Utente 881XXX
Cari medici
Sono un ragazzo di 24 anni
giungo subito al dunque
da ormai 5 anni soffro di un potentissimo bruciore che attacca tutto il mio corpo, nel momento in cui termina l'autunno e comincia l'inverno o cmq non appena giunge la stagione fredda. Esso sparisce solamente da aprile in poi non appena la mia pelle si abitua a sudare spesso e non avverte più freddo eccessivo, e con ecessivo io intendo usare il maglione e non la camicia.
In sostanza comincio ad avvertire bruciore alla schiena all'altezza dell'osso sacro e da li in pochi secondi si espande al petto, pancia , braccia, polsi, caviglie fino a colpire l'interezza del mio corpo.
Uso una pomata al cortisone che funziona SOLO se la metto nella schiena, nella striscia visibile dalla pelle, della colonna vertebrale, mi provoco il sudore con la pomata messa e per 3 giorni sto bene...ma poi stessa procedura, ache se non è che mi passi del tutto...si dimezza la potenzae nulla più.
Volevo solo avere da voi un consiglio su cosa potrei usare per star bene, ed ovviamente una breve ipotetica diagnosi..ormai da 5 anni devo per forza di causa odiare l'inverno e tutto perchè nella mia città non ci sono medici molto qualificati in dermatologia...basta dire che uno mi disse che dovevo lasciare l'italia perchè era come se la mia carnagione chiara, paragonata a senso suo ad un orso polare, stesse in un clima caldo e quindi dovevo andare a vivere al nord....
Vi ringrazio anticipatamente della risposta e vi mando i miei cordiali sauti.

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
il suo è un caso difficile a trattarsi senza visita "reale", però alcuni rilievi si possono fare.
Il fatto che abbia una andamento di "vai e vieni" e che risponda ai cortisonici(criterio ex adiuvandibus) potrebbe deporre per una dermatite di origine allergica.
Si potrebbe inoltre ipotizzare che il contatto con sostanze contenute in abiti invernali (es.di lana)possa dare una reazione di tipo irritativo -allergico.
Nel caso sarebbero utili test allergometrici.
Ma tutto ciò è veramente campato per aria perchè solo con una precisa visita dermatologica sarà possibile orientarsi validamente e giungere a diagnosi e terapia.
Cerchi dunque uno specialista che la possa aiutare.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 881XXX

Gentilissimo Dott Griselli.
la ringrazio per avermi risposto in modo cosi tempestivo
detto questo, premetto che 5 anni fa effettuai molteplici visite e sono lieto di elencarle:
1)esame totale del fegato (soffro della sindrome di gilbert)
2)esame dermatologico totale(da 3 medici diversi)
3)esame neurologico

Alla fine l'unico dato che mi hanno dato per certo è che si tratta di orticaria colinergica.
ed in effetti, facendo delle indagini in internet ho letto che essa si può manifestare come nel mio caso, solaente ininverno e sparire con l'estate...ma in 5 anni l'unica cosa che mi sembra strana è :
1)che le pillole di cortisone nn fanno assolutamente nulla.
2) che l'antistaminico ha solo l'effetto di far diventare i piccolissimi ponfi,semoplici macchie rossissime
3)che la pomata al cortisone ha effetto SOLO se la metto all'altezza della spina dorsale e mi provoco immediatamenteil sudore...se la mettessi anche in altre parti (es : polsi e caviglie), non funzionerebbe la mia tecnica, cosi come se non mi provocassi il sudore nell'immediato.

alla luce di questo, tutto ciò che vorrei sapere è solamente se esiste qualcosa che abbia un minimo di effetto( anche qualcosa di naturale)e se si tratta alla luce di cosa ho appena citato, di orticaria colinergica, dal momento che di prurito non si tratta ma di bruciore fortissimo in tutto il corpo.
La ringrazio di cuore ancora, speranzoso che lei mi possa dare l'ultima delucidazione in merito.
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
il suo caso va approcciato con diagnostica che abbraccia un'area plurispecialistica (dermatologica, allergologica, neurologica); per avere una diagnosi corretta e sicura si dovrebbe raccogliere una messe di dati ,e fare tanti esami(sarebbe più comodo in un regime ospedaliero)tali da arrivare ad una certezza.
Da qui discenderebbe la terapia.
Se confermata la orticaria colinergica, questa insorge per meccanismo riflesso, essendo mediatore l'acetilcolinacon successiva ovvia degranulazione dei mastociti; è chiaro che si richiedono antiistaminici con proprietà anticolinergiche del tipo idrossizina.
Di solito comunque le sedi interessate sono alla radice degli arti e in generele nelle zone provviste di ghiandole sudorifere.Per inciso vi è chi consiglia in tal forma anche dei tranquillanti.
Vi è una diagnostica anche per questotipo di orticaria, che fa parte dell c.d. fisiche.
Telematicamente non saprei dire di più...deve essre per forza trattato in maniera "reale",;scelga dunque uno specialista che possa realmente prenderla in carico (es alla clinica universitaria dermatologica della sua città)
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)