Utente 501XXX
Buongiorno, mi scuso per il disturbo. Pongo questa domanda perché purtroppo non ho trovato altri consulti simili a questo. Ogni volta si tende a fare sempre confusione quando si dice che i funghi siamo contagiosi in quanto alcuni sostengano che lo siano mentre altri no. Anche tra gli stessi medici ci sono pareri discordanti sull’eventuale contagio, a questo punto mi sorge una domanda spontanea: è possibile prendere i funghi dopo aver toccato i funghi della pelle di una persona infetta? È possibile contrarre i funghi dopo aver toccato superfici infette dalla persona che si era toccata i propri funghi e poi ha toccato vari oggetti? Tipo libri, sedie, divani. Nel caso per esempio fossero stati toccati dei libri, come si dovrebbe intervenire? Qualora i funghi dovessero essere in cura, è possibile comunque un reale contagio?
Mi scuso ancora per la domanda, spero possiate aiutarmi perché non sto capendo più nulla sulla modalità di contagio, e sinceramente vorrei evitare di prenderli visto che parecchi dei miei membri familiari li hanno. Ringrazio anticipatamente per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

molto chiaramente: dipende dai funghi

se si tratta di dermatofiti (causa ad es della Tinea) la trasmissibillità è anche indiretta: es divani appena contaminati, letti, calzature

se si tratta di candidosi, il contagio è solo per via sessuale

se si tratta di lieviti come la pitiriasi versicolor il contagio non è quasi mai possibile.

In tutte queste condizioni vige il "permissivismo immunologico" ovvero la variabile soggettiva.

saluti!
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 501XXX

La ringrazio immensamente per la risposta. Credo si tratti di pitiriasi versicolor (sono bianchi tipo a chiazze) e anche di dermatofiti (sono rossastri). Non so se in base al tipo di colorazione si possa capire quale fungo sia, in ogni caso hanno entrambe le varianti. A quanto ho capito è più facile che si venga contagiati dai dermatofiti rispetto alla pitiriasi versicolor, ma a questo punto mi chiedo: come è possibile prevenire il contagio se è già stata toccata una determinata superficie con la parte micotica? Fino a quando si tratta di letti, calzature e vestiti nessun problema, ma nel caso venissero contaminate superfici tipo libri o comunque parti dove non è possibile disinfettare come si dovrebbe agire?
Mi scuso nuovamente per la domanda e la ringrazio per la gentilezza che ha avuto nel darmi queste delucidazioni.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Non ho parlato di libri, ma solo di indumenti e tessuti a stretto contatto

Per sanare gli ambienti basta un vaporetto a 100 gradi.

saluti

Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 501XXX

Perfetto, quindi per i libri e carta un generale non dovrebbero esserci problemi perché il fungo non attacca su quella superficie, anche se si tratti di dermatofiti spero. In ogni caso, il problema quindi me lo devo porre solo con indumenti e tessuti. Eventualmente potrebbe bastare disinfettare con i classici disinfettanti?
Mi tolga pure una curiosità: cosa intendeva dire con permississivismo immunologico? Anche se penso di avere una vaga idea su quanto abbia detto.
In ogni caso, grazie di tutto, mi ha rassicurato su qualcosa che credevo potesse essere contagioso anche su superfici più improbabili.