Utente 406XXX
Buongiorno a tutti, faccio delle piccole premesse prima di scrivere il mio lungo consulto perché doveroso. Sono un ragazzo di 34 anni.. Faccio sport da 20 anni non fumo e non bevo alcolici e ho sempre fatto una vita relativamente sana senza avere alle spalle situazioni familiari di malattie gravi. Vi scrivo per una preoccupazione che mi sta attanagliando da più di 3 anni riguardo la mia situazione gastro intestinale che non migliora più di tanto e con la quale convivo oramai. Sono molto ipocondriaco riguarda la possibilità di contrarre un tumore da un giorno all altro e per questo sono entrato in psicoterapia da 20 giorni. Parto dall inizio: a seguito di problemi dispeptici trattati con semplici farmaci di routine faccio un ecografia risultata negativa ad ECCEZIONE DI un episodio di sludge biliare che il mio medico mi fa trattare con URSOBIL. Da lì in poi la mia ipocondria sale e comincio ad andare dal gastroenterologo che mi diagnostica un colon irritabile sospendendo l acido desossicolico perché secondo lui nn faceva miracoli dandomi una delle tante terapie provate.. . . L Alvo è sempre alterno tendente al diarroico.. Al poltaceo.. . Confusione su confusione.. . Ho fatto due gastroscopie una colonsocopia.. ho controllato la celiachia la tiroide le feci.. . La calprotectina che a volte è alta e volte no. Ho fatto di tutto in questi 3 anni e mezzo. Sono intollerante al lattosio e a breve farò anche il breath test al lattulosio. Ma arrivo al motivo del consulto: GLI ADENOMIOMI della colecisti. Da allora non vivo più.. . Temo si possano trasformare in un tumore.. Ho letto di tutto soprattutto qui su medicitalia. Quattro ecografie in 3 anni e 6 mesi. La prima diceva sludge biliare, come vi ho già anticipato. La seconda rilevava solo l adenomioma di 2mm. Da lì in poi l ecografo è stato sempre lo stesso. Nella terza l' adenomioma è di 2. 99 dopo un anno. E la quarta sempre dopo un anno ne riportava uno di 1
99mm con il primo invariato. Nonostante il mio radiologo che è anche un amico continui costantemente a tranquillizzarmi dicendomi di farmi solo eco di controllo periodiche. Mi conviene toglierla subito sta colecisti senza aspettare che si arrivi al FAMOSO 1 CENTIMETRO? senza aspettare che si moltiplichino ancora? C è da dire che ho cambiato specialista perché il primo non mi rispondeva più evidentemente per asfissia.. . . E il nuovo gastroent. (consigliatomi dall ecografista) mi ha detto di ripetere l eco tra 3 mesi e poi eventualmente una colangio RMN. Ma perché la colangio? Nonostante le sue rassicurazioni io da una settimana penso solo a questi adenomiomi.. . Sara il mio stato ansioso forse depressivo ma è così! Chissà se i miei problemi intestinali dipendono anche da questa colecisti o se sono due cose distinte e separate. Ci tengo a precisare che i controlli ecografici risultano per i l resto negativi. Nn ci sono infiammazioni colecistiche o calcoli. Non ne posso più. Vi prego se possibile trnquillizzatemi.. Grazie x l eventuale risposta

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) il suo problema è mentale e non gastroenterologico

2) in tutto il mondo gli adenomiomi della colecisti (asintomatici!!!!) si seguono con una ecografia ogni dodici mesi.

3) quando uno dei polipi supera un centimetro si toglie la colecisti.

Tutto quanto lei legge di diverso non collina con le linee guida internazionali.

Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 406XXX

Dottor Bacosi la ringrazio innanzitutto della celere risposta e voglio approfittare per chiederle altre cose: lei quindi in base alla ampia documentazione scritta che le Ho fornito asserisce che il mio problema è di natura mentale oppure perché ho scritto che faccio psicoterapia? Sottolineo che non prendo farmaci ansiolitici o antidepressivi... Crede sia il caso di valutare un inizio in tal senso? Da specialista anche lei gastroent. Come si muoverebbe con tutta la mia sintomatologia e tutti gli esami che ho già fatto in più di 3 anni? Rifarebbe la colon (l'ultima fatta a maggio 2016)????? E soprattutto ancora non mi spiego il perché della richiesta della colangio RMN.... Il vostro collega da cui sono stato aha detto solo per avere un immagine più chiara delle dimensioni ma io ho letto che basta una semplice ecografia. Comunque sono in confusione più totale. Ho dovuto anche interrompere la mesalazina che stavo prendendo (800mg per 3 al dì) a seguito della calprotectina trovata a 250 ad inizio settembre, e con cui mi stavo trovando bene perché il suddetto collega come le Ho scritto nel primo messaggio mi ha chiesto il breath test del lattulosio e quindi per 2.settimane sono COSTRETTO a interrompere. Sto spendendo soldi su soldi in consulti.... Visite... Esami..... Non ne posso più....uso questo spazio fortunatamente gratuito per avere delucidazioni e rassicurazioni. Grazie anticipatamente della risposta dottor Bacosi

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Lei ha fatto fin troppi esami.
Verosimilmente solo intestino irritabile.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 406XXX

Ne sono consapevole dottore. Però come faccio ad escludere una SIBO se non eseguo il breath test del lattulosio? E poi un altra domanda mi perdoni: possono i miei sintomi gastrointestinali dipendere anche da una colecisti che lavora male che non si svuota bene e che quindi abbia formato questi adenomiomi a causa dei depositi di colesterina? Perché se per adenomiomi asintomatici lei intende coliche biliari... Fitte... Quelle no mai avute!!! Ma tutti gli altri sintomi si... Evito di farla la Colangio RMN che mi è stata indicata dopo il prossimo controllo ecografico? Boh.. Brancolo nel buio....

Ps.. Il gastroenterologo mi ha prescritto del lexil da prendere prima di andare a dormire. Crede sia indicato perché dovrò farmelo prescrivere dal curante..?

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Lei come tutti gli ansiosi legge troppe notizie sul web che non sa interpretare.
Asintomatico significa che non da ALCUN sintomo, stop!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 406XXX

Lei cosa farebbe? Continuerebbe la psicoterapia? Anche se nn so fino a che punto possa aiutarmi o intraprenderebbe un percorso farmacologico? Perché io vorrei capire nei limiti del possibile da uno specialista luminare come lei se ho escluso tutto prima di parlare di colon irritabile.. Quindi non so SIBO... SINDROME DI HABBA? Grazie tante del suo tempo dottor Bacosi..

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non sono un luminare.
Le ripeto legge troppe notizie che non sa interpretare.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente 406XXX

Ho capito e infatti sto chiedendo a lei un ulteriore parere..mi fermo alla diagnosi di colon irritabile e non prendo in considerazione le altre mie preoccupazioni? Controllerò gli adenomiomi e basta?

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Per me, a distanza e senza visita, si tratta di intestino irritabile e tanta ansia.
Gli adenomiomi li controlli ecograficamente una volta l'anno.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente 406XXX

Ok. Insistevo perchéi mi era stato detto di farla tra tre mesi una nuova eco e eventuale valutare una colangio RMN
. Le mie perplessità sono tutte riguardoa Questo. Ma in base alla sua Esperienza ritiene che la mia colecisti sia incline a formare queste formazioni visto che in tre anni e mezzo e stata valutata una crescita seppur minima e che quindi sia destinato a una colecistectomia? E in caso di operazioni quante probabilità ci sono di poter tornare a mangiare le. Cose di tutti i giorni contando il fatto di avere un intestino che si irrita facilmente e per giunta, in futuro, senza una colecisti? Grazie davvero della pazienza e del. Suo tempo dottore.