Utente cancellato
Salve è da venerdì pomeriggio che improvvisamente sto provando un dolore alla schiena.
Il dolore viene avvertito se tossico, se faccio un intenso respiro oppure mentre ingoio qualcosa.

Per sicurezza oggi sono stato al pronto soccorso, emergenza giustificata dal fatto che nel 2014 ebbi uno pneumotorace con sintomi simili.
Ho fatto RX torace ed esami del sangue di routine (es. Emocromo) entrambi negativi.
Visto che venerdì ho fatto sport molto intenso ho chiesto ai medici se potesse essere legato a ciò e quindi essere un indolenzimento muscolare e hanno detto che probabilmente è così.
Tuttavia non mi convince il fatto che il dolore si acutizza con maggior rilievo mentre mangio.
A proposito di quest'ultimo sintomo (deglutizione) ho letto l'altro giorno di una risposta ad un consulto dove c'era un paziente che lamentava un disturbo simile ed il Dottor Cosentino consigliava una EGDS per escludere una esofagite da reflusso.

Per questa ragione posso chiedervi se è opportuna una consulenza gastroenterologica con EGDS?
A proposito di ciò potrebbe trattarsi di una semplice infiammazione o qualcosa di più serio?
Scusate, vi chiedo questo perché leggendo tra internet e articoli di Medicitalia ho letto cose brutte sulle esofagiti come l'esofago di Barrett e sono preoccupato: (.
In pratica, credo di avere da anni reflusso ma mai curato in quanto era quasi asintomatico.

Vi ringrazio.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Potrebbe realmente trattarsi di un reflusso. Provi a vedere se il sintomo si allevia con qualche antiacido

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
554665

dal 2019
Ho a casa del lansoprazolo, va bene anche quello? (in passato ho preso qualche volta PPI).

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Va bene il lansoprazolo ( che è PPI)
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
554665

dal 2019
Ok, la ringrazio.

[#5] dopo  
554665

dal 2019
Salve, le scrivo per dei dubbi che ho in mente. Il dolore era migliorato (ho da giorno sospeso l'inibitore) e non è più come prima, anzi sembrava quasi scomparso. Tuttavia da giovedì della settimana scorsa è come se il dolore si è "spostato". Cioè, prima lo sentivo diffuso lungo il dorso, ora appena ingoio qualcosa ho una fitta breve in localizzazione della scapola sinistra (immagini allineato sullo stesso punto in cui c'è il petto ma alla schiena). Questa fitta, ripeto, compare subito dopo aver mangiato qualcosa, immediatamente dopo l'ingoio. Il disturbo è comparso già quando era in corso ancora l'uso del PPI. Dura pochi secondi e poi scompare. A volte mangio e non sento nulla, poi si fa risentire sempre nelle stesse modalità e circostanze. Cosa potrebbe?
Al pronto soccorso mi fecero una radiografia del torace negativa ed esami ematochimici negativi, quindi si può escludere una formazione cancerosa?
Due anni fa feci un esame del sangue per l'helicobacter pylori, può essere legato a questo problema? Il bello è che non avverto bruciori di nessun tipo, solo questa fitta fastidiosa come se ti venisse un mal di spalla.

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
E' un sintomo da reflusso
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it