Utente
Ho 36 anni e sono alla nona settimana della mia prima gravidanza.
Il ginecologo mi ha consigliato di fare il test di Coombs in quanto io sono RH negativo mentre mio marito è positivo.
Risultato: positivo. Il che, a quanto ho capito, significa che ho sviluppato anticorpi che, in caso mio figlio abbia RH positivo, potrebbero creare problemi.
Le mie domande sono:
innanzitutto, come è possibile che senza avere avuto precedenti gravidanze, aborti o trasfusioni il test di Coombs sia positivo?
in secondo luogo, ma non meno importante, che problemi possono esserci per il feto?
inoltre, è possibile conoscere prima della nascita l'RH del bimbo in modo tale da preoccuparsi e fare qualcosa se è RH positivo o stare tranquilli se è RH negativo?
Il ginecologo mi ha detto di ripetere il test di Coombs in quanto il valore del test precedente era molto basso (1:16) e di fare quello Diretto anzichè indiretto. Cosa significa?
E perchè ha richiesto a mio marito di fare le analisi del sangue per sapere quale sia il suo "fenotipo" RH?
Ringrazio anticipatamente per le risposte alle innumerevoli domande.

[#1]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent.sig.ra, e' importante fare quello diretto per sapere se vi e' rischio di incompatibilità Rh, come anche importante conoscere l'RH di suo marito (se fosse negativo non vi sarebbero problemi).Nella pima gravidanza di solito non vi sono problemi per il feto.Ha eseguito forse l'amniocentesi?
Cordiali saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#2] dopo  
Utente
No, non ho fatto amniocentesi.
Mio marito è 0+, ma il ginecologo mi ha richiesto nuovamente il fenotipo rh.
Quello che non mi spiego è come sia possibile che io abbia sviluppato questi anticorpi non avendo mai avuto esperienze di parto, aborto o trasfusioni nella mia vita!
Io sapevo che questi anticorpi avrebbero potuto formarsi in caso di bimbo con Rh + durante il primo parto e che i problemi eventualmente ci fossero per la seconda gravidanza... ma qui, avendo già questi anticorpi, come si fa a salvare il bimbo dalla MEN?

[#3]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Se e' positivo solo il Coombs indiretto (come mi pare di capire) non vi sono problemi. Qualora fosse positivo anche il diretto, vi sarebbe qualche rischio di MEN.
Cordiali saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#4] dopo  
Utente
Sì, per il momento è positivo solo il test di Coombs indiretto; nel particolare:
Abs Irr. Identif. = Anti Cw
Abs Irr. Titolo = 1:16
Stamani ho prelevato il sangue per il test di Coombs diretto.

Ho letto che il problema si ha in caso di AntiD.
Può essere positivo il fatto che io abbia AntiCw?
E che il titolo sia basso?

[#5]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
E' dirimente il risultato del test diretto.
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#6] dopo  
Utente
Dopo 3 giorni di attesa per i risultati del test di Coombs diretto, che speravo mi desse una risposta, vado a prendere i risultati e cosa trovo? Mi hanno rifatto il test di Coombs indiretto...si sono sbagliati...
Sono senza parole..
Forse, e sottolineo forse, me lo rifaranno domattina.
Comunque, il titolo dell'indiretto nelle analisi del 22 agosto era 1:16, in questo nuovo fatto il 1° settembre è 1:4, quindi è calato.
Può essere buon segno?

[#7]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Potrebbe, ma in ogni caso bisogna aspettare il diretto.
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#8] dopo  
Utente
E pensare che la dottoressa del laboratorio analisi alla quale ho telefonato per protestare mi ha detto che il diretto è assolutamente inutile e che loro hanno rifatto l'indiretto pensando ad un errore di scrittura del medico che ha fatto l'impegnativa o dell'infermiera che ha copiato la dicitura sul pc.....
Ho sempre meno parole...

[#9] dopo  
Utente
Il test di Coombs diretto è Negativo.
Cosa significa?

[#10]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Non vi sono rischi. Al momento del parto, in base al gruppo del neonato, si valuterà l'opportunità di fare le immunoglobuline antiD. Il Coombs indiretto potrebbe anch'esso negativizzarsi.
Cordiali saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#11] dopo  
Utente
Pensavo che la medicina non fosse un'opinione ed invece devo constatare che non è così.... e la cosa purtroppo mi fa stressare e non poco..
Vi spiego meglio:
dopo il risultato negativo del test di Coombs diretto mi ha chiamato la direttrice del laboratorio in cui ho fatto le analisi dicendomi che:
1) non si spiega come mai il mio ginecologo mi abbia fatto fare il test diretto dato che non aggiunge alcuna informazione importante al mio caso
2) oltre che per un precedente parto, aborto o trasfusione, gli anticorpi possono essere anche prodotti naturalmente dal mio organismo
3) che il fatto che l'indiretto sia passato da 1:16 a 1:4 è positivo ma può anche essere dovuto a una diversa taratura degli strumenti, dato che sono stati fatti in due laboratori diversi, o addirittura all'interpretazione del tecnico che li ha letti
4) che devo continuare a fare il test di Coombs indiretto ogni 3 settimane per tutta la gravidanza: se i valori rimangono come sono adesso non ci sono problemi, se invece si alzano c'è pericolo di anemia del feto e quindi la gravidanza è a rischio e va monitorata ecograficamente in continuazione
5) che devo far fare il fenotipo RH a mio marito (non basta il gruppo e l'rh) in quanto se lui non presenta la C (maiuscola), avendo io gli anticorpi Cw, il bimbo sicuramente non avrà la C e non ci saranno problemi di sorta
Insomma, non è facile dormire sereni!!!

[#12]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent.sig.ra le allego per sua utilità il senso del test diretto:Cos'è: Il "Test di Coombs diretto" è un test che si esegue per evidenziare gli anticorpi anti eritrocitari (anticorpi rivolti verso i globuli rossi), che rimangono adesi ai globuli rossi.
Se sulla membrana dei globuli rossi il test evidenzia anticorpi adesi, il test di Coombs diretto è positivo.
Tempo di esecuzione dell'esame:1 giorno

Utilità diagnostica Gli anticorpi anti eritrocitari si possono trovare in soggetti sani con oltre 65 anni, in generale si riscontrano in alcune patologie o condizioni come:

Malattia emolitica del neonato
Anemia emolitica autoimmune
Reazioni trasfusionali
Sensibilizzazione a farmaci

Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#13] dopo  
Utente
Quindi se il mio test del diretto è negativo significa che non ho anticorpi adesi ai globuli rossi, giusto?
Come mai allora l'indiretto questi anticorpi invece li ha rilevati?

[#14]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent.sig.ra, per informazione le allego quanto da Merck Manual: "un test antiglobulinico indiretto positivo, in assenza di positività del test diretto non indica una emolisi immunitaria...".
Quindi in questa gravidanza non vi sono rischi, comunque segua anche le indicazioni del laboratorio
Cordiali saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"