Voluminosa ernia iatale e esofagite di grado a

Buona sera,
Sono ormai quasi 7 mesi che non riesco a liberarmi da questo bruciore al petto e all esofago
Nonostante la mia giovane età ( 32 anni) e nonostante sono in peso forma conducendo un tenore di vita piuttosto sano ( nn bevo , non fumo)...
Ho provato tutto gastro protettori da 40 mg a volte anche 2 al giorno
Peridon , gaviscon a nn finire anche 5 volte al giorno..e dopo quasi 4 mesi il bruciore al petto sta quasi passando ma è rimasto un fortissimo bruciore all esofago
Ho fatto tutti gli esami : gastroscopia ...raggi x ..tutti hanno evidenziato
Una voluminosa ernia iatale e esofagite di grado a Los angeles..
H. Bacter già eradicato con cura antibiotica .
Nn so più che cure fare per alleviare questi fastidi
Anche perché nn capisco come mai il bruciore nn passa dopo tutti questi mesi di gastro da 40 e anche più .
Grazie a tutti i Dottori coloro che vorranno rispondere
Antonino
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,1k 2,1k 87
Gli IPP potrebbero non funzionare. Utile titolazione della gastrina sotto terapia con tali farmaci.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo Dottor Felice Cosentino
la ringrazio tantissimo per la sua cortese risposta..
Mi scuso se nn ho scritto prima ma per motvi di lavoro mi collego pochissimo.
oggi sono stato dal mio medico il quale vedendo il referto della gastro..mi ha detto che mi devo rassegnare che dovro' soffrire per sempre perche' per la mia voluminosa ernia non c'e'rimedio al che' dietro mi ha prescritto solo come ultimo tentativo:
Zantac randitina 300
mi ha riferito anche che questo farmaco potrebbe portare effetti collaterali quali ghiandole al petto.
La mia domanda è se è vero che clinicamente dovro' soffrire a vita perche nn ce rimedio e se questo farmaco potrebbe essere utile ma con seri problemi collatterali?
grazie ancora in anticipo per la Sua risposta
Cordialmente
Antonino
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,1k 2,1k 87
Prima di disperarsi ed accettare le conclusioni del suo medico consulterei un gastroenterologo.

[#4]
dopo
Utente
Utente
Mi scusi Dottore se la disturbo nuovamente
in riferimento alla Sua risposta le volevo dire che sono stato da un gastroenterologo, ma non ha fatto altro che prescrivermi pantorc da 40 mg peridon e gaviscon per tre mesi dicendomi che questa e' la cura.
Le chiedevo se nel frattempo potrebbe essere efficace provare lo Zantac 300 visto che e' un altra molecola come lei accennava prima.
Grazie ancora per la Sua disponibilita'

Cordialmente
[#5]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,1k 2,1k 87
Stiamo girando attorno al problema. Come le dicevo sarebbe utile la titolazione della gastrina per capire se gli IPP funzionano.


[#6]
dopo
Utente
Utente
Dottore mi scusi ancora ,

come devo interpretare i valori della gastrina?
cioe' se sono alti o bassi cosa starebbero a significare?
grazie ancora per la sua cortesia

cordialmente
[#7]
dopo
Utente
Utente
Dottore mi perdoni se scrivo nuovamente
le volevo chiedere un ultima cosa e poi non la disturbo piu.
La randitina Zantac 300 devo prenderla la sera o la mattina?
perche' il medico mi ha detto di prenderla la mattina , ma ovunque leggo che tutti la prendono la sera prima di andare a dormire , in quanto questa molecola agisce meglio prendendola la sera.
Grazie ancora e cordiali saluti.
[#8]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,1k 2,1k 87
La gastrina nella norma, sotto terapia con IPP, indica che tali farmaci non funzionano. La ranitidina può essere presa al mattino.

[#9]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio Dottore.
Lunedì prenoto un ulteriore visita specialistica..
Cordialmente..

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa