Utente 513XXX
Salve, come scritto nel titolo credo di avere problemi a livello inanzitutto di deglutizione. Sono un ragazzo di 23 anni, talvolta mi è capitato di mangiare velocemente e quindi, presumibilmente, di non masticare adeguatamente il pasto. e ciò che sovente capitava era che mi si bloccasse il bolo alle origini dell'esofago causandomi forte dolore, al che io puntualmente mi davo delle botte al petto così il bolo scendeva lungo l'esofago e tutto andava bene. Qualche giorno fa però mi è capitato che nonostante le mie botte al petto il pezzo di pasta che avevo ingurgitato non scendesse, sono stato molto male e cominciava a mancarmi l'aria, credo di aver rischiato il soffocamento, però non ho mai smesso di respirare o perso la lucidità, fino a che ho ficcato 2 dita in gola e sono riuscito a vomitare ciò che mi ostruiva. Da quel giorno ho come una piccola sensazione di ostruzione che non riesco a capire se è fisica o psicologica per lo spavento preso, quello che però di cui sono certo è che adesso mi capita che ogni volta che mangio, immediatamente mi si crea dell'aria che risale fino all'esofago e che mi fare emettere rutti come a dover liberare quell'aria. in realtà questa "necessità" di espellere aria si presenta anche lontano dai pasti ma si accentua dopo aver mangiato, boccone dopo boccone, specialmente pietanze più "pesanti" (tipo patate e pollo"). Questa problematica è legata a quel "rischio soffocamento" raccontato prima? Non capisco a cosa attribuire questa eccessiva e tempestiva formazione d'aria che arriva fino all'esofago e che necessito ogni volta di espellere praticamente sempre per via orale. Grazie per l'attenzione,

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ha sintomi di disfagia per cui è indicata una gastroscopia con biopsie in esofago per escludere un'esofagite di tipo eosinofilo che è la causa più probabile alla sua età

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 513XXX

Grazie per la risposta. Ammetto di essere molto preoccupato per la sua risposta, avevo sentito parlare della disfagia che già non è una cosa banale, mentre dell'esofagite di tipo eosinofilo mai, dato che lei non ha aggiunto altro è qualcosa di molto grave o con cui si può convivere "semi-normalmente" ? In seno a questo volevo chiedere che tipo di alimentazione, innanzi ai sintomi descritti sopra, mi consiglia? Cibi poco densi e facilmente deglutibili? (penso a pastine), o cos'altro? E in più mi consiglia di accoppiare qualche farmaco per favorire la deglutizione/digestione? Grazie mille...

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Questo tipo di esofagite viene trattata con il cortisonico e si può controllare. Bisogna però fare la diagnosi e non "adeguarsi" con un'alimentazione più morbida
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it