Mucosa del glande e prepuzio

Buongiorno a tutti,

scrivo per la disperazione, come potete vedere dalla mia storia clinica ho avuto due situazioni preoccupanti nel 2017 di balanopostite, durate per 1 mese, quest'anno il mio pene non è stato più lo stesso, spesso post rapporto sessuale si segna/macchia per poi tornare normale nel giro di qualche ora/giorno, è sempre molto secco se non lo idrato io giornalmente con creme prescritte nelle svariate visite venereologiche fatte e da un paio di mesi la situazione mi sembra peggiorata, nel senso che mi sembra ancora più fragile, a Settembre ho avuto un rapporto diciamo "molto secco" con la mia partner ed il risultato è stato un letterale sbucciamento a macchie del prepuzio che nel giro di qualche giorno è guarito, ieri ho notato che il prepuzio è tutto arrossato a macchie (senza nessun apparente motivo) e mi prende anche leggermente la corona del glande che dall'anno scorso è diventata molto fragile anch'essa.

Insomma mi ritrovo in periodi normali dove il mio pene è perfetto (senza nessuna macchia, perfettamente bianco/roseo come al solito) e periodi dove si arrossa facilmente.

E' importante dire che NON HO ALTRI SINTOMI, nè li ho mai avuti, non ho pruriti, dolori, fastidi, i rapporti sessuali sono assolutamente soddisfacenti e non sono mai stati un problema, l'unico problema è l'arrossamento facile e queste macchie che si formano per poi scomparire quasi sempre POST rapporto, sono arrivato al punto di pensare che il problema sia il mio prepuzio un pò esuberante, la mia testa mi fa sperare che con una circoncisione potrei risolvere definitivamente questi problemi che non mi fanno comunque più avere una vita sessuale SERENA.

Non ho il minimo problema nel ritrarre il prepuzio, sia a riposo sia in erezione ne io ne ho mai avuti

Ho una ragazza che non ha mai avuto problemi, non ha nessun tipo di sintomo ed ha un ottima lubrificazione vaginale di suo

Ho fatto veramente un sacco di visite a pagamento venereologiche e nessuno sa dirmi quale può essere il motivo, mi prescrivono farmaci che non fanno niente, l'unico che realmente mi aiuta è l'UNGUENTO AI PEG, che mi fa guarire velocemente e mi ripristina il tutto

Ho bisogno di un aiuto concreto e non so come comportarmi, quando fisso la visita tempo che devo farla il mio pene torna normale e vengo scambiato per un pazzo che non ha nessun sintomo, chiedo a voi una mano per favore .. Leggo spesso gli interventi del Dott. Laino dal quale vorrei andare per una visita ma sono di Milano e a quanto ho capito visita solo a Roma

Grazie in anticipo per vs intervento
[#1]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 461 493
Gentile utente,

Grazie per la fiducia: la descrizione che fa del suo caso non esclude una dermatosi cronica che peggiora in occasione di traumatismi di ogni genere (anche sessuali).

Per tale ragione la diagnosi rimane fondamentale. Cerchi di ottenerla nella sede a Lei confacente, ma essa non deve mancare.

Saluti
Dr Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dr. Laino e grazie mille per il riscontro,

solo per informazione, nel caso si trattasse di una dermatosi cronica come si dovrebbe procedere per eliminare il problema? O comunque per tenerlo a bada?

So che la diagnosi è fondamentale, ed è quella che sto cercando di ottenere da 1 anno senza risultato, chiedo a lei qualche consiglio per poter farmi visitare, perchè di solito fisso la visita nel momento in cui i sintomi sono evidenti, tempo del controllo mi passa tutto, magari portando con me delle foto?


Chiedo inoltre un'altra cosa: Informandomi ho letto di più casi, in cui questi tipi di problemi sono stati risolti praticando una circoncisione al soggetto affetto, lei dott. Laino e chi degli altri gentili medici avrà tempo di rispondermi, cosa ne pensate al riguardo? Dopo quello che ho passato nell'ultimo anno, la voglia di eliminare il problema è talmente forte che sarei disposto anche a circoncidermi per tirare definitivamente un sospiro di sollievo!

Grazie mille
[#3]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 461 493
La circoncisione su una dermatosi cronica è inutile o addirittura controindicata.

La cosa da fare è avere una diagnosi corretta è una terapia adeguata al caso, non una inutile mutilazione di una parte del corpo.

Saluti!
Dr Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dott. Laino,

ad oggi 05/02 i problemi non sono risolti, cute del prepuzio / corona del glande molto fragile, si ferisce facilmente anche con dei piccoli traumi (masturbazione singola per esempio)

ho fatto esami del sangue per sistema immunitario / glicemia e TUTTI i valori sono perfetti, non ce n'è nessuno fuori posto, in questo modo possono essere escluse malattie immunitarie / diabete oppure ci sono ancora possibilità di aver contratto qualche malattia autoimmune?


Mercoledì prossimo avrò una visita dermatologica con il primario della mia zona quindi sono al momento in attesa, però ho bisogno di un aiuto anche da lei se possibile, sono molto preoccupato è una storia che va avanti da tempo (1 anno) e ancora non ho ottenuto una vera e propria diagnosi da nessun medico (come spesso ripete anche lei andrò alla nuova visita con la massima positività e fiducia in ogni caso, i problemi si affrontano e si DEVONO risolvere, quello che cerco io è una diagnosi corretta in modo da poter intervenire sul problema in modo mirato)

grazie mille in anticipo per il suo importante aiuto
[#5]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 461 493
Mi trovo perfettamente d’accordo con lei: le diagnosi vanno effettuate con selettività e precisione. Senza di queste è impossibile trarre un postulato terapeutico corretto.
Dott.Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per il riscontro dottore, in merito alla mia domanda invece può dirmi qualcosa?

[QUOTE]
ho fatto esami del sangue per sistema immunitario / glicemia e TUTTI i valori sono perfetti, non ce n'è nessuno fuori posto, in questo modo possono essere escluse malattie immunitarie / diabete oppure ci sono ancora possibilità di aver contratto qualche malattia autoimmune?
[UNQUOTE]


grazie per le celeri risposte che da sempre
[#7]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dtt. Laino

nella giornata di ieri ho finalmente fatto la visita dermatologica, mi è stato FINALMENTE chiarito il quadro del problema che affligge da tempo il mio pene: Nessuna malattia autoimmune o altro ed è confermato, lo confermano anche gli esami del sangue fatti per verificare lo stato del mio sistema immunitario con l'aggiunta della glicemia, tutto perfetto!

Mi è stato comunicato che il mio pene presenta una pelle di molto assottigliata ed infragilita e mi è stato indicato di utilizzare mattina e sera il prodotto "Monoderma E5 con vitamina E" a tempo indefinito e mi è stato confermato che con costanza e pazienza si risolverà il tutto, per altre eventuali infiammazioni mi è stato detto di utilizzare "Pevisone latte" nel frattempo.

Cosa ne pensa di quanto detto? Mi conferma che con questo Monoderma riuscirò a ricreare il film idrolipidico del mio pene come era prima di iniziare tutto questo calvario? Solitamente quanto tempo occorre? Considerando che NON ho altre patologie in atto e ci tengo a sottolinearlo finalmente

Sono di molto più tranquillo ora che so di non avere nessuna patologia grave, però comunque ci terrei molto a poter tornare a non avere così tanti problemi di fragilità ecc, tornare insomma ad avere una vita sessuale SPENSIERATA, avendo comunque anche 24 anni ed essendo nel pieno di essa


Attendo sua gentile risposta

grazie mille
[#8]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 461 493
Non posso fornire consulti vincolanti sul terzo terapia di colleghi ovviamente, ma solo rasserenarla sul fatto che ha effettuato una corretta visita dermatologica.
Ancora saluti

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#9]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dr. Laino

comprendo quanto scrive e grazie mille per avermi rasserenato in merito alla visita, una domanda:

In base alle sue conoscenze / esperienze, se degli esami del sangue fatti per visionare lo stato del sistema immunitario risultassero completamente positivi, questo significherebbe che non c'è pericolo di malattia autoimmune? O comunque rimarrebbe una percentuale di possibilità che essa sia comunque presente?

Le faccio questa domanda perchè durante la visita non l'ho fatta e mi è rimasto il dubbio

grazie mille

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio