Utente 194XXX
Egregi Dottori,
Avrei bisogno di un Vostro consulto riguardo a un fastidiosissimo problema che si è presentato da circa due settimane. Prima di tutto devo fare alcune premesse (meglio se elencate):
1. Da circa 6 anni assumo sereupin 20 mg al dì la mattina per una forma di ansia mista ad attacchi di panico. Da circa 4 mesi sono passato a mezza compressa (quindi 10 mg) a giorni alterni.
2. Sono seguito costantemente dal mio psichiatra – psicoterapeuta.
3. Sono ipocondriaco.
4. Comunque i miei “problemi” psichiatrici sono meglio spiegati negli altri consulti che potete trovare (se utili) sul mio profilo.
Le premesse erano doverose per esporre il problema che segue.
Circa due settimane fa ho incominciato ad accusare un fastidio alle ghiandole salivari, con conseguente salivazione abbondante. Non parlerei di “scialorrea” in quanto non perdo bava dalla bocca. La sensazione è come quella che si prova quando si mangiano determinati alimenti (es. limone, kiwi ecc). E’ una sensazione molto fastidiosa, che non fa altro che accentuare la mia ansia giornaliera (vi sono alcuni momenti della giornata in cui veramente arrivo al limite della sopportazione in quanto presento tale fastidio tutto il giorno!!)
Oltre a questo presento anche raschiamento alla gola, come se avessi un velo di catarro che continuamente si attacca alla gola (scusate per l’incompetenza nell’esposizione).
Ultimo sintomo è un fastidio, quasi dolore, nella zone dove sento che si produce saliva, unito ad un dolore alle mascelle/mandibole.
Sono stato dal medico di famiglia il quale, dopo la visita, mi ha detto che probabilmente si tratta di reflusso gastroesofageo (dato che avevo anche la gola arrossata). La cura attuale è di una pastiglia da 20 mg di Lucen la mattina a stomaco vuoto e sciroppo NOREMIFA alla sera prima di coricarmi. La cura la sto seguendo da venerdì scorso (quindi circa una settimana). Tuttavia vorrei precisare che non ho bruciori e/o dolori allo stomaco, non fatico a digerire e non ho altri disturbi oltre a quelli elencati.
Ho notato che più penso di salivare, più effettivamente produco saliva. Pertanto mi chiedevo se questo non possa essere un sintomo legato al disturbo d’ansia (che ultimamente sta rinvenendo, credo dovuto al periodo autunnale) di cui soffro da tempo. Di fatti ho notato (o forse mi sono autoconvinto) che il giorno in cui prendo 10 mg di sereupin ho meno salivazione.
Non so veramente cosa fare e cosa pensare. Tutti mi dicono di stare tranquillo, ma a volte sono al limite della sopportazione (ancor più se si tratta di un nuovo sintomo legato all’ansia).
Dottori Vi ringrazio per la Vostra attenzione, e mi scuso per il post veramente lungo (spero di aver scritto nella sezione giusta, pensando si tratti di problemi gastrointestinali)
Cordiali saluti
Francesco

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Lei dice
<<più penso di salivare, più effettivamente produco saliva>>,
ciò depone per l'origine psicogena della scialorrea,
aggiunga poi che non ha sintomi da reflusso,
nè dichiara benefici dalla terapia antisecretiva.

Inoltre la Paroxetina, al contrario, come effetto indesiderato dà secchezza delle fauci.

Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 194XXX

Gentile Dottore, la ringrazio per la celere risposta.
Tuttavia mi sono dimenticato di dire che è come se mi sentissi gonfio ai lati, diciamo tra le orecchie e la mandibola.
Inoltre con tutta questa salivazione ho fastidio agli zigomi.
Ritiene che debba inoltrare il quesito in area di Otorinolaringoiatria? Magari, non trattandosi di reflusso, può essere qualcos'altro.

La ringrazio veramente tanto.

Francesco

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Può certamente fare come crede,
su MedicItalia siamo disponibili,
anche se ritengo parecchio fondata la mia ipotesi.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 194XXX

Dott. Quatraro la ringrazio.
Non volevo assolutamente mettere in discussione la Sua competenza. Il fatto di voler porre il quesito in altra area era per rispettare le regole del sito.
Spero sia solo una questione nervosa.
Tuttavia ho come una sensazione di gonfiore dietro alle mandibole, tra le orecchie e le mandibole stesse. Non vorrei fosse qualche infezione che mi causa un rigonfiamento dei linfonodi.
Purtroppo Internet è una grande fonte di informazioni, ma nel mio caso risulta essere più deleterio che utile (ho trovato di tutto).

La ringrazio ancora.
Buona domenica.

Francesco

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Mi ha frainteso,
non c'è assolutamente nessun problema,
volevo dire che (fermo restando le mi supposizioni) troverà sempre accoglienza e disponibilità in qualunque area del nostro sito.

Ponga pure il suo quesito in area ORL.

Buona Domenica anche a lei.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it