Utente 104XXX
Buongiorno,
Ho 47 anni e da più di un anno che soffro di un problema alle labbra genitali esterne.
Il tutto è nato da una candida curata come da protocollo ad agosto dello scorso anno. Subito dopo mi si è scatenata una forte sensazione di bruciore al labbro sinistro esterno, come se avessi la pelle arrossata/scottata, che la ginecologa ha cercato di curare con lavande vaginali e creme, in quanto dai tamponi effettuati emergevano infezioni da streptococchi vari ( Fecalis, Klebisiella ecc). Ad Aprile a seguito di assunzione di antibiotico, per eliminare la Klebisiella, ho avuto una recidiva da candida. Dopo altre terapie inutili, seguita da un'altra ginecologa, ho iniziato ad assumere Diflucan 200 per la candida, mentre per il bruciore alle labbra esterne ho usato Clobesol, Fitostimoline, e per ultimo Rigenoma Crema. Ho seguito anche una dieta priva di zuccheri, lieviti e lattosio. Sparita la candida, ho iniziato a stare un pochino meglio fino al mese di settembre. In quest'ultimo periodo, in particolare nell' ultima settimana questa sensazione di bruciore al labbro esterno sinistro è notevolmente aumentato. E' come se avessi una ferita, una scottatura che mi tormenta. Come se la pelle tirasse. Ad occhio nudo la pelle sembra normalissima, non appare gonfia, nè irritata. Sto malissimo. Anche i rapporti intimi sono compromessi, perchè con questa sensazione di bruciore ho paura che possa farmi male.(solitamente, quando sto bene, durante i rapporti non avverto dolore). Non so più cosa fare e a chi rivolgermi, sono demoralizzata.E' possibile che non riesca a risolvere questo problema ed ad eliminare questo sintomo che mi sta tormentando? Potrebbe essere causato da un' infiammazione interna dei nervi? Grazie anticipatamente per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima

una vulvodinia, una xerosi vulvo-vaginale, una patologia vulvare infettiva o non infettiva..quale diagnosi accompagna la sua situazione?

Dal mio punto di vista deve scoprire di cosa soffre prima di pensare ad una terapia efficace.

Consiglio la Visita Venereologica con rinnovata fiducia!
saluti

Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 104XXX

Grazie dott.Laino,
non mi aspettavo una risposta così celere.
La diagnosi rilasciata dall'ultima ginecologa è stata vulvovaginite batterica e micotica recidiva.
Come dicevo nel post in alto, il tutto è nato a seguito di un'infezione da candita, seguita da infezioni batteriche varie. Allo stato attuale non ho nessuna infezione. L'unico disturbo che ho da più di un anno è la forte sensazione di bruciore/irritazione al labbro sinistro esterno. E' un fastidio che mi fa soffrire molto e che non trova soluzione.
Secondo Lei questa sensazione di bruciore può essere provocata da un' infiammazione delle terminazioni nervose? Ho sentito parlare di infiammazione dei mastociti. Potrebbe essere questa la causa del mio dolore?
Grazie di cuore per la risposta che vorrà darmi.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il bruciore è dato anche dalla presenza di batteri: una vulvite batterica ha questo sintomo.

Ovviamente lo stesso può essere vicariato da dissimili e svariate condizioni anche psicosomatiche che possono accompagnare lo status di base.

Le consiglio la visita di controllo venereologica con questi nuovi dati, anche perchè deve guarire presto da questa patologia infettiva.

saluti!
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 104XXX

Grazie dott. Laino per la risposta e il sostegno con cui mi risolleva il morale.
Farò un controllo venereologo, sperando di trovare nella città in cui vivo un professionista preparato quanto lei. Le farò sapere.