Utente
Buongiorno, a febbraio dopo una colonoscopia mi è stato diagnosticato il morbo di Crohn localizzato nell’ileo che sto curando con entocir e asacol. Ho scoperto il Crohn quasi per caso perché ero andato dal gastrologo perché avevo sempre bruciori di stomaco e scariche di feci molli, oltre a senso di stanchezza e spostatessa e molto gonfiore addominale subito dopo i pasti. Il gastrologo alla prima visita ha notato, a seguito di un’ecografia addominale, un ispessimento all’ultima ansa ileale e per questo qualche giorno dopo ha voluto vederci meglio con la colonoscopia. Ora il problema è che i problemi originari per cui mi ero affidato al gastrologo non sono scomparsi. Continuo ad avere sempre lo stomaco molto gonfio, bruciore all’altezza dello sterno e del cuore (più che bruciore lo sento solo se premo col la mano all’altezza dello sterno), prendo inoltre Pantorc 20 al mattino.
Oggi ho voluto effettuare una gastroscopia per capire meglio i problemi legati all’apparato digerente Superiore, ecco qui il referto:

Esofago regolare per calibro, decorso e rivestimento mucoso. Cardias continente, stomaco distensibile contenente discreta quantità di liquidi tinti di bile, rivestito da mucosa regolare a livello del fondo è corpo ed iperemica in antro. Piloro pervio. La mucosa del bulbo e della seconda porzione duodenale si presentano edematose e pd iperemiche con normale rappresentazione dei villi intestinali. Si eseguono biopsie in antro e corpo per tipizzazione istologica e ricerca H. Pylori.

In sostanza questo referto con cosa è compatibile? Potrebbe essere celiachia? Oppure i miei problemi potrebbero essere causati dal batterio? Non mi sembra una situazione grave però questi fastidi non mi permettono di vivere una vita regolare. (Ho 21 anni, normopeso, faccio attività fisica e non fumo)

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Deve avere pazienza ed attendere il risultato dell'istologia.
Macroscopicamente è una gastro-duodenite (potrebbe anche essere causata dal Crohn).
Mi aggiorni se le fa piacere!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la celere risposta Dott Bacosi. Le farò sapere assolutamente. Ho anche una risonanza magnetica all’addome superiore ed inferiore il 30 Maggio.

A presto

[#3] dopo  
Utente
Buonasera dottore, le riporto intanto l’esito della risonanza magnetica che ho eseguito qualche giorno fa.

Piccolissima raccolta liquida ad entrambi i sensi costo diaframmatici laterali.
Fegato grande a contorni lisci, senza evidenza nel contesto di lesioni focali. Colecisti ben distesa con evidenza di un adenomioma sul fondo senza evidenza interna di calcoli e con vie biliari sottili e regolari.
I reni sono in sede, normali per forma e dimensione, con netta ectasia del bacinetto del rene di destra e con favorevole rapporto cortico-midollare.
Sulle acquisizioni coronali si osserva a livello intestinale una irregolarità diffusa della ultima ansa ileale che appare contratta ed ispessita: associata la presenza di una abbondante raccolta liquida circondante il cieco.


Aldilà delle ultime righe della risonanza che afferiscono al Crohn, devo consultare qualche specialista per il quadro che emerge nella prima parte? Il bruciore al tatto sotto le costole è causato da problemi di carattere digestivo o trova riscontro nella risonanza? Grazie mille per la cortese attenzione.

[#4]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non ci sono apparenti motivi per i sintomi descritti
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#5] dopo  
Utente
Caro Dott. Bacosi, le riporto l’esito dell’esame istologico:

Frammenti di mucosa gastrica di tipo antrale e della transizione antro-corpo con infiammazione cronica di grado lieve, non attiva, senza atrofia. Assenza di H. Pylori. Assenza di granulomi.

Da quanto emerso, i miei problemi fisici posso essere facilmente curati? L’infiammazione al duodeno può portare a del bruciore al tatto sotto il costato destro?
Grazie per la cortese attenzione.

[#6]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) si
2) no
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#7] dopo  
Utente
Caro Dottore, ma pare verosimile che i bruciori lungo tutto l’addome e in particolare sotto le costole (altezza colon ascendente) possano derivare da colon irritabile? Perché non so più dove sbattere la testa. Il gastrologo mi ha dato la cura per curare la gastrite e la duodenite, oltre i farmaci per tenere sotto controllo il crohn, ma i bruciori continuano.