Utente
alve, mi chiamo Donato ho 20 anni e lavoro come fotografo.
Dal 2009 ho iniziato a perdere peso (ero in sovrappeso in quell'anno pesavo 70 kg per 1.70).
Ho sempre avuto una piccola ernia iatale riscontrata ad una EGDS del 2009 ma niente di più.
Seguii una dieta per l'ernia iatale e poi nel 2010 tornai a mangiare tutto quello che volevo (ma sempre continuando a dimagrire).
Nel 2011 avevo raggiunto un peso più o meno stabile di 60/62 kg per 1,75 cm di altezza, mi sentivo bene e in forma senza apparte dei grossi problemi di digestione dopo mangiato che mi davano svenimenti, vampate, ecc ecc. Controllavo questi sintomi con del DOmperidone (Peridon), a maggio però comincio ad avere scariche di diarrea e a dimagrire ancora di più arrivando a giugno a 58 kg.
Mi viene riscontrata nelle ffeci una forma resistente di GIARDIA LAMBLIA, mi reco dal Prof (gastroenterologo molto famoso di Roma) che mi fa fare una serie di analisi da cui esce fuori: Giardia Lamblia resitente e recidiva, ileo ingrossato (all'esame ecografico), contaminazione batterica del tenue.
Seguo una terapia massiccia di antibiotici per eradicare la Giardia, mi viene anche dato del deursil mer rimuoverla più efficacemente e dei lassativi dopo gli antibiotici.
RIESCO AD ERADICARLA ma nonostante ciò continuano tutti i miei sintomi, diarrea o feci malcomposte soprattutto la mattina con dolori e premiti, debolezza, spossatezza, dolore alle ossa, problemi agli occhi, affaticamento fiatone ecc ecc.
Quindi viene sospettata una malattia cronica intestinale come il Crohn o la Colite Ulcerosa, intanto effettuo analisi per HIV, CELIACHIA emocromo elettroliti ecc ecc (tutto in ordine).
Così effettuo il 27 settembre una PANCOLONSCOPIA CON ILEOSCOPIA + ESOFAGOGASTRODUODENO SCOPIA CON BIOPSIE MULTIPLI.
Mi riscontrano al colon delle microerosioni ma in mucosa fondamentalmente indenne, un iperplasia linfoide dell'Ileo e delle emorroidi interne e congeste.
Alla Gastro mi riscontrano una gastrite cronica lieve con esofagite da reflusso biliare e spiccata componente sempre biliare.
Agli esami istologici viene diagnosticata una IPERPLASIA LINFOIDE REATTIVA PRIVA DI ATIPIE DI RILIEVO, UNA COLITE CRONICA FOCALMENTE ATTIVA ASPECIFICA E NON SEMBRA ESSERCI TRACCIA DI VILLI ATROFICI A CAUSA DELLA CELIACHIA (PREMETTO PERO CHE CI POTREBBERO ESSERE DEI FALSI POSITIVI VISTO CHE HO ESEGUITO UNA DIETA SENZA GLUTINE 2 SETTIMANE PRIMA DELLA GASTROSCOPIA, TORNANDOLA A MANGIARE SOLO 1 SETTIMANA PRIMA DELLA GASTROSCOPIA.).
A questo punto torno dal gastroenterologo che mi fa capire che non ho nulla, che anche se sono molto sottopeso ORA PESO 53 KG PER 1,76, non sono denutrito o sottonutrito e l'emocromo è buono. Ora mi sta dando Normix, Nexium e Xflor, poi martedì mi darà la sua relazione finale con tutta la terapia definitiva e dieta ecc ecc, ma penso che mi abbia preso per un ansioso.

Sto anche prendendo il meritene e mangiando il più possibile per ingrassare un pò ma non riesco a prendere un chilo,

[#1]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro Utente, bisognerebbe anche capire perchè aveva una giardiasi resistente alla terapia che in un ragazzo giovane non è frequente, penserei anche ad un deficit immunitario ( spesso di IgA), eseguirei anche una visita immunologica.

mi faccia pure sapere

saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#2] dopo  
Utente
Difatti il gastroenterolgo mi ha detto che sono una persona secondo lui affetta da immunodeficenza comune variabile. Anche se le iga le ho gia effettuate ed erano tutte nella norma.

[#3] dopo  
Utente
Martedì mi darà la sua relazione finale che allegherò qui senza nomi e seguendo le regole. Mi farebbe piacere se qualcun altro di voi mi desse un suo parere. La mia dott.ssa di base vuole vedere anche lei la relazione perchè non è convinta della "linea d'azione" che questo gastroenterologo sta seguendo, visto che non si è trovata una vera causa dle dimagrimento eccessivo e di tutti i miei altri disturbi elencati sopra, si sta dando (come succede sempre quando non si sa cosa dire) colpa all'ansia da somatizzazzione, stress ipocondria ecc ecc. Quando io sono stressato soltanto perchè ho questi sintomi e loro non riescono a darmi una cura. Se fosse davvero un problema psicologico e ne fossero certi lo accetterei e però vorrei comunque una cura, non ce la faccio più a stare così questa magrezza mi da tanti problemi di debolezza fisica e mentale e anche tanti problemi articolari, muscolari tendineii ecc ec. Non riesco a fare nulla che subito dopo ho dolori al corpo. Persino stare seduto su una sedia rigida mi fa male alle ossa del sedere quasi come se fossi cachessico!

[#4] dopo  
Utente
Sono stato oggi dal gastroenterologo che mi ha ABBANDONATO dicendo che devo andare da qualcun'altro perchè io e lui non ci capiamo. Sulla relazione fra le tante cose ha scritto che ho una Colite Linfocitaria, mi ha dato il Normix il Nexium L'XFLOR il dobetin iniezioni (per l'artrite neteropatica che mi è presa da poco con forti dolori alle ossa) dei clisteri di cortisone CLIPPER per 10 giorni e un antidepressivo di nome Samyr sempre per fiale intramuscolari. Mi ha anche allegato una dieta.
Mi ha dato al posto del meritene il preop e mi ha detto di andare da qualcun'altro.
La mia dottoressa di base mi visiterà venerdì e vedrà se avvalorare la terapia del Gastroenterologo, lei mi ha detto inoltre che dovrò farmi visitare da un immunologo (perchè ho le difese immunitarie basse), da un reumatologo da un ematolo e da un nuovo gastroenterologo. Mi ha detto di non andare all'ospedale perchè mi potrei beccare delle nuove infezioni a causa del mio deficit immunitario.
La diagnosi finale del gastroenterologo è quindi colite cronica aspecifica probabilmente linfocitaria anche se vi sono granulociti eosinofili, immunodeficit comune variabile e moderata attivazione del sistema linfocitario che dovrà essere controllata nel tempo.
Non mi ha saputo dire perchè dimagrisco ecc ecc.
Ma lui pensa che principalmente è tutta ansia, patofobia ecc ecc.
Vi farò sapere appena andrò dalla mia dottoressa allegando tutto.
Saluti
Grazie di cuore per l'attenzione

[#5]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
caro utente, non sono in grado di giudicare l'operato del collega perchè non conosco tutte le risposte degli esami eseguiti, da quel poco che ho capito (anche sulla diagnosi) credo però che una visita immunologica la farei.

Ci tenga pure aggiornati sugli sviluppi successivi
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#6] dopo  
Utente
Mercoledì mi visiterà il Prof.******* mi è stato molto raccomandato lavora al Policlinico Tor Vergata di Roma, privatamente e vedremo cosa mi dirà, poi giovedì andrò dall'immunologo e farò un consulto anche con la mia dottoressa di base. Premetto che sono stato al Gemelli perchè oltrettutto mi era venuta la febbre a 38 (che non sapevo se era legata ai problemi intestinali o a una normale sindrome influenzale).
Al pronto soccorso mi hanno fatto solo un emocromo e mi hanno mandato a casa (anche se ho perso i sensi persino sotto acqua e glucosio)
All'emocromo gli unici valori sballati erano il calcio un pò alto a 10,4 il lattato deidrogenasi alto 319 e le mch alte a 35,3 e l'amilasi leggermente alta a 105.
Vi farò sapere
Grazie per il supporto!
Ora cmq sto facendo una cura a base di Nexium mattina e sera, Reuflor gocce, clisteri clipper di cortisone, stimunex e meritene.
Donato

[#7] dopo  
Utente
Qualcuno può rispondere e dammi un suo parere?

[#8]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Utente, aspettiamo l'esito della visita di controllo e ne riparliamo.

le analisi che ha eseguito non farebbero pensare a nulla di particolare.

saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#9] dopo  
Utente
Sono stato di nuovo al PS dove mi hanno diagnosticato una sindrome da malassorbimento un calo ponderale e mi hanno riempito di acqua e glucosio, ho provato a stare li una notte per aspettare il ricovero in un altro ospedale che non è arrivato, quindi mi hanno detto di tornare a casa a letto, aspettando la visita privata dal Prof. ****** a Tor Vergata e attuare con lui una diagnosi certa con conseguente terapia e dieta mirata. Inoltre mi hanno suggerito di suggerire a mia volta al Professore di farmi ricoverare in uno dei suoi centri per fare anche delle flebbo di nutrienti per ristabilire il peso. Quando ho raccontato il tutto al mio vecchio gastroenterologo che mi diceva di fare THAI CHI, mi ha risposto dicendomi che si è rallegrato che io abbia intrapreso una strada che mi soddisfi e mi ha fatto tanti auguri. -.- domani andrò da quest'altro gastroenterologo con tutti i referti di tutte le analisi fatte in precedenza e i consigli, terapie e diete del vecchio gastroenterologo. Speriamo che risolverà la situazione, inoltre dopo domani mattina avrei anche la visita dall'immunologo. Vedremo come andrà...!

[#10] dopo  
Utente
Il Prof. ************* mi ha detto oggi che devo fare nell'arco di 10 giorni una ENTERO RMN per escluder euna enterite regionale. Mi ha detto inoltre che io ho tendenzialmente una tiroide malata che potrebbe incidere su tutto il mio metabolismo.
Vi farò sapere dopo che domani avrò fatto la visita immunologica, la RMN in settimana (o 10 gg) e la seconda visita dal Professore. Saluti!

[#11] dopo  
Utente
QUALCUNO LEGGA PLEASE!

Ho fatto tutte le analisi del sangue, comprensive di VES e va tutto bene per fortuna.
Mi hanno fatto la Entero RMN senza MDC ma facendomi bere 1 litro e mezzo di lassativo con acqua. Poi quando mi hanno fatto il Buscopan ho avuto una rezione allergica ocn tachicardia, senzo di soffocamento, tremori agli arti e svenimenti. mi hanno inettato cortisone e poi mi hanno fatto l'esame.
Il CROHN non c'è ma c'è un ileite terminale (che mi avevano trovato anche alla colonscopia). Ma nulla di preoccupante in teoria.
Martedì ritirerò i referti stampati e mercoledì dovrei tornare dal Prof. ****** per vedere allora a cosa è dovuta questa eccessiva produzione di feci mal composte e calo ponderale.

Ho letto su Internet che L'ileite terminale sarebbe CROHN in parole povere, ma il radiologo che mi ha fatto l'esame (e che ha parlato dopo col mio gastroenterologo) ha specificato dicendo: HA L'ILEO ISPESSITO COME RISULTA DALLA COLONSCOPIA (IPERPLASIA DELL'ILEO SENZA ATIPIE) E DALL'ECOGRAFIA. MA IL CROHN NON C'E'!! Boh non ci sto capendo nulla

Non è rimasto molto da approfondire, ho fatto tutto e i dottori NON VOGLIONO APPROFONDIRE sia la mia dottoressa di base sia il professore mi è sembrato di capire che non vuole andare oltre anche per lo stress che tutto ciò sta creando da 4 mesi a questa parte... boh! Vedremo mercoledì cosa mi dirà e vi farò sapere!

[#12] dopo  
Utente
Ho ritirato oggi il referto della Entero RMN ed ' tutto nella norma apparte un ispessimento dell'ileo lieve compatibile con ileite aspecifica e non presenta le caratteristiche di MCI. Questa condizione e' la causa dei miei problemi? Va curata? Come? Domani andro' dal prof**** gastroenterologo e vedremo cosa mi dira' ma vorrei che intanto uno di voi mi desse una sua opinione. Grazie

[#13]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Utente, se l'entero RM è negativa non credo sia la causa dei suoi problemi e nè tantomeno andrà curata.
Aspettiamo la risposta del prof...
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#14] dopo  
Utente
Il Prof6 ***nonostante la persistenza del mio calo ponderale a 53 KG per 1.76 cm di altezza, diarrea dolori ecc ecc. Ha detto che non trova nulla di importante dalle analisi effettuate e che devo farmi vedere da un neuro psichiatra. Come al solito si butta la cosa su una faccenda psicologica. La mia dottoressa di base non e' d'accordo e vorrebbe darmi bassi dosaggi di pentacol. Io sto a pezzi con dolori bassi e premiti

[#15]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Utente, che intende per bassi dosaggi di pentacol....
Se non è stata riscontrata nessuna infiammazione al colon quale sarebbe il razionale della terapia?
A mio avviso non si risolvono i problemi con terapie improvvisate ma solo dopo diagnosi di certezza.

Ne riparli con il medico di base.

saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica