Utente 526XXX
Gentilissimi Signori Medici, non è la prima volta che richiedo un Vostro parere su questo sito, ma Vi prego di aiutarmi e dirmi cosa mi sta succedendo perché è da gennaio che non riesco a risolvere la mia situazione.
Tutto è iniziato con una strana ed improvvisa diarrea indolore, forte stanchezza ed inappetenza. Col tempo ho iniziato ad avvertire dolore al fianco destro. A febbraio ho effettuato eco addome (ispessimento anse intestinali) ed esami del sangue con PCR a 6.80 su un massimo di 5 e globuli bianchi leggermente alti. Test celiachia negativo. A maggio, vista la persistenza dei sintomi nonostante abbia assunto mesalazina per un mese, ho fatto test Widal Wright, coprocoltura, parassitologico feci, urinocoltura tutto negativo. PCR nella norma ma calprotectina a 400 per cui ho effettuato una colonscopia da cui si evince una lieve iperemia dell'ileo distale. Riporto esito biopsie:
Frammenti di mucosa ileale con architettura sostanzialmente conservata; si osserva lieve infiltrazione linfocitaria, ectasia e congestione dei vasi della tonaca propria.
Frammenti di mucosa del grosso intestino con architettura ghiandolare conservata, si osserva lieve infiltrazione linfocitaria a carico della tonaca propria.
A seguito della colonscopia, ho iniziato ad avere nausea, mal di stomaco, lingua giallastra sul fondo e diarrea gialla con acqua del water "unta" come se ci fosse dell'olio. Ho iniziato a pensare al pancreas, quindi ho effettuato in data 21 maggio un eco addome completamente negativo, il radiologo mi ha detto che il pancreas era ben visibile e perfettamente sano. I sintomi persistono, i dolori addominali si sono attenuati ma continuo ad avere lingua giallastra sul fondo, stanchezza forte e scariche gialle con acqua del wc oleosa. È leggermente migliorato l'appetito.
Il 12/6 ho effettuato nuovamente un prelievo. Sono molto preoccupata per alcuni valori alterati.
Wbc 10.35 su un massimo di 10
HGB 12.80 (range 12/16.50) ma a febbraio e maggio era sempre 13.50 quindi è scesa
MCV 79.30 (range 80.00/100.00)
RDW-SD 45.30 (range 38.70/45.10)
RDW-CV 15.70 (range 11.50/14.50) questo valore mi preoccupa molto così come la PCR che è nuovamente salita a 6.40 su un massimo di 5.
PCR di febbraio: 6.80
PCR di aprile: 4
PCR di giugno: 6.40
Sono stata da psicologi, psichiatri ecc ecc dato che tutti mi accusavano di essere ansiosa ed ipocondriaca pensando che questi miei sintomi e scariche diarroiche fossero dovuti a stress.
Vi prego gentilmente di darmi un Vostro parere riguardo il mio stato di salute e dirmi che altri esami posso fare. Ho tanta paura e penso di avere qualcosa di brutto al tenue o peggio al pancreas... ho paura che essendo passato tanto tempo la mia vita sia in pericolo e non ci sia nulla da fare. Io vorrei tanto avere dei figli con mio marito ma temo per la mia vita. Grazie a chi mi aiuterà.

[#1]  
Dr. Roberto Mangiarotti

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Gentile Utente occorre escludere una malattia infiammatoria cronica intestinale (ad es. una malattia di Crohn). Le consiglio di completare le indagini con una Enterorisonanza per una migliore visualizzazione del tenue. Cordiali saluti
Dott. Roberto Mangiarotti

[#2] dopo  
Utente 526XXX

Gentilissimo Dottor Mangiarotti, la ringrazio infinitamente per la risposta.
Lei cosa pensa dei valori di emoglobina? Devo preoccuparmi?
Seguirò il suo consiglio, ma vorrei sapere se secondo lei posso escludere una patologia alle vie biliari.
Essendo le mie feci gialle e piene di unto, penso ad una brutta patologia al pancreas. Lei cosa ne pensa?
Grazie ancora per la pazienza e l'attenzione.

[#3]  
Dr. Roberto Mangiarotti

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Gentile Signora penso che si stia preoccupando più del necessario. Le feci chiarr e untuose possono dipendere dall’alimentazione o da un malassorbimento. Comunque, per sua tranquillità faccia anche il fosaggio di enzimi pancreatici ( amilasi e lipasi). Le ricordo che l’ecografia addominale non ha mostrato nulla.
Dott. Roberto Mangiarotti

[#4] dopo  
Utente 526XXX

Grazie infinite Dottore per la sua pazienza e disponibilità e mi scusi se continuo ad approfittare del suo tempo. Riguardo la mia alimentazione, da gennaio il mio appetito è poco o nullo ma quando riesco a mangiare si tratta sempre di cibi "puliti". Da cosa può dipendere un eventuale malassorbimento?
Dottore mi scusi, anche questo brutto sapore e la lingua gialla mi portano a pensare a patologie biliari. Lei dice che, essendo due eco addomi negativi, posso escludere una patologia al pancreas? Sono terrorizzata dall'idea di avere un tumore a quest'organo, soprattutto per il senso di stanchezza.
Grazie ancora per la sua pazienza, cordialità e professionalità

[#5] dopo  
Utente 526XXX

Gentile Dottor Mangiarotti, Le chiedo scusa se La disturbo nuovamente ma vorrei aggiornarLa sulla mia situazione.
Innanzitutto i miei disturbi non sono migliorati, anzi.
Mi sono recata dal gastroenterologo il quale non ha voluto prescrivermi una Entero RM bensì una colangio RM risultata, per fortuna, completamente negativa. Lo stesso gastroenterologo mi ha prescritto seguente terapia: Clipper 1 cp al dì, Mastocol 2 cp al dì, Ursobil 1 cp al di'. Dopo due mesi di terapia, non ho riscontrato nessun miglioramento, anzi. I dolori al lato destro persistono così come persistono forte astenia e feci non formate ed oleose. Inoltre a giugno, mi è spuntata sul piede la prima macchia da vitiligine (il dermatologo ha confermato la malattia).
Ho ripetuto le analisi del sangue: Le riporto i valori alterati
G. Bianchi 16,40 (4.00 - 10,80)
Rdw 16,2 (11,5-15)
Piastrine 491 (130-400)
PCT 0,38 (0,12-0,36)
Neutrofili 11,2 (1,9-8)
T3 libero 2,79 (2,9-4,8)
TSH 5 (0,35-4,94)

La prego Dottore, può dirmi secondo Lei cosa succede? Sto male da gennaio e mi sento in un tunnel senza fine, proverò nuovamente a farmi prescrivere una Entero RM ma intanto Lei può dirmi cosa pensa della mia situazione? Io ho paura di avere qualcosa di grave ed incurabile, la scoperta della vitiligine mi ha buttato ancora più giù.
La ringrazio tanto per l'attenzione