Utente 269XXX
buongiorno,
sono una ragazza di 34 anni. La scorsa settimana mi sono accorta di un nevo sospetto sulla coscia sinistra (lato interno, poco sopra il ginocchio).
Questo nevo ce l'ho dalla nascita, è sempre stato un pò più grande rispetto gli altri (circa 5-6 mm). non è mai stato sporgente ma comunque era avvertibile al tatto. (una sporgenza piccolissima)
Giovedi della scorsa settimana ero in palestra e stavo facendo cyclette. Indossavo un paio di pantaloni da ginnastica con una cucitura in rilievo che, nella pedalata, sfregava proprio sul nevo. Ho avvertito un senso di bruciore subito accompagnato da prurito intenso.
Spogliandomi mi sono accorta che il nevo era molto arrossato e gonfio. si presentava con un alone rosso-rosa intorno e molto gonfio. Il prurito ha smesso dopo un paio di giorni circa. Tengo a precisare che il prurito non era continuo ma a intervalli, tra l'altro molto distanti l'uno dall'altro.Oggi sono passati 5 giorni e il nevo si presenta meno arrossato e la sensazione di prurito è scomparsa del tutto. E' rimasto questo alone rosa-rossastro intorno al perimetro del nevo e questo rigonfiamento. Sul nevo sono presente due peli (di piccole dimensioni).
Ieri sera sono stata visitata dal mio medico di base, il quale mi ha rimandata a un dermatologo. Purtroppo i tempi di attesa per una visita dermatologica sono molto lunghi, infatti dovrò attendere fino a maggio per una visita convenzionata con il ssn. Stavo quasi pensando di andare a pagamento, perchè ci sono casi in cui la tempestività di intervento è fondamentale, quali ad esempio un melanoma.
So benissimo che l'unica cosa da fare è attendere la visita e il parere dell'esperto, ma ho un pò di paura. Un nevo può infiammarsi per sfregamento? Potrebbe essere il mio caso? Se sì, come si presenta un nevo infiammato e quanto tempo impiega per ritornare "normale"? Il mio medico non mi ha prescritto alcuna pomata nè trattamento da fare perchè non era sicuro sull'ipotesi dell'infiammazione. Secondo lui potrebbe esserci anche qualcos'altro...
Vi ringrazio anticipatamente per la Vs. gentile attenzione e per le risposte che vorrete inviarmi.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
da quello che riferisce ,la diagnosi principale che viene in mente è di un nevo verrucoso o papillomatoso , benigno , che è stato traumatizzato e quindi presenta fatti infiammatori non pericolosi.
Ma è chiaro che per avere una certezza , e come ha capito qui la cosa è importante, bisognerà effettuare una dermatoscopia presso un dermatologo attrezzato all'uopo. la faccia dunque.
Ma sono ottimista.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 269XXX

Gent.mo Dott. Griselli,
grazie infinite per la sua risposta.
Auspico che la sua diagnosi possa essere uguale a quella che il dermatologo mi riferirà in sede di visita.
Non nego che sono molto spaventata e preoccupata.
Internet è sì uno strumento validissimo e prezioso per molte cose, ma talvolta può diventare uno strumento capace di innescare paure e allarmismi quando, noi utenti, da profani,andiamo a ricercare sui vari motori di ricerca e forum, notizie su malattie e patologie. Questo è quanto è successo a me, dove mi sono imbattuta in siti che comunque riferiscono e attribuiscono a un nevo infiammato e pruriginoso quasi sempre carattere di melanoma.
Spero che il dermatologo possa darmi una diagnosi positiva e risolutiva e non "catasfrofica".
La ringrazio di cuore per il tempo che mi ha dedicato.
Cordialtà