Utente
Salve...un mese fa a causa di Vari disturbi ho effettuato esami Igg e Iga ma negativi...dopo ho effettuato gastroscopia e biopsia ed evince gastrite cronica da h.
p ed celiachia tipo C3...sono aglutinata da 1 settimana e sto molto meglio ma purtroppo ai fini della burocrazia la referente non mi ha potuto avviare pratica esenzione perché manca un altro.
esame cioè EMA...qualora questo esame risulta negativo come e possibile che dalla biopsia risulta atrofia dei Villi... marcato processo flogistico iperplassia cripta ed altro... tutto ciò con la dicitura di celiachia tipo C3 secondo marsh e b2 secondo corazza... grazie mille per la sua attenzione

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Forse perchè i burocrati non sanno che l esame istologico è il gold standard , che significa che è prevalente su tutti gli altri esami es è sufficiente, da solo, per fare la diagnosi.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Lei dottore ha perfettamente ragione, anche io la penso così.. ma la gastroenterolpga che si occupa nella mia provincia di avviare la pratica necessità per forza dell esame ema totali ed addirittura ha messo in dubbio la mia biopsia richiedendo i vetrini ...presso il laboratorio anatomico che ha rilasciato l esame istologico..trovo ciò tutto carnevalesco ...ed se l EMA risulta negativo non potrò ottenere l esenzione.ho saputo che se qualora fosse così posso indirizzarsi sulla mia mappa generica..per riscontrare i geni della celiachia. Buona giornata e grazie

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Purtroppo, qualche volta dobbiamo subire questi soprusi da parte di persone ignoranti messe nel posto sbagliato. Non le rimane che farsi fare il prelievo per EMA e DQ2 e DQ8, che sono gli antigeni relativi alla predisposizione alla celiachia.
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Salve dottore avevo mandato giorni fa un messaggio ma forse non ha avuto Buon fine ..le avevo chiesto...se l esame di ema totali potrebbe essere sfalzato dal fatto che da una settimana circa avevo iniziato alimentazione senza glutine.(le ricordo che da poco tramite biopsia abbiamo.riscontrato celiachia tipo.c3),ovviam facendo il carico di glutine.. grazie ..cordiali saluti.

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, gli anticorpi rimangono
Prof. alberto tittobello

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno dottore esami al sangue negativi...la gastroenterologa che mi segue per i fini burocratici mi dice che non sono celiaca nonostante la mia biopsia duodenale è positiva alla patologia.come può essere tutti ciò??

[#7] dopo  
Utente
Buona sera dottore..volevo mandarle la diagnosi istologica per aver un consulto in più.. io sono ancora in attesa di esenzione: frammenti bioptoci con orientam nel complesso corretto.mucosa duodenale con atrofia dei Villi. Enterociti di altezza lievemente ridotta e con irregolarità del Bush border. Selezione della secrezione mucipara.linficitosi intraepiteooale
Maggiore secondo gli standard che è 25 iel 100 ec. Marcato processo flogistico cronico intralaminare accompagn a modesto aumento della quota granulocitaria eosinofilia. Incremento delle attività mitotica delle cripte iperplassia delle cellule di paneth .cosa ne pensa'?il gastrientelorogo che mi ha fatto biopsia sostiene che sono celiaca senza dubbio..l altro medico che è ai fini burocratici.temporeggia sulla patologia.. grazie mille per il suo consulto.

[#8]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Se leggo bene, c' è scritto " atrofia dei villi " e aumento dei linfociti intraepiteliali , incremento dell' attività mitotica. Questi dati sono probanti e sufficienti per fare diagnosi di celiachia. Il resto non conta. Il commento sulle persone sbagliate nel posto sbagliato l ' ho già fatto. Propongo di chiedere un parere definitivo al prof. Corazza, il massimo esperto italiano in questo argomento. E' anche un mio vecchio collega e amico. credo che abbia la cattedra di Gastroenterologia a Pavia.
Prof. alberto tittobello