Utente 179XXX
Salve spero che mi possiate essere d'aiuto, vi scrivo per mia moglie che ha 44 anni,da tempo cerchiamo la soluzione ai problemi che l'affliggono, le difese immunitarie sono sempre basse,anni fa' indagammo in questa direzione l'esito che abbiamo avuto è stato una leucoponia da tenetre sempre sotto controllo ho cercato di capirci qualcosa di più e quello che son riuscito a sapere è che probabilmente il midollo non crea a sufficienza, questa è la risposta dettagliata che abbiamo avuto, gli esami attuali dicono che sta peggiorando,l'emocromo così è composto WBC 2.39 migliaia,Neutrofili 56.2%, Linfociti34.7%, Monociti5.4%,Eosinofili 2.9%,Basofili0.8% RBC globuli rossi 3.66 milioni,Hb-emoglobina 10.2g/dl, Ematocrito 31.9%, il restante MCV,MCH,MCHC, Piastrine e grandi piastrine sono al limite o poco più alte la sideremia è 21 mcr.g/dc la ferritina1.90ng/ml,la ves è a 7 Tsh 0.260mlU/L, sta male lavora in ambiente ospedaliero come ausiliaria e visto i peggioramenti del quadro clinico le hanno suggerito di allontanarsi causa infezioni serie che potrebbe prendere,a causa di una forte esofagite con ernia iatale ulcerosa si alimenta con zucchine lesse pasta lessa e frutta cotta.Dopo l'ennesima risposta negativa dagli esami, purtroppo mi sto guardando in giro gli è stata diagnosticata sindrome da stanchezza cronica intolleranza al lattosio nikel e grazie a questi teast ha avuto uno schock anafilattico grazie ad un patch teast, abbiamo indagato sulla tiroide c'è ma non è questo il problema,ora stiamo investigando anche sul pancreas visto che la amilasi pancreatica e lipasi sono alte,sta perdendo le forze è dimagrita sensibilmente, ma a parte tutto reagisce, vi chiedo se avete qualche idea da darmi riguardo le difese immunitarie, grazie um marito spaventato

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il quadro descritto è molto articolato e complesso ed ipotesi, così a distanza, è difficile farne. Sicuramente per valutare il sistema immunitario vanno fatte altre analisi come tipizzazione linfocitaria, dosaggio immunoglobuline. Il ferro, rossi ed emoglobina sono bassi insieme alla ferritina quindi configurano un quadro di anemia; questo , nella donna, può anche essere in relazione al ciclo mensile , se abbondante. A questo si aggiungono le problematiche dell'alimentazione per le intolleranze e l'esofagite che sicuramente creano ridotto assorbimento; ancora il problema degli enzimi pancreatici alti. Ritengo che sia opportuno un breve ricovero ospedaliero per meglio valutare il tutto e le terapie del caso
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 179XXX

Devo ringraziare Lei lo staff di medicitalia per la celerità nelle risposte dettagliate,sono anni che cerco risposte e lei è stato sintetico mirato,le chiedo oltre agli esami che ha indicato cosa le servirebbe per avere utili indicazioni in merito, intendo altri esami, se si quali ed eventualmente dove farli visto che avete spesso e volentieri collegamenti?, le chiedo questo visto che ormai il medico di famiglia si spaventa quando ci vede ed ha alzato bandiera bianca. La sua disponibilità ad accertare le cause del malessere di mia moglie mi rincuorano, se lo ritiene opportuno in seguito potremmo prendere un appuntamento, distinti saluti il marito

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Io credo che le problematiche di sua moglie debbano essere valutate in ambito ospedaliero con un ricovero poichè sono articolate e non rigiardano una sola specialità; credo che presso l'ospedale di Lecce possiate trovare le strutture giuste o presso il Policlinico universitario di Bari
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 179XXX

Egregio sig. dottore, forse abbiamo trovato le persone sbagliate fino ad adesso, ecco perchè le chiedevo cosa fare,i suoi colleghi hanno guardato i singoli episodi gravi si ma hanno guardato in una sola direzione, anch'io mi sono posto il problema e fino ad adesso lei mi sembra aver colto nel segno, non si tratta di migrare verso altre entità ospedaliere ma trovare la persona giusta che unisca tutti gli imput che il paziente dà, spesso è stata ricoverata, ma dopo i classici accertamenti e le preoccupazioni non hanno capito e dopo i primi scoramenti hanno rinunciato vuoi per mancanza di mezzi non so neanch'io sta di fatto che io insieme alla mia famiglia viviamo giornalmente un calvario continuo.
qual'ora avesse colleghi disposti ad aiutarci in zona saremmo lieti di rimanere nelle strutture che ha sopra citato, rinnovo i saluti e grazie per la pazienza avuta

[#5]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Io, purtroppo, non conosco specificamente colleghi nella sua zona , ma sò che il Policlinico universitario di Bari è un'ottima struttura. C'è bisogno di un approccio globale al problema ma è difficile, mi sembra, poterlo fare da casa
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
Utente 179XXX

La ringrazio per la squisitezza avuta, mi dia un pò di tempo e sicuramente ci risentiamo, anzi se è così gentile dirmi dove esercita se privato o no, così magari o visto che mia moglie leggendo le sue risposte ha capito che potrebbe aiutarla, mi dia come detto in precedenza un po di tempo per riprendermi, sono appena tornato da un ennesimo viaggio della speranza andato a finire come al solito in un nulla di fatto, a presto e di nuovo tante grazie, il marito

[#7]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Io lavoro presso struttura pubblica, comunque sono a disposizione per ulteriori informazioni
Un saluto

A. Baraldi