Utente
Buongiorno.

pongo la mia domanda in base alle mie prime esperienze sessuali, nonostante abbia 26 anni. anche la mia ragazza (con cui sto assieme da un anno e mezzo) era vergine. oltretutto non aveva mai provato piacere sessuale prima di conoscermi. quindi non si è mai masturbata (nè vule farlo, anche se credo sarebbe un ottimo esercizio per conoscersi ed insegnarmi qualcosa a sua volta, dato che non sa cosa sia un orgasmo e mi piacerebbe tanto che potesse provare questa esperienza)

ad ogni modo il quesito è un altro

ai primi tentativi di penetrazione è andata molto male. inizialmente non riuscivo proprio ad entrare perchè provava troppo dolore.

ora, dopo meno di una decina di tentativi, riesco a penetrarla di qualche centimetro (circa 6) senza che avverta dolore. o a volte solo poco fastidio. se vado oltre però il dolore è fortissimo e sono costretto a tornare indietro. nel caso in cui io provi a spingere per andare più a fondo, può non farcela ed in questo caso mi espelle grazie alla muscolatura vaginale.

leggevo informazioni sulla profondità vaginale quindi stavo iniziando a pensare che potesse essere normale e che il mio pene di 16 cm fosse per lei troppo lungo.

è normale che le penetrazioni avvengano in questo modo o dovrebbero essere più profonde? (per quanto immagino non ci sia una regola di cm che "devono entrare"..)

il fatto è che lei si è spaventata e teme di soffrire di vaginismo. temeva non saremo mai riusciti a fare l'amore.

specifico che mi sembra abbastanza lubrificata durante l'atto, e per aiutare pratico su di lei sempre sesso orale prima della penetrazione.

siamo molto ignoranti in materia in quanto nuovi all'esperienza. e volevamo capire meglio come funziona (pensavamo anche che potesse essere l'imene a bloccare il "proseguimento" ma tale membrana è posta all'entrata quindi è stata già passata e non crea ostacoli vero?)


chiedo scusa se ho posto molte domande dalle risposte ovvie ma abbiamo bisogno di rassicurazioni o eventuali consigli medici nel caso ci possa essere un problema (so che una visita ginecologica sarebbe la cosa migliore per togliere ogni dubbio su eventuali problemi fisici, ma al momento non è disposta a farne)

sperando di essere stato chiaro nell'esposizione dei fatti e delle domande vi ringrazio per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Agostino Menditto

40% attività
4% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
AVERSA (CE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Credo che i problemi siano legati semplicemente alle difficoltà che normalmente si presentano le prime volte che ci si approccia ai rapporti sessuali. Tenderei ad escludere problematiche di vaginismo, per le quali invito a leggere il seguente Minforma:

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/21-vaginismo.html

Consiglio di vivere con serenità questi primi momenti di conoscenza sessuale, e, se evitate che l'ansia prenda il sopravvento, vedrete che tutto prenderà la giusta piega.

Cordiali saluti,
Dr. Agostino Menditto
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
Responsabile U.O. Ginecologia e Ostetricia
Clinica Mediterranea - Napoli

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore.
solo un'ultima domanda su cui, chiedo scusa, ma insisto per chiarire.

una penetrazione di 6/7 cm può considerarsi normale per una ragazza alle sue primissime esperienze (o normale in generale)? potrebbe essere questo il limite massimo (fino al raggiungimento della cervice, se ho usato il termine giusto) o è più normale aspettarsi penetrazioni più profonde?

come dice lei, vorremmo affrontare le cose con più serenità possibile e per questo avrei bisogno di sapere in dettaglio come funzionano le cose.

Cordiali Saluti.

[#3]  
Dr. Agostino Menditto

40% attività
4% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
AVERSA (CE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La vagina è un organo molto elastico, quindi la penetrazione può essere completa. Credo che sia parziale per una resistenza muscolare (non classificabile come vaginismo, altrimenti sarebbe impossibile la penetrazione) legate a comprensibili remore che una donna può manifestare all'inizio dell'attività sessuale. E' chiaro che una visita ginecologica può aiutare una donna anche a prendere coscienza della propria anatomia.
Dr. Agostino Menditto
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
Responsabile U.O. Ginecologia e Ostetricia
Clinica Mediterranea - Napoli

[#4]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

in accordo con quanto già affermato dal Collega, le prime esperienze sessuali sono investite di aspettative e di emozioni.
A rovinare un momento così importante e intimo spesso possono esserci emozioni che con la sessualità non dovrebbero avere a che vedere, quali la paura (di provare dolore, anticipandolo?)o la vergogna e l'imbarazzo (condivisione di intimità e del piacere sessuale).
A volte anche una scarsa conoscenza del proprio corpo, delle proprie reazioni emotive possono compromettere la qualità della vita sessuale nella coppia.
Spesso non è così immediato trovarsi a proprio agio anche sessualmente, a differenza di quanto si possa pensare.
Pertanto suggerirei di continuare a sperimentare e poi, eventualmente, di riparlarne.

Saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#5] dopo  
Utente
grazie ancora per le risposte. i rapporti ora vanno molto meglio rispetto a prima. anche se la mia compagna non riesce a provare sempre piacere. anzi, quasi mai. perlomeno ora il dolore è sparito quasi completamente e la penetrazione è più profonda.

spero, anche attraverso altre stimolazioni di riuscire a farla arrivare all'orgasmo, ma questo è un altro discorso e credo servirà diverso tempo, ma credo accadrà tutto normalmente anche se sarebbe la sua prima volta..

[#6]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Utente,
dal momento che pare siate sulla strada giusta per vivere una sessualità di coppia soddisfacente, perché non proseguire il cammino effettuando qualche colloquio di coppia presso un consultorio familiare della vostra zona, dove potrete trovare a vostra disposizione ginecologi e psicologi?


Saluti a entrambi.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
paola.scalco@gmail.com

[#7] dopo  
Utente
la ringrazio per la risposta e l'augurio, ma chiedo cortesemente se, nel rispetto della privacy, è possibile rimuovere l'url dato che mostra chiaramente una zona geografica. grazie.

[#8] dopo  
 Staff Medicitalia.it

Url rimosso.