Utente 577XXX
buonasera, due giorni fa mia moglie molto probabilmente ha avuto un virus intestinale, i sintomi sono stati i seguenti: diarrea 3 volte in un giorno e nausea, non ha però vomitato, i suddetti sintomi sono durati per due giorni, oggi inavvertitamente ho usato sia le sue stesse posate dopo che le aveva usate già lei che il suo spazzolino, vi chiedo se il contagio avviene al 100% in questi casi, il motivo della mia preoccupazione è che fra qualche giorno devo partire per lavoro e non posso assolutamente assentarmi.
nel caso entro quanto tempo dall'esposizione al virus intestinale si manifestano i sintomi?

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il 100% in medicina non esiste.
Ovviamente ha forti probabilità di essersi contagiato.
Di più non si può dire!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 577XXX

grazie per la celere risposta, nell'eventualità sia stato contagiato che periodo di incubazione è previsto? entro quanto tempo potrei sviluppare i sintomi?

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
dipende dal tipo di virus (ne esistono diversi).
Direi alcuni giorni.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 577XXX

capisco, quindi se entro domenica non manifesto alcun sintomo verosimilmente potrei non averlo contratto?

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Può essere.....
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia