Utente 399XXX
Gentile dottore,
da circa 40 gg giorni soffro di dispepsia, a fasi intermittenti. Periodi di 4-5 gg di benessere con ricadute. Il disturbo ha esordito a fine novembre con bruciore e svuotamento gastrico lento (due notti in bianco), con senso di pesantezza potratto anche durante il giorno. E' stato accompagnato nelle settimane a seguire da aerofagia, gonfiore addominale anche dopo i pasti, alitosi, eruttazione, saltuariamente brividi e sudorazione fredda post-cena (sintomi questi ultimi che sono andati sempre più regredendo, praticamente scomparsi, alitosi a parte). Raramente ho provato nausea e comunque provo sempre appetito. Ho trascorso settimane di benessere (forza, concentrazione, sonno continuo e appagante) ma stanotte ho provato, anche se in misura lieve rispetto all'esordio, pesantezza e bruciore, che l'antiacido da banco in compresse masticabili contrasta in modo blando. Premetto che nell'ultimo anno la mia condotta alimentare è stata scellerata (caffè, alcolici, superalcolici, fritti, salse, spezie, bevande gasate, dolciumi giornalieri). Il mio medico curante mi ha imposto inversione a U della dieta, che sto seguendo scrupolosamente (bere tanto fuori dai pasti, carni bianche, frutta e verdura non acida, evitare alimenti/bevande di cui sopra). Il cambiamento di regime alimentare ha favorito periodi di benessere. Le ricadute sono state per lo più coincidenti con trasgressioni alla dieta (carne equina, prosecco, pandoro, anche se in modiche quantità). Il sintomo ora prevalente da 2 gg è il bruciore di stomaco (senza reflusso). In attesa di farmi nuovamente visitare dal mio medico curante, in base alla sintomatologia descritta, che idea si è fatta? Cosa mi consiglia? p.s. sono malato di RCU che la colonscopia (2005) ha definito in fase di quiescienza, infatti non avverto i sintomi tipici.



[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Sono sintomi acido-correlati per cui necessita di qualche antisecretivo ed eventualmente di un procinetico per favorire lo svuotamento gastrico.


Cordialmente.


Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 399XXX

Molte grazie, dottore.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Di nulla ed auguroni.


Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 399XXX

Dottore, torno a scriverle dopo 3 anni. La dispepsia di cui sopra è ritornata, sebbene in forme molto più blande (mi era impossibile il sonno, adesso - seppur in maniera intermittente - riesco a dormire).

Rispetto ad allora ho rivisto la mia scriteriata condotta alimentare (no alcol, no fritture, no pranzi abbondanti eccetera). Non sono fumatore. Ho 40 anni, diagnosi di RCU nel 1996. Quiescienza fino al 2005. Poi fasi alterne. Mesalazina compresse e occasionalmente clismi alla mesalazina.

Sintomi attuali:

- digestione lenta (classico senso di peso)
- tremore alle gambe (non sempre, nelle ore più fredde)
- gonfiore a livello addominale, senso di aria intrappolata

Non avverto:
- nausea
- inappetenza
- dolori urenti, spasmi o crampi (come all'esordio della RCU).

Il mio curante mi ha prescritto procinetico (raxar) per 3 gg 2 volte al dì. Sblocco completo, senso di benessere durato 10 gg. Ammetto qualche peccato di gola (dolciumi natalizi). Da 2 gg i sintomi si sono ripresentati.

Premetto che ho fatto eco-addome completo 2 mese fa, nessuna anomalia a parte meteorismo. Colonscopia programmata ad agosto (ahimè).

Come suggerisce di procedere? Esame intolleranze? Ripeto helicobacter? Riprendo il procinetico?