x

x

Lipasi e amilasi non scendono

Buongiorno, vorrei porvi la mia situazione.

Sono un ragazzo di 30 anni e dopo aver accusato forti dolori addominali dopo mangiato che si irradiavano dietro alla schiena, reflusso e nausea quindi mi dirigo in ospedale.

Al P.S. le analisi del sangue mostrano i valori di Lipasi 616/78 e Amilasi 127/100 a quel punto vengo ricoverato con urgenza per 2 giorni con la diagnosi di Pancreatite acuta.
Solamente dopo 2 giorni senza mangiare, solamente con flebo i valori scendono Lipasi 370/78 e Amilasi 110/100 e quindi vengo dimesso con terapia Deursil 450 e Lucen per 4 settimane e dieta in bianco da seguire a casa, con la diagnosi a voce del medico che secondo lui sia "sabbiolina o fango nella bile"
Nel frattempo inizio ad approfondire privatamente la cosa.

Il gastroenterologo mi sottopone a gastroscopia dalla quale viene fuori "ernia iatale da scivolamento, gastro duodenopatia cronica" e quindi continuo con dieta in bianco utilizzando il Pantorc al posto del Lucen, mylicon gas e refalgin per 3 settimane.

Nel frattempo vengo seguito anche da un Epatologo per la quesitone pancreas ed insieme al gastroenterologo mi sottopongono ad ulteriori esami che elenco qui sotto:
- Test H.P. Negativo
- Ecografia addominale (tutto nella norma, nulla fuori posto assenza di fango o sabbiolina o calcoli)
- TAC addome completo con mdc (tutto nella normale, nulla fuori posto, tutto nei limiti compreso il pancreas, nulla da segnalare)
- RNM con mdc per colangio (tutto nella normale, nulla fuori posto, tutto nei limiti compreso il pancreas, nulla da segnalare)

Inoltre essendo un navigante vengo seguito da un 3 medico che è un generico del mio sistema sanitario USMAF-SASN che mi controlla ogni 15 giorni come stanno andando le visite degli specialisti.

Il punto è questo, sia il gastroenterologo che l'epatologo non si sono dati una reale causa dei valori alti, mi hanno consigliato di continuare dieta in bianco per un ulteriore mese ed in più l'epatologo mi ha consigliato deursil 450 per 6 mesi e anche in evidente assenza di calcoli o fango biliare.

Entrambi mi continuano a dire che sto bene, non ho nulla e che devo sottopormi per controlli periodi di analisi del sangue ogni 15 giorni, ma i valori non cambiano ecco i valori:
Giorno 15 Ottobre Lipasi 616/78 Amilasi 127/100
Giorno 17 Ottobre Lipasi 370/78 Amilasi 110/100
Giorno 21 ottobre Lipasi 380/59 Amilasi 89/100
Giorno 11 Novembre Lipasi 1550/350 Amilasi 164/115
Oggi 26 novembre ho rifatto i prelievi e sono in attesa di risposta per la settimana prossima.

La mia domanda è questa: premesso che, attraverso gli esami ai quali sono stato sottoposto dagli specialisti, non sia uscito nulla di grave, e premesso che ogni tanto mi piace bere 1 o 2 bicchieri di rosso vicino ai pasti anche se non tutti i giorni, è possibile che questa alterazione sia stata causata dall ernia iatale e gastrite? Inoltre nel giro di 1 mese è mezzo ho perso circa 7 kg.
Grazie a chi mi risponderà
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 27.1k 1k 13
No l'ernia iatale e la gastrite non c'entrano.
Deve eliminare assolutamente l'alcol dalla sua dieta.
I suoi valori sono valori da pancreatite cronica.
Dovrebbe iniziare ad utilizzare enzimi pancreatici.
Consiglierei, al più presto, nuova visita gastroenterologica.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia