Utente
gentili dottori vi scrivo per esporvi il mio problema: da circa 7 mesi soffro di una febbricola persistente alquanto strana. al momento del risveglio la mattina questa febbricola non è presente, subito dopo aver fatto colazione bevendo del latte con i biscotti questa s'innalza raggiungendo 37 37 1 per poi calare subito dopo. dopo aver finito di lavarmi questa si rialzi nuovamente per poi scomparire subito dopo aver pranzato o aver ingerito qualche alimento che sia biscotti o altro. intorno alle 3 del pomeriggio questa si rialza nuovamenote raggiungendo picchi di 37 per poi scomparire nuovamente subito dopo aver ingerito un qualsiasi alimento come un pezzo di pane o bevuto la spremuta per poi rimanere costante su 36 e mezzo per tutto il pomeriggio,la serata e la notte. ovviamente mi sono recato dal medico curante il quale mi ha fatto effettuare una lunga serie di esami tra cui l'emocromo la tas VES PCR Beta 2 microglobulina e altri test come Gamma GT got GPT ana Ena fattore reumatoide CMV ebv mycoplasma(tutte e 3 gia presi e immune) test toxo test Brucella salmonella tifo paratifo LDH herpesvirus 1 e 2 creatinina PSA TSH T3 T4 sideremia tampone orofaringeo coprocultura parassitologico ricerca nelle feci per sangue occulto e miceti patogeni urinocoltura rx torace ecocardiogramma elettrocardiogramma visita otorinolaringoiatrica. da tutta questa serie di analisi non si evince nulla se non la gola perennemente arrossata con formazione di tonsilloliti frequenti...rrsta il problema della relazione tra il cibo e i picchi febbrili che cedono subito dopo aver ingerito qualcosa...gli esami sono ottimi eppure soffro ancora d qiesta febbricola..
Attendo e spero che mi illuminiate.saluti gennaro

Aggiungo che quando defeco queste presentano molto muco...

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Fino a 37,2 gradi non si può parlare di febbre.

La temperatura (decimi di grado) può essere influenzata dall'ansia.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Eh lo so dottore ma la mia yemperatura non è mai stata quella....ho sempre questa gola rossa e il mio medico teme colon irritabile o chron....potrebbe essere così gemtile da indicarmi esami ematochimici e strumentali per escluderli?lei opera ad acquaviva io sono di conversano potrei fare un salto li per fare gli esami che gentilmente mi indicherà? Grazie in anticipo :)

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Per il colon irritabile non vi sono esami specifici, la diagnosi è clinica.

Escluderei il Crohn.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Il medico mi parlava di calprotecina o qualcosa di simile...cosa potrwi fare? Comunque dottore durante questi mesi che ho fatto qualcje antibiotico la temperatura si elevava ogniqualcoltA assumevo qualsiasi farmaco...poi come lo sospendevo o finiva l effetto la febbre svaniva...unico farmaco che mi fa abbassare la febbre è il paracetamolo...gli altri non funzionano o la fanno aumemtare...pensi cje ho preso un raffredfore in questi mesi che mi ha portato la febnrea 37.8 il medico da il klacid 5 giorni e la temperatira si è alzata 38 tutto il tempo cje l ho preso..sembra come se come un farmaco arrivi in stomaco che sia infiammato la tempwratura si alzi...attemdo risposta

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non vedo particolari segnali di allarme.

Si confronti con il suo medico,
valuti con lui se rivolgersi o meno da uno specialista.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Il curante non ha le idee molto chiare sul da darsi...potrebbe essere cosí gentile da suggerirmi lei esami ematologi e strumentali per escludere infiammazioni e problemi seri dell intestino? Cordialmente gennaro

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Caro ragazzo,
la diagnostica intestinale è molto varia sui vari distretti del tubo digerente (stomaco, intestino tenue, colon, ano-retto, etc.) e le procedure possibili altrettanto numerose; se utili vanno selezionate solo dopo visita medica.

Nel suo caso, le ripeto, con i limiti della distanza, mi sembra si tratti di colon irritabile, che non richiede indagini.
Se ritiene che il suo medico non abbia le idee chiare, può prenotare, per sua tranquillità, una visita specialistica.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore come si cura il colon irritabile?se mi è possibile chiederlo,così il curante mi aiuta un pò...

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
[#10] dopo  
Utente
Dott il medico parlava di mesalazina....è giusto?

[#11]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
... purtroppo no.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente
Dott come mai in rete si leggono consulti di medicitalia in cui i pazienti cn colon irritabile riferiscono di utilizzare mesavancol pentacol asacol....io le ho lette tutte...