Utente
Gentilissimi, sono qui per chiedere un parere riguardo a che visita sottopormi avendo i seguenti problemi.

Da circa 8 mesi ho iniziato a soffrire di stitichezza, dopo i primi mesi verso giugno 2019 ho effettuato una prima visita colonproctologia in cui il medico dopo aver ascoltato i problemi ha effettuato una ispezione anale in cui non ha constatato nessun problema se non un'ampolla piena di feci appunto, anche la palpazione dello stomaco non ha evidenziato nessun problema.
A parer suo il problema era dovuto ad un cambio di stile di vita, il che è vero in quanto prima mi allenavo 2 ore al giorno per tutti i giorni seguendo una dieta proteica e da un anno ormai non più, a causa del lavoro d'ufficio sono diventato più sedentario.

Mi ha prescritto di effettuare esami per calprotectina e sangue nelle feci (entrambi negativi) e esame per la celiachia (anch'esso negativo) mi ha prescritto integratori di fibre e motilex e con la cura andava tutto bene fin quando non ho staccato.
Sono tornato per una seconda visita, ha visionato gli esami tutto ok per lui e ricontrollato lo stomaco anche quello tutto ok e mi ha riconsigliato integratori (tipo stipsi king) / e migliorare la dieta.
Ad oggi dopo altri 3 mesi devo dire che la stitichezza è migliorata ma ho iniziato ad avvertire dolori al retto sopratutto quando sto per troppo tempo seduto o quando contraggo i muscoli dei glutei per esempio, dolori che arrivano anche ai glutei quasi come se fossero dolori muscolari, inoltre quasi ogni giorno ho dolori sparsi nello stomaco a livello dell'appendice dei reni e anche nella schiena, non sono doloro forti anzi, sono più che altro fastidi che insieme alla mia ansia di avere qualche malattia grave non mi fanno vivere in maniera serena da ormai qualche mese.
Non fidandomi del mio curante (che dovrò cambiare) mi sapete consigliare che esame sarebbe opportuno effettuare?
Dovrei effettuare subito una colonscopia o prima qualche altro esame meno invasivo?
Grazie per il lavoro che svolgete nella realtà e online.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Secondo me sbaglia a non fidarsi del suo medico curante, che finora ha fatto tutte le cose giuste. Ma se ci sono altri motivi, è un ' altro discorso. Non mi ha detto che cosa intende per stipsi, cioè quanti giorni salta. Almeno per ora, non vedrei la necessità di eseguire altri esami invasivi. Deve proseguire con una dieta ricca di fibre : per e. prodotti con crusca, da prendere la mattina con la prima colazione, o quelli a base di psyllium. Inoltre, non è proibito ricorrere a qualche blando lassativo , come quelli a base di bisacodile.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta Prof. Tittobello, no mi sono espresso male colui che mi ha fatto tutte le visite è uno specialista gastroenterologo da cui sono andato di mia volonta, non il mio curante,il quale mi aveva liquidato tempo fa senza visitarmi dicendomi che era colon irritabile, guardandomi negli occhi, magari avrà i super poteri.

Per stipsi intendo 1 evacuazione ogni 2 giorni adesso, ci sono giorni in cui riesco anche ogni giorno , ma appunto come dicevo ora va meglio. Al tempo della prima visita andavo 1 volta ogni 3/4 giorni a volte dopo 5-6 in quel caso lì si ho preso 2 volte un lassativo.

Lei ritiene che nonostante questi dolori/fastidi che provo non dovrei effettuare altre visite, e provare a mangiare più fibre? utilizzerò anche quelle indicate da lei

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Le fibre vanno sempre bene, non sono mai troppe, se ben tollerate dallo stomaco. Non deve fare altre visite, ci risentiamo. Auguri.
Prof. alberto tittobello