Utente 116XXX
Gentili dottori,

ho una curiosità per un fatto bizzarro che mi è successo oggi. Da circa nove ore ho continui episodi di extrasistole, cosa che non mi è mai successa in vita mia (ho 45 anni, non in sovrappeso). In passato, le rare volte che mi è successo è stato dopo qualche pasto e sempre con una durata limitata. Ora invece queste extrasistole sembrano non finire più.

Non riesco a capire che cosa mi può essere successo di diverso. L’unica cosa che viene in mente è che l’altro ieri sono stato al pronto soccorso per forti fitte alla schiena. La dottoressa che mi ha visitato ha premuto fortemente sull’addome e ha dato dei colpi abbastanza forti all’altezza dei reni (per quanto riguarda la manovra eseguita, sul referto del PS è scritto: “obiettività toracica e addominale nella norma. Murphy, Blumberg e Giordano negativi”. L’eco addome che mi è stata fatta è sostanzialmente negativa, a parte “pancreas mascherato da meteorismo”). Questo può in qualche modo aver causato un’ernia iatale che forse era già presente in modo larvale? Ho letto che l’ernia iatale può essere causata anche da traumi.

Altre anomalie: ho una proctite insistente in seguito a emorroidi e assieme alla febbre che ho avuto fino all’altro ieri, accompagnata da quelle fitte intense che mi hanno fatto andare al pronto soccorso, si è associata una placca sulle tonsille vista dal medico di base ieri pomeriggio.

Vi chiedo cortesemente come posso procedere: sono abbastanza sicuro di non avere problemi cardiaci. Al tempo stesso queste extrasistole così persistenti e continue sono oltremodo fastidiose. La sensazione è quella di un battito mancante e di un tonfo all’altezza dello sterno, verso il lato sinistro ed è davvero troppo frequente e prolungata per essere tollerata.

Grazie infinite a chi mi vorrà rispondere.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Le manovre praticate dalla dottoressa non possono aver provocato o aggravato un 'ernia iatale.

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it