Utente 262XXX
Salve ho 28 anni e sono un ragazzo in buone condizioni fisiche che svolge attività sportive (corsa) regolarmente. Vi scrivo perchè ho il seguente problema che mi perseguita: verso metà Aprile 2012 a seguito di una grossa mangiata ho iniziato ad avere bruciori di stomaco e al petto con difficoltà a deglutire. A seguito di ciò (dopo un mese) i dottori mi hanno consigliato di eseguire una gastroscopia che ha evidenziato una piccola ernia iatale (3 cm) e nessun segno di esofagite. La cura è stata quella di prendere gastroprotettori per circa due mesi e anche se il primo mese non credo abbiamo fatto effetto (mi è stato aggiunto anche un procinetico) dopo qualche mese la situazione è migliorata e ad oggi solo in qualche situazione ho percepito un pò di bruciore al petto e adesso è da più di una settimana che non ho avvertito questa sensazione. Il problema, ed è per questo che chiedo un consulto è che negli ultimi due mesi ho la sensazione di mancanza di aria, cioè mi spiego meglio è come in certi momenti ho la necessità di inspirare l'aria e a volte quando inspiro l'aria ho la sensazione di non completare il respiro. A seguito di questo problema ho eseguito una radiografia stomaco esofago duodeno il cui risultato:

SI CONFERMA LA PRESENZA DI PICCOLA ERNIA IATALE DA SCIVOLAMENTO.
IN POSIZIONE DI TRENDELEMBURG NON SI OSSERVA REFLUSSO IN ESOFAGO. IL MEZZO DI CONTRASTO BARITA TRANSITA CON REGOLARITA' ATTRAVERSO L'ESOFAGO CHE NON MOSTRA ALTERAZIONI DI PARETE.

Volevo quindi chiedere è possibile che questa ernia iatale mi possa creare disturbi respiratori come mancanza di aria e difficoltà a completare il respiro? Ho anche la pancia molto piena di aria potrebbe essere questa che associata all'ernia mi possa creare questo fastidio? Esiste una soluzione a questo problema?

Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
il problema è legato al meteorismo, e verosimilmente ad una delle sue cause chiamate aerofagia (ingoiare aria perchè si mangia di fretta).

E' improbabile che una piccola ernia dello iato dia questo genere di disturbi respiratori, le cui cause possono variare da fenomeni ansiogeni a situazioni organiche extraesofagee.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 262XXX

La ringrazio dottore per la celere risposta,
anche altri dottori mi avevano detto che era improbabile che un ernia di piccola entità potesse crearmi questo disturbo. Le volevo chiedere, nel caso il mio problema a respirare fosse tutto questa aria nello stomaco cosa potrei prendere oltre ad un procinetico prima dei pasti e il carbone dopo i pasti?

Cercherò di indagare per capire se ci possano comunque essere altri fattori che mi possano scatenare questa difficoltà nel respirare.

La ringrazio per la risposta...

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Penso che possa andar bene del Simeticone come antimeteorico,
se poi ha l'abitudine di mangiar di fretta e masticare velocemente, ovviamente, deve correggere tali abitudini.

A completamento di informazione,inoltre,
la invito a leggere su questo link:

www.enterologia.it/nodo-in-gola.html

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 262XXX

La ringrazio nuovamente per le sue risposte, chiederò al medico di famiglia il Simeticone come antimeteorico.

Grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Si figuri,

distinti saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it