Utente 451XXX
Salve, sono un ragazzo affetto da psoriasi e sto valutando se seguire una terapia sistemica per trattare la mia patologia, ovvero gli immunosoppressori. Il problema è che io ho frequenti rapporti sessuali con persone che a loro volta hanno frequenti rapporti sessuali, e nonostante utilizzi il preservativo la mia promiscuità sessuale mi espone comunque al rischio di contrarre qualche infezione sessualmente trasmissibile.
La mia domanda è: con gli immunosoppressori questo rischio aumenta? Indebolendo il sistema immunitario sono più vulnerabile alle infezioni, e quindi penso che considerando il mio stile di vita io potrei rischiare tanto di prendermi qualche infezione sessualmente trasmissibile.
Potrei avere il vostro parere professionale per favore?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, diciamo che gli immunosoppressori possono far abbassare le difese immunologiche, ma di certo non aumentare il rischio di malattie sessualmente trasmessibili, le quali si acquisiscono mediante rapporti non protetti con soggetti affetti da queste patologie.

Pertanto la invito a scegliere bene il suo partner ed avere sempre rapporti protetti. Questa è la regola virtuosa per vivere sereni.
Cari saluti
Dott.Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 451XXX

Dottore La ringrazio per la cortese risposta ma avrei bisogno di più chiarezza. Abbassando le difese immunologiche potrei avere maggiori probabilità di contrarre un'infezione sessualmente trasmissibile?
Ho bisogno di saperlo perchè non intendo cambiare stile di vita, e ci tengo a precisare che durante i rapporti orali non mi proteggo mai, mentre per la penetrazione mi proteggo sempre.

Oltre a questo Le chiedo se potrebbe essere così cortese da fornirmi un link dove potermi informare sui rischi di una terapia con immunosoppressori?
Quali sono esattamente gli effetti collaterali che possono presentarsi sul lungo periodo?