Utente 270XXX
Salve, secondo voi è vero che con le nuove cure oggi le aspettative di vita di una persona affetta da hiv sono pari a quelle di una persona sieronegativa?

p.s. ovviamente se questa infezione viene rilevata entro i 3 mesi dal rapporto a rischio

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La differenza risiede nella variabile terapia: se il soggetto ha iniziato la terapia antiretrovirale le percentuali di aspettativa di vita sono al di poco sotto quelle di un soggetto normale.

Saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 270XXX

Grazie mille dottore per la risposta, potrò dunque affrontare l'esito del test con più tranquillità, a prescindere del risultato....

[#3] dopo  
Utente 270XXX

Ah, dottore, giacchè mi trovo, ne approfittò, se avete tempo per rispondermi per togliermi un ultimo dubbio: il latte materno (di una donna sieropositiva) rischia di contagiare (sempre di hiv intendo) solo il lattante o anche soggetti adulti se ne ingeriscono per errore una piccola quantità?

[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
si è un mezzo infettante per tutti.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it