Utente 554XXX
Buongiorno. Gradirei avere un vostro parere e per questo credo necessiti un quadro della mia situazione. Ho avuto per diverso tempo una recidiva di infezioni vaginali, praticamente tutte (malgrado rapporti protetti fin dall’inizio o addirittura in assenza di rapporti). Sembra fossero dovute più a uno squilibrio della flora vaginale che altro. Da due anni mi sono più o meno stabilizzata. I disturbi si limitano ogni tanto a del prurito, mi sottopongo sempre a continui tamponi vaginali, ma quello che ogni tanto risulta e solo e sempre lo streptococco e la mia ginecologa dice che così com’è ora la situazione non è più il caso di trattarlo. Da un anno e mezzo sono però cominciate le infezioni urinarie e anche qui dopo numerosi antibiotici che mi hanno anche fatto male, sono in cura da un urologo da un mese e mezzo. A parte alcuni accertamenti di routin sembra anche qui che più che vere e proprie cistiti si tratti di un scompenso della flora vescicale e mi aspettano mesi di fermenti. A questo ora si aggiunge un fatto strano, le piccole labbra sono diventate come ipersensibili, sembrerebbe anche logico, visto tutte le vicissitudini, ma mi sembra esagerato. Non saprei come altro spiegarlo, si infiammano, prudono, bruciano e si tagliano. Sono diventate ipersensibili allo sfregamento durante i rapporti e non dipende dalla durata. Inutile l’uso di umettanti aggiuntivi, li uso, aiutano, ma non evitano il problema. Mi è capitato di presentarmi al pronto soccorso con una vescica bianca formatasi proprio lì che sembrava Herpes ma era solo una vescica da sfregamento. La presenza o no del preservativo non cambia la situazione. Inoltre il mio compagno ha notato che ultimamente dopo il rapporto anche il suo pene si arrossa e a volte presenta dei puntini rossi che però non danno alcun fastidio ne dolore e passano nel giro di alcuni giorni. Vi ringrazio in anticipo per la vostra consulenza.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'esame batteriologico a fresco del secreto vaginale ha messo in evidenza qualcosa?
Biancheria intima non sintetica e non colorata.
VALUTAZIONE VULVOSCOPICA.
SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 554XXX

Grazie del commento. Per esame batteriologico a fresco del secreto lei intende il PAP TEST? Se è questo ho appena fatto il controllo a dicembre non c'era nulla, diceva solo "batteri". Se intendo il tampone completo l'ho fatto all'inizio di dicembre ed era a posto.Che esame è valutazione vulvoscopica?Una colpocscopia?Grazie, cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ritengo utile gentile utente, rivolgersi presso la sede Specialistica Venereologica (con l'esperto di cute e mucose genitali) per confermare od escludere una potenziale vulvo-vaginite batterica, la quale può arrecare - lo si dice in via telematica e non vincolante - una sintomatologia di questo genere, ivi compresa la ipersensibilità delle mucose genitali della vagina.

Il PAP test è una metodica fondamentale ed imprescindibile, ma non specifica per la valutazione di questo problema.

Cari saluti e disponibilità per ulteriori ragguagli.
Dr. Luigi Laino Direttore Centro Latuapelle Roma
www.latuapelle.it
www.lichensclerosus.it

[#4]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'esame batteriologico a fresco non è il PAPtest.
Si esegue prelevando dalla vagina con la spatolina di AYRE del muco si stempera in soluziobe fisiologica su un vetrino e si esamina al microscopio a contrasto di fase.
La diagnosi è immediata per CANDIDA,TRICHOMONAS e Gardnerella vaginalis(VAGINOSI BATTERICA).
Non facciamo confusione con la prevenzione oncologica.
SALUTI!!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5] dopo  
Utente 554XXX

Grazie del consiglio.Mi informerò immediatamente per trovare questo tipo di specialista nella mia zona, (provinci a di Varese - Milano), non sapevo ci fosse. Per quanto riguarda l'esame batteriologico, scusi l'ignoranza, ma mi sembra si tratti proprio del tampone vaginale completo (ricerca betteri/candida/tricom ecc...).....sì l'ho appena fatto..era a posto....non ne posso più di farlo ogni due mesi.....oltre al costo!!!..comunque posso rifarlo, anzi lo rifarò per forza......ho già l'impegnativa in mano.Grazie per le consulenze.

[#6]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non si tratta di una coltura,ma di un esame in "real time"che si esegue in ambulatorio.
SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI