Utente
Gentili Dottori,
mi è stata riscontrata, tramite gastroscopia, una gastropatia iperemica da reflusso duodeno gastrico (lago biliare), vorrei sapere: bisogna considerare tale patologia come ipersecretiva o iposecretiva? Può essere definita come "gastrite"? Come mai ho un fastidio (dolore/bruciore) interamente concentrato dietro alla schiena (ma non davanti)? Mi sono stati riscontrati anche: "segni di ernia iatale"......
Grazie mille

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
In questo caso la ipo/ipersecrezione non c'entra.
Il problema è dato dal reflusso di bile.
Faccia una ecografia epato-biliare.
Cordiali saluti.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la veloce risposta Dottore.
In effetti ho fatto anche un'ecografia addome completo da cui risulta: "Fegato nella norma... , Colecisti alitiasica pareti regolari prive di formazioni vegetanti endolume, Vie biliari intra ed extraepatiche non dilatate..."

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Può provare con dei procinetici.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Grazie Dottore. L'utilizzo di gastroprotettori ipp oppure di acido ursodessosicolico per la bile sono consigliabili?

Devo preoccuparmi per questo fastidio persistente dietro alla schiena che presumo sia lo stomaco nel lato posteriore?

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) deve provare
2) si
3) dovrei poterla visitare
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Dottore mi scusi, verosimilmente il fastidio in questione può essere causato dalla bile che irrita lo stomaco?

Come mai dalla gastropatia risulta il reflusso biliare ma dall'eco non risultano problemi? E' possibile?

Per l'alimentazione ci sono consigli particolari? Come ad esempio sui cibi acidi, etc? Oppure è indifferente in questo caso particolare?

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) si
2) è possibile
3) limiti i cibi grassi
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
Dottore grazie per le risposte,
Seguirò i suoi consigli.

Un'altra domanda: l'infiammazione dello stomaco creata dalla bile è una cosa grave o preoccupante?
E' paragonabile a quella della classica gastrite per eccesso di acidità o è più "moderata" per via del fatto che la bile è basica più che acida?

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non è più grave di quella legata all'acido.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
Dottore mi scusi, volevo gentilmente un chiarimento.
In caso di reflusso biliare (nel mio caso: lago biliare con ecografia addome negativa), l'acido ursodessosicolico, da ciò che ho capito, renderebbe la bile più "liquida" e meno "densa" in modo da favorire la sua discesa verso il basso, giusto?
Detto ciò, assumere alimenti, erbe o spezie "depuranti" per il fegato come ad esempio la curcuma, il tarassaco o il carciofo, che favoriscono una maggiore produzione di bile o che stimolano la cistifellea a svuotarsi più facilmente, possono essere d'aiuto in tal senso? Oppure sono indifferenti? O addirittura dannose in caso di reflusso biliare in oggetto?
Grazie

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Credo siano ininfluenti.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#12] dopo  
Utente
Molte grazie per la risposta Dottore.

Ne approfitto per sottoporle un problema che sto avendo nelle ultime settimane: ho un dolore in petto sul lato sinistro. Si manifesta in particolare quando rido o faccio certi movimenti col busto.

Qualche mese fa, poiché accusavo dei battiti irregolari del cuore, feci visita cardiologica ed elettrocardiogramma che diedero esito negativo. Il medico disse che poteva c'entrare l'ernia iatale diagnosticata con gastroscopia precedentemente. Tali battiti sono poi scomparsi.

Però ora, a distanza di 4-5 mesi, sto soffrendo di questo dolore/fitta. Potrebbe essere sempre l'ernia iatale? (L'ernia iatale di per sé non dovrebbe essere asintomatica?)

Sintomi classici da reflusso mi sembra non averne: che sia comunque una qualche attività acida sull'esofago che si manifesta diversamente dal classico reflusso?

Grazie

[#13]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Dovrei visitarla......
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#14] dopo  
Utente
Dottore mi scusi, per il reflusso biliare può essere usato anche Sucralfato? Ho letto che protegge lo stomaco senza incidere sugli acidi gastrici utili alla digestione ed è anche un legante dei sali biliari.
Il suo utilizzo può provocare qualche problema?

Inoltre vorrei sapere se è possibile usarlo assieme ad un procinetico (il sucralfato 1 ora prima dei pasti, il procinetico 20/30 minuti prima dei pasti). O è meglio non "mischiarli"?

Grazie.

[#15]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Può usare i due farmaci anche insieme.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia