ( PAP + colposcopia nella donna, visita + balanoscopia nell'uomo) per almeno 1 anno. Se, dopo 1 anno, non ci sono recidive o nuove manifestazioni di malattia, si può pensare di smmettere di usare il profilattico. Tutto ciò senza se e senza ma.

Saluti
Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 764XXX

Gentile Dott. Mocci,
temo di non essermi spiegato bene. Come può notare rileggendo il mio messaggio, la questione non era se usare o meno il preservativo; su quello non transigo, lo indosso sempre e comunque e non mi causa problema alcuno. Il mio dubbio riguardava la posizione del condiloma: dato che era localizzato alla radice del pene, in una zona che durante l'atto non è ben coperta dal profilattico, temevo che la soluzione di continuo causata dalla crioterapia (che comunque lede i tegumenti) potesse espormi al rischio di ulteriori infezioni - anche più gravi. Quindi volevo sapere per quanto tempo dopo la crioterapia devo astenermi completamente dai rapporti.
Gradirei se possibile anche un chiarimento sugli altri due quesiti che ho esposto nel primo messaggio. La ringrazio per la disponibilità, cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Provo a ripetermi, cercando di essere un po più comprensibile.
Anzitutto, non è vero, come lei ha scritto (ovviamente lo ha sentito dad qualcuno, immagino) che il condiloma trattato non è contagioso. Per quanto riguarda poi il fatto che una soluzione di continua, seppur piccola potrebbe esporre al rischio di nuove infezioni questo è ovvio, anche se, nelle zone vicine al condiloma, non è detto le cellule non fossero già infettate.
Per l'astensione dai rapporti, nella mia pratica clinica è molto raro che la consigli se non nei periodi necessari alla cute per cicatrizzare.
Cerchi anche un metodo per frapporre una barriera meccanica tra la zone del condiloma (che, come dice, è in una posizione difficilmente coperta al 100% dal profilattico) e la partner.
Infine: le lesioni sottoposte a crioterapia possono andare in necrosi dopo qualche tempo.
Per quanto riguarda l'autocontagio, è molto frequente e non c'entra col livello di igiene della zona, ma piuttosto per la possibilità di contatto esercitata dalle manovre effettuate sulla zona.

Sperando di essere riuscito , almeno in parte, a dissipare i suoi dubbi


Saluti
Luigi Mocci MD