x

x

Splenomegalia e HBsAb positivo

Soffri di stitichezza o diarrea? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Salve,
come da titolo, presento Splenomegalia e HBsAb pari a 534 UI/L (dove > 10 -> Positivo).


Gli altri risultati sono tutti nella norma, in particolare sia HBsAg che HBcAb risultano negativi.


Per dare un quadro più completo, ho un calcolo biliare da circa un anno e mezzo (sono in lista per la colicistectomia), monitorandolo luglio scorso ho scoperto questa splenomegalia che permane da ulteriore eco effettuata ad agosto.


Presento talvolta dolori al fianco superiore sinistro, anche se mi è stato detto essere attribuibile a meteorismo.


Non so se sono stato vaccinato contro l'epatite da piccolo (ho fatto richiesta dei vaccini effettuati).


Il dottore ha liquidato questo valore di HBsAb con un'esposizione passata all'epatite, ha detto al massimo di eseguire nuovamente l'esame per sicurezza.
Da parte mia non mi ha trasmesso eccessiva sicurezza, in quanto di primo acchito non aveva neanche notato il valore sopra la soglia.
Fortunatamente è un sostituto temporaneo della mia dottoressa, di cui mi fido e dalla quale tornerò per un consulto.


Nel frattempo mi rivolgo a voi: questi dati richiedono accertamenti ulteriori per escludere altro, oppure effettivamente basta ripetere l'esame e plausibilmente non c'è motivo di preoccupazione?


Riporto per completezza il risultato dei restanti esami

Elettroforesi sierica
Albumina 65. 9 %
Globulina alfa 1 3. 8 %
Globulina alfa 2 7. 6 %
Globulina beta 1 5. 2 %
Globulina beta 2 5. 5 %
Globulina gamma 12. 0 %
Rapporto A/G 1. 93

Lattato deidrogenasi (LDH) 199 U/L
Ferro 70 microg/dL
Immunoglobuline G 970 mg/dL
Immunoglobuline A 169 mg/dL
Immunoglobuline M 117 mg/dL
CEA 0. 8 ng/mL
CA 125 5. 6 U/mL
Immunofissazione siero Negativo/a

WBC 7. 84 x10^3/microL
Linfociti 2650 /mmc
LINF% 33. 8 %
CD3+ (PAN T) 75 %
CD3+CD4+ 37 %
CD3+CD4+ (Helper) 981 /mmc
CD3+CD8+ 33 %
CD4+/CD8+ 1. 12
CD56+CD16+CD3- (NK) 16 %
CD19+ (PAN B) 7. 05 %
CD19+ (PAN B) 187 /mmc
commento La caratterizzazione fenotipica linfocitaria evidenzia: normale distribuzione delle popolazioni e sottopopolazioni studiate

Esame Emocromocitometrico
Globuli bianchi 7. 84 10^9/L
Globuli rossi 5. 88 > 10^12/L
Emoglobina 16. 3 g/dL
Ematocrito 47. 9 %
MCV 82 fL
MCH 27. 7 pg
MCHC 34. 0 g/dL
RDW - Coefficiente variazione 13. 2 %
RDW - Deviazione standard 38. 2 < fL
Formula leucocitaria
Neutrofili 58. 6 %
Linfociti 33. 8 %
Monociti 4. 7 %
Eosinofili 2. 4 %
Basofili 0. 5 %
Neutrofili 4. 59 10^9/L
Linfociti 2. 65 10^9/L
Monociti 0. 37 10^9/L
Eosinofili 0. 19 10^9/L
Basofili 0. 04 10^9/L
Piastrine
Conteggio 191 10^9/L
MPV 10. 7 fL 8. 5
VES 2 mm

TRANSFERRINA (capacità ferrolegante):
FERRO: 93 g/dl
TRANSFERRINA: 219 mg/dl
SATURAZIONE TRANSFERRINA: 33. 97 %
PCR: 0. 13 mg/dl
Anticorpi anti - HCV: Negativo
HBsAg: <0. 030 IU/ml
HBsAb: 534. 0 UI/L
HBcAb: Negativo
FERRITINA: 205 ng/ml


edit:

osservando i risultati segnalo altri valori lievemente fuori intervallo, Globuli rossi e RDW - Deviazione standard
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26.8k 1k 13
Dal punto di vista del virus B lei è o vaccinato o è venuto in contatto con il virus senza ammalarsi.
Per la milza (di competenza ematologica e non gastroenterologica) occorrerebbe conoscere le dimensioni: dire splenomegalia sic et simpliciter non ha senso.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottor Bacosi,
grazie per la risposta, quindi deduco che la presenza di anticopri anti-epatite nulla ha a che fare con la splenomegalia.

Ammesso e non concesso che non sia vaccinato, mi chiedo come possa essere avvenuta l'esposizione all'epatite che l'HBsAb segnala, non avendo fatto trasfusioni di recente né avendo avuto rapporti promiscui e/o non protetti.

Per quanto riguarda la spenomegalia di per sé, i risultati la descrivevano come

"splenomegalia omogenea diametro bipolare di circa 14. 4 cm"

per cui è consigliato consultare un ematologo a riguardo, oppure dati i risultati tutto sommato positivi delle analisi non è richiesta un ulteriore approfondimento?

Grazie in anticipo.

Saluti
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26.8k 1k 13
L'esposizione può essere avvenuta (anche se difficile) dal dentista.
Potrebbe essere avvenuta anche dal barbiere, manicure e, se li ha con tatuaggi e piercing.
Le dimensioni riportate sono, in effetti, superiori alla norma se rapportate alla sua statura.
Fermo restando che nulla ha a che vedere con gli anticorpi, sentirei un ematologo.
Probabilmente non ha nulla ma ha solo una milza più grande.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4]
dopo
Utente
Utente
Capisco, di tutte queste ipotesi, l'unica possibile è il dentista: ho in effetti subito un intervento di innesto gengivale, ma in una data posteriore di qualche settimana alla prima ecografia che ha rilevato la splenomegalia, quindi è da escludere.

In vista dell'intervento però avevo effettuato una pulizia dei denti, questa sì prima dell'ecografia, ma che una banale detartrasi possa causare epatite lo trovo, seppur da profano, altamente implausibile, specialmente perché sono state seguite tutte le accortezze igienico-sanitarie del caso.

L'ipotesi della milza più grande sarebbe anche accettabile se non fosse che entrambi risultati di due ecografie dell'anno scorso, effettuate a distanza di mesi fra loro (sempre per monitorare l'evoluzione del calcolo biliare) al tempo non avevano rilevato nulla del genere a carico della milza.

Grazie ancora Dottore per il suo apporto, mi ha comunque fornito dei dati in più sui quali riflettere e da riportare al mio medico curante.

Saluti
[#5]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26.8k 1k 13
Le mie sono ipotesi accademiche per spiegare le vie di trasmissione.
Le sembrerà strano ma in passato proprio la pulizia dei denti è stato un veicolo di trasmissione.
Occorre vedere, a proposito delle precedenti ecografie, se la milza più grande non è vietata segnalata......

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia