Utente
Buona sera dottore, scrivo in quanto terrorizzata.
Il 1 febbraio avuto un episodio di sanguinamento rettale, ho notato sulla carta igienica una striscia di colore rosso vivo.

Questo episodio si è ripresentato il 18febbraio dopo episodio di diarrea e in seguito verso la metà di luglio con feci dure.
il mio medico di base ha diagnosticata come emorroide e mi ha prescritto una crema da applicare sia all’interno che all’esterno.
Inoltre, la linea Inter glutea era molto infiammata e lo è tuttora e inoltre vi sono dei piccoli forellini all’inizio di essa.

Adaprile, in seguito a un esercizio fisico, premetto che non facevo esercizi da molto, il giorno Dopo ho notato a livello dell’epigastrio a sinistra, 3/4 dita sotto il seno, un bozzo.

Dopo essere stata dal mio medico curante ho fatto una visita con un chirurgo che mi ha prescritto un’ecografia della cute e sottocute e una rettosigmoidiscopia.

Nel referto ambulatoriale ha scritto: Ob addome: trattabile.
piccola tumefazione che rientra in clinostatismo in regione paraombelicale sn.

Ob anale: importante eritema da sfregamento regione interglutea.
Sempre a tale livello, poco al di sopra dell’ano, piccolo meato non secernente.
Si reperta all’esplorazione rettale piccola emorroide interna non sanguinante.

Ho fatto l’ecografia e non è stata rilevata alcuna anomalia, la radiologa ha detto semplicemente che vedeva tessuto adiposo e nessuna massa addominale.
Il fatto è che io sento ancora questa tumefazione e a volte (non sempre) quando svolgo degli esercizi sento una leggera fitta nella zona.
Come già detto si nota di più ed è più visilbile a stomaco pieno dopo i pasti.

A livello di questo bozzo c’è e c’è sempre stato un rigonfiamento morbido e premendo si sente questo piccolo bozzo più o meno duro che sento maggiormente in posizione eretta e se ad esempio alzo il braccio, mentre quando sono sdraiata non sento.
È possibile che si tratti di un lipoma?
Ma presumo che si sarebbe visto nell’ecografia.
Oppure è possibile che la lesione fosse così piccola non essere rilevata all’ecografia?

Io quando sono sdraiata o sto nel letto sto sempre girata verso il fianco sinistro è possibile che in questo modo si sia formato un accumulo di grasso proprio in quella zona?
Dopo aver effettuato gli accertamenti in ogni caso dovrò fare un’altra vista con il chirurgo e mostrarli a lui.
Inoltre volevo chiedere se è corretto effettuare la rettosigmoidoscopia per la ricerca di emorroidi interne. Non ho più sanguinamenti da 6 mesi. Vado in bagno tutti i giorni regolarmente e senza sforzi.
Ho sempre sentito parlare di quest’esame in materia di tumore al colon e proprio per questo sono terrorizzata inoltre, ho letto che la massa addominale è proprio uno dei sintomi del tumore al colon.
Ho lesame tra 5 giorni e non riesco a stare tranquilla, ho solo 19 anni e in famiglia non ho avuto parenti con questo tipo di tumore, sono molto preoccupata.
Grazie a chi risponderà!

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Lasci perdere il tumore, che non ha. Sono due situazioni diverse : una cosa è il probabile lipoma sottocutaneo, che per ora credo si possa dimenticare. Lo controllerà tra un anno con ecografia. Un ' altra cosa è quel piccolo meato osservato dal proctologo. Ma per quello, un parere lo può dare solo lui.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Dottore la ringrazio molto per la sua gentile risposta! Ora sono più tranquilla ...
Volevo chiederle due cose se posso.
Stamattina dopo aver evacuato ho controllato le feci e ho notato un pezzettino biancastro sopra, può trattarsi di un residuo alimentare ? È la prima volta che mi capita.Ieri ho mangiato del riso integrale con zucchine e a cena delle lasagne.
E se è una prassi corretta svolgere un rettosigmoidoscopia per la ricerca di emorroidi ?
Grazie ...e buona giornata !

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Purtroppo, per la prima domanda, non ho elementi sufficienti per risponderle. Alla seconda rispondo sì.
Prof. alberto tittobello