Utente 129XXX
Buongiorno, alcuni giorni fa mi sono accorto di avere dei puntini rossi sul glande, questi puntini tendono a fare la puntina a vescicola, non sono tantissimi, ma li ho notati perché non li avevo mai avuti.
Consultando internet e vedendo alcune foto, credo che si tratti di balanopostite in quanto questi puntini sono anche sotto il glande. Ho applicato della gentamicina 1% con betametasone una volta soltanto e sono spariti, ma dopo alcuni giorni sono riapparsi. Premetto che mi recherò dal medico quanto prima, ma leggendo ho compreso che tale irritazione può dipendere da molteplici fattori, ma quello che Vi chiedo è quanto: non ho avuto rapporti occasionali o a rischio e quindi trattandosi di micosi o batteriosi come li avrei contratti????

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent. Le
Pz
Infatti non vi è la diagnosi. Il suo racconto in primis mi suggerirebbe una balanite irritativa-allergica , ma tutto da verificare.
Nel caso non si tratterebbe di patologia MTS , ma di certo la visiya dermovenereologica potrebbe cambiare del tutto lo scenario ed è assolutamente necessaria per dare una diagnosi certa e una terapia consequenziale corretta.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Confermo pienamente le sagge parole del Collega Griselli e mi permetto di aggiungere che non è' detto che per forza si debba essere in presenza di balanopostite ( veda pure un link di approfondime to sul tema https://www.medicitalia.it/minforma/dermatologia-e-venereologia/206-balanopostite-balanite-conosciamole-meglio-curarle.html )
Sovente capita che alcuni pazienti "scoprono" fenomeni fisiologici come vere e proprie novità, le quali in realtà sono ascrivibili a quadri del tutto fisiologici
Ad ogni modo rimaniamo nella mera teoria: serve la diagnosi specialistica venereologica.
Cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it