Utente 377XXX
Cari dottori, anzitutto buon anno e grazie di quello che fate. Di recente ho chiesto un parere anche nella sezione neurologia, vi chiedo la pazienza di sopportarmi anche qui. Premessa: da anni sono stato riconosciuto come soggetto ansioso tendente alla depressione in seguito a tanti eventi drammatici che hanno segnato la mia vita, al punto che sono stato sovente seguito da psicologi e psichiatri con annesse cure farmacologiche. In seguito ad un ennesimo trauma sono diventato ipocondriaco e nell'ultimo anno ho temuto di avere rispettivamente tumore seno, colon, prostata, vescica e testicoli, con una serie di visite ed analisi che hanno sempre escluso problemi seri. Da due mesi vivo malissimo e in perenne ansia: avvertivo dolore in zona inguinale dx e tastando trovai un linfonodo a forma di fagiolo. Leggendo mille articoli su internet ho pensato al LDH e da lì è partito un prurito mai insopportabile (la notte dormo)ma persistente e diffuso e ho fatto 25 giorni di esami: ecografia inguinale, due visite mediche, analisi del sangue, rx torace e due visite ematologiche con diagnosi che segue: "Esami ematochimici tutti nella norma compresa VES e PCR, a sx si evidenzia un linfonodo reattivo, a dx due linfonodi di 9 e 12 mm di forma regolare, nulla da segnalare alla visita obiettiva. Non occorrono ulteriori approfondimenti diagnostici in futuro", con parere unanime di prurito psicotico confermata da psicologo e psichiatra. Sto assumendo cipralex, levopraid e xanax, all'inizio umore migliorato e sintomi in calo, da 10 giorni riecco il prurito sine materia (talvolta insistente, talvolta simile ad un formicolio, altre volte punture di spilli, altre volte solletico) che interessa orecchio, naso,collo,glutei,testicoli,addome,schiena,polsi,gomiti e arti inferiori, calando solo nel pomeriggio. Ad ora non ho mai avuto sudorazioni notturne, calo di peso, febbre o stanchezza, mangio e cammino molto e gioco a calcio,ma sono in una forte depressione. Aggiungo che prima di questo bimestre terribile stavo vivendo una fase di enorme stress lavorativo e che, a dicembre, mi ero fissato sulla sclerosi e parallelamente il prurito è nettamente calato e avvertivo altro. Rispetto alla mia paura di un linfonodo maligno non visibile ancora o di aver fatto gli esami troppo presto, ieri il medico ha detto che "se il sintomo era tumorale, da quanto fatto lo avremmo sicuramente scoperto. Anche se ti venisse la febbre non cambia la diagnosi" e i linfonodi inguinali non sono aumentati di volume. Vi chiedo 1)in due mesi avrei dovuto avvertire evidenti peggioramenti? 2)concordate con quanto detto dai medici? 3)una somatizzazione ansiosa può davvero durare mesi e rientrano pruriti persistenti e diffusi? 4)gli esami che ho fatto a novembre, pur con prurito ancora presente, sono sufficienti e totalmente tranquillizzanti o dovrei rifare tutto se il prurito continuasse ancora? Non vorrei che, dopo aver fatto "a lupo a lupo" stavolta stanno sottovalutando il problema...vi ringrazio

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
credo proprio che il suo prurirto "sine materia" sia ascrivibile al suo stato ansioso.
Due linfonodi di 9 e 12 mm non sono indicativi nè di un linfoma di Hodking nè di un linfoma non Hodking.

Il timore dell'effetto "al lupo al lupo" lo lasci da parte perchè un bravo medico deve sempre valutare che non vi sia qualcosa di organico, anche in un ipocondriaco.

Certo se le venisse la febbre le cose cambierebbero: ma non vedo il motivo per cui la febbre le debba venire.

Giochi a calcio, faccia una vita normale come quella di un ragazzo della sua età, e lasci stare il suo corpo. Vedrà che il prurito prima o poi le passerà.
Se ha la pelle secca, che può favorire il prurito, dopo la doccia usi un olio idratante.
Si tranquillizzi.
Buona domenica,
Dr. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 377XXX

dottore anzitutto grazie per la sua gentile risposta....devo essere onesto:non la vedo molto tranquillizzante e le spiego perchè.. Rispetto ai responsi dei medici che mi hanno seguito io vedo delle rassicurazioni definitive, lei invece mi fa capire- e la ringrazio, non è una critica ci mancherebbe- che la mia è una situazione comunque da monitorare perchè se si presentasse la febbre il tutto potrebbe essere rivalutato..è quello che temo di più, ovvero di avere "una tranquillità fino a prova contraria".. Quanto fatto fin ora non esclude un linfoma al 100% al punto che se venisse la febbre andrebbe considerata come una normale febbre invernale? Al medico chiesi testuale: "E se mi venisse la febbre in futuro con il prurito che resta?" lui rispose: "Il prurito è psicologico, le analisi dimostrano che non c'è nulla di tumorale e come tutti i comuni mortali puoi ammalarti di febbre ed influenza". Vorrei sapere il suo parere e, secondo lei, se in caso di febbre dovrei rifare qualche analisi...l'ematologa ha scritto sulla diagnosi "non occorrono ulteriori indagini diagnostiche"..mi affido alla sua risposta e la ringrazio...aggiungo un'ultima domanda..il prurito da linfoma può essere anche diffuso (o per meglio dire migrante) e leggero o in due mesi sarebbe dovuto essere insopportabile?

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
il LDH non ha come sintomo predominate il prurito: è un sintoma che può presentarsi, assieme ad altri, o può mancare del tutto.

Le ribadisco che con linfonodi della misura da lei riportata lei può dormire, come si suol dire, su sette guanciali.
Si tranquillizzi in quanto alla febbre: se in periodo di influenza o sindromi influenzali lei dovesse avere la febbre, insieme al prurito, ciò non modificherebbe di una virgola la diagnosi si assenza di patologia che le è stata fatta.

Diverso sarebbe le venisse per esempio una febbre serotina della durata di 1 mese che sicuramente andrebbe indagata, senza pensare necessariamente a una patologia tumorale.

Spero di aver dissipato i suoi dubbi e chiarito il mio pensiero.
Si tranquillizzi.

Saluti cordiali,
Dr. Caldarola.

[#4] dopo  
Utente 377XXX

Avevo capito bene allora, la ringrazio nuovamente..le faccio un paio di domande finali, poi giuro che non la disturbo oltre... dalle analisi fatte due mesi fa, ci fossero stati linfonodi malati magari non ancora visibili o palpabili l'avrebbero almeno sospettato? a me hanno detto che la ves, l'emocromo e l'rx torace sono indicativi e che l'ematologa, scrivendo "non occorrono ulteriori indagini diagnostiche", ha assicurato che non ho nulla e che nulla di ciò che mi verrà nell'immediato futuro può essere associato al prurito che lamento che, lo sottolineo, in alcuni momenti della giornata è assente o comunque è quasi sempre sopportabile... le chiedo infine se, in due mesi, i peggioramenti generali sarebbero stati significativi (tipo, appunto, questa febbre serotina) e se ha avuto mai casi di pazienti con somatizzazioni ansiose durate anche mesi e che si sono manifestate proprio con prurito, pizzicori e fastidi alla pelle..la ringrazio, la saluto e se passa per Salerno ha come minimo una cena pagata :D

[#5] dopo  
Utente 377XXX

chiedo scusa se scrivo nuovamente la mia replica, ma ho grossi problemi di internet quest'oggi e non so se vi è arrivata...

Avevo capito bene allora, la ringrazio nuovamente..le faccio un paio di domande finali, poi giuro che non la disturbo oltre... dalle analisi fatte due mesi fa, ci fossero stati linfonodi malati magari non ancora visibili o palpabili l'avrebbero almeno sospettato? a me hanno detto che la ves, l'emocromo e l'rx torace sono indicativi e che l'ematologa, scrivendo "non occorrono ulteriori indagini diagnostiche", ha assicurato che non ho nulla e che nulla di ciò che mi verrà nell'immediato futuro può essere associato al prurito che lamento che, lo sottolineo, in alcuni momenti della giornata è assente o comunque è quasi sempre sopportabile... le chiedo infine se, in due mesi, i peggioramenti generali sarebbero stati significativi (tipo, appunto, questa febbre serotina) e se ha avuto mai casi di pazienti con somatizzazioni ansiose durate anche mesi e che si sono manifestate proprio con prurito, pizzicori e fastidi alla pelle..la ringrazio, la saluto e se passa per Salerno ha come minimo una cena pagata :D

[#6] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Si tranquillizzi perchè in due mesi la situazione si sarebbe sen'z'altro evoluta.
Lei è sano come un pesce!!
:-)

Ho avuto più di un paziente con prurito sine materia, del quale non si è mai scoperta la causa e nel quale il prurito spontaneamente è regredito dopo tempo variabile.

La ringrazio per la cena: è stato molto gentile ma mi basta sapere che si è tranquillizzato.
Poi se passo per Salerno mi porterà al miglior ristorante della città e le prosciugherò il portafogli.
:-D :-D
Stia tranquillo, suvvia!
Cari saluti,
Dr. Caldarola.

[#7] dopo  
Utente 377XXX

Le volevo chiedere scusa se la prima risposta le è sembrata scortese, tutt'altro: era un segnale di grande credibilità nei confronti del sito e del vostro lavoro. Chi offre un servizio gratuito, di questi tempi, va solamente elogiato e ringraziato e estendo l'abbraccio simbolico a Lei e a tutti gli altri dottori anche da parte della mia famiglia.

[#8] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Non c'è alcun bisogno di chiedere scusa e io non sono offeso.
;-)
Sono anzi lusingato e la ringrazio per l'offerta della cena!
Sia sereno: chi mi conosce bene, anche in questo Sito, sa che se ho da dire qualcosa sono molto diretto!!
Lei si è dimostrata una persona molto garbata: perchè mai avrei dovuto offendermi??

Si tranquillizzi.
Cari saluti,
Dr. Caldarola.