dubbi sulla diagnosi

Buongiorno,
ho bisogno di chiedere alcune informazioni anche a voi perché ho dei dubbi su una diagnosi che mi è stata fatta.

Allora comincio nel dirvi che dopo le mestruazioni ( 1 agosto, ho cominciato ad avere dolori al lato sinistro basso ventre, che sembravano dolori mestruali leggermente più forti, e delle perdite che mi sono durate per pochi giorni.
Questo dolore mi è continuato per circa dieci giorni, in cui trovandomi in vacanza sono solo potuta andare dal medico locale che mi ha prescritto un antibiotico pensando fosse un'infezione. Al mio ritorno, ho avuto il 17 agosto un ciclo mestruale esageratamente abbondante, che mi è durato per 12 giorni, e si è fermato solo grazie al medico di famiglia mi ha detto di prendere un antiemorragico "ugurol". Avevo, tuttavia, ancora dei dolori fastidiosi che però si erano spostati al lato destro, sempre al basso ventre.
Preoccupata sono andata in ospedale, dove mi hanno vista due medici, e facendomi l'ecografia interna mi hanno parlato di "follicolo emorragico", mi hanno dato una cura di antibiotici e tachipirina e mi hanno detto di ripetere la visita dopo qualche giorno per vedere se si stessero riassorbendo.
Sono andata,così, da un ginecologo privato, mi ha fatto un'ecografia vaginale e mi ha dato le seguenti informazioni:
Utero retroverso, Annesso sinistro aumentato di volume e dolente;
Ecografia vaginale: ovaie micropolicistiche. A carico dell'ovaio sinistro presenza di una formazione cistica complessa delle dimensioni di 4,7 x2.7 cm ( corpoluteo emorragico?) si richiede dosaggio: CA125,CA19-9,a fetoproteina, CEA.
Mi ha detto che il dolore era dovuto anche al colon irritabile perché prima si era spostato a destra e poi a sinistra. Mi ha dato poi la seguente terapia:
Sibilla per 6 mesi
Intanto ho fatto il prelievo e dai risultati, un esame è uscito con valori molto alti, ovvero il CA125 che è uscito con il valore: 390.9 H U/ml e i valori normali sono da 0-35 .
Così l'ho chiamato e mi ha detto che devo fare una risonanza magnetica.

Allarmata però, ho deciso di voler fare un altro consulto che in realtà mi ha confusa, più che rassicurata; la diagnosi di questo ginecologo è totalmente differente da quella che mi era stata fatta prima.
Dopo aver fatto anche lui un'ecografia vaginale mi ha detto:
che non ho l'ovaio policistico, e che spesso quest'etichetta viene attribuita facilmente, le persone con l'ovaio policistico sono grasse, con la pelle grassa,non hanno mestruazioni per mesi. La cisti in questione, che il precedente dottore aveva notato, in realtà è il mio ovaio che si è attorcigliato su se stesso, ed è per questo che ho avuto il dolore.Anche lui mi ha detto di fare una risonanza magnetica e mi ha detto che il valore così alto del CA poteva essere segno di un'infiammazione avvenuta.
So che è difficile per voi, senza ecografia, riuscir a capire chi dice il vero ma, secondo voi quali delle due diagnosi può essere possibile?E' normale che due medici mi rilascino due diagnosi completamente diverse
[#1]
Prof. Simone Ferrero Ginecologo 1,3k 57
Penso che la cosa più probabile sia un corpo luteo emorragico, che è in accordo con la sintomatologia dolorosa e con l'aumento del Ca125 a causa dell'irritazione peritoneale. Suggerirei di ripetere a breve (una settimana circa) il dosaggio del Ca125, se il valore fosse diminuito potrebbe potrebbe esserci un dato in più a favore di una transitoria irritazione peritoneale. Se i tempi di esecuzione della risonanza fossero lunghi, considererei di ripetere un'ecografia transvaginale prima della risonanza per confermare la persistenza della cisti ovarica (che potrebbe andare incontro ad un riassorbimento).

Prof. Simone Ferrero
www.simoneferrero.it
www.piazzadellavittoria14.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio tantissimo per le delucidazioni!
Ho già prenotato la risonanza magnetica che dovrei riuscire a fare in questi giorni, oggi comincio con gli esami "di preparazione" ( elettrocardiogramma, prelievi per l'allergia, radiografia).
Secondo lei quindi, dovrei ascoltare più il primo o il secondo ginecologo?
E' 'è possibile quindi che l'ovaio sia rotato e che quindi per questo motivo ho avvertito dolore( come diceva il 2°dottore)?
oppure è più plausibile l''ipotesi che si tratti di cisti? Perché il secondo medico l'escludeva a priori, dicendo che per come sono fisicamente(1,70 x 52 kg), è impossibile che abbia l'ovaio micropolicistico.
[#3]
Prof. Simone Ferrero Ginecologo 1,3k 57
É possibile che una torsione dell'ovaio abbia causato il dolore; penso che si tratto di un corpo luteo emorragico o cisti emorragica.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test